Keystone
ZURIGO
18.01.18 - 10:410

A processo per presunti contatti con la ‘ndrangheta

Un 56enne residente nel Canton Zurigo era già stato condannato in prima istanza a 8 anni di carcere

ZURIGO - Un italiano di 56 anni residente nel canton Zurigo viene giudicato oggi dal tribunale di seconda istanza sui suoi presunti contatti con la 'ndrangheta calabrese. In prima istanza l'uomo è stato condannato a otto anni di prigione per un vasto traffico di cocaina.

Nel novembre 2015 il Tribunale distrettuale di Bülach (ZH) ha giudicato l'italiano colpevole di gravi infrazioni alla legge sugli stupefacenti e di preparativi per una rapina. Oltre ad aver fatto arrivare cocaina dalla Spagna utilizzando un aereo da turismo, il 56enne pianificò assieme ad altri complici l'assalto ad un portavalori di UBS che non venne però messo in atto.

L'uomo è invece stato assolto dalle accuse più gravi, ossia di aver avuto contatti con la 'ndrangheta e di aver riciclato denaro. Per questo motivo, il Ministero pubblico - che davanti alla prima istanza chiedeva una condanna a 14 anni di prigione - ha portato il caso davanti al Tribunale cantonale. Anche la difesa ha fatto appello contro la sentenza della prima istanza e si batte ora per una condanna più mite.

Il primo processo è stato contraddistinto da una lunga sospensione. Un anno prima di arrivare alla sentenza, gli avvocati della difesa abbandonarono l'aula per protesta, rimproverando ai giudici di avere loro impedito di consultare gli atti. Il Tribunale cantonale ha però in seguito respinto la loro domanda di ricusazione.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
2 ore
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
4 ore
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
SVIZZERA
4 ore
Le piazze svizzere contro il 5G
Manifestazioni oggi a Berna, Ginevra e Zurigo. I dimostranti «preoccupati per la salute»
DAVOS
4 ore
Tagliata fuori dalla foto con Greta
L'attivista ugandese Vanessa Nakate polemizza con l'agenzia AP: «Discriminata perché di colore»
VAUD
9 ore
Il predatore sordo che la giustizia non ha saputo fermare
Per almeno un decennio un giovane ha abusato sessualmente di diverse ragazze con il suo stesso handicap. E questo nonostante le condanne
FOTO
ARGOVIA
11 ore
Il piede incastrato tra gas e freno, poi lo schianto
Il tamponamento, avvenuto ieri sera ad Aarburg, ha provocato il ferimento di sei persone
NIDVALDO
12 ore
Camionista ubriaco fermato sull'A2
L'uomo, diretto verso sud, è stato intercettato ieri sera a Beckenried. La polizia nidvaldese gli ha ritirato la patente
ARGOVIA
13 ore
Minaccia un tassista con il coltello: arrestato un 26enne ad Aarau
Fuggito a mani vuote, l'aggressore è stato in seguito fermato dalla polizia
SVIZZERA
13 ore
Gli 007 elvetici «non sorvegliano i politici»
Il direttore del SIC difende l'operato dei servizi segreti svizzeri e smonta la polemica. Anche se i dubbi su certe attività rimangono
SVIZZERA
15 ore
Traffico nei cieli per il WEF, nonostante il clima
Durante il Forum sono stati rilevati mille movimenti aerei in più. Numero stabile rispetto allo scorso anno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile