Archivio Keystone
SVIZZERA
03.01.18 - 06:590
Aggiornamento : 08:32

Raffiche a 146 km/h sul Säntis, Burglind è arrivata

La tempesta ha raggiunto il Nord delle Alpi: la fase più critica è attesa tra le 10.00 e le 12.00 quando il vento potrà raggiungere anche i 130 chilometri orari in pianura

BERNA - Venti fino a 130 chilometri orari in pianura. Addirittura fino a 150 in montagna. La tempesta Burglind era attesa. Ed è puntualmente arrivata a Nord delle Alpi. La fase più critica è prevista tra le 10.00 e le 12.00 di oggi. «È la tempesta più violenta dai tempi di Lothar (vedi box)», precisa il meteorologo di Meteonews Roger Perret.

Raffiche a 146 chilometri orari sul Säntis - Il vento ha iniziato a soffiare impetuoso già nel corso della notte. Sul Säntis, montagna situata tra i due semi cantoni di Appenzello e San Gallo, alle 4.00 del mattino sono state misurate raffiche che raggiungevano la velocità di 146 chilometri orari. Sulle pianure del Canton Soletta la forza del vento ha invece toccato i 116 km/h a Rünenberg. Al momento non si segnalano ancora danni provocati dalla tempesta.

Strada chiusa a Zurigo - La strada tra Dietikon e Kloten è stata chiusa in entrambe le direzioni a causa del forte vento. All'aeroporto di Zurigo per ora la situazione non è critica. Le raffiche hanno raggiunto (per ora) la velocità di 50 chilometri orari e non hanno ritardato le operazioni di volo.

Pioggia battente - La tempesta è accompagnata da forti piogge, che hanno investito in particolar modo la Svizzera occidentale.

18 anni (e qualche giorno) dopo Lothar - L'uragano Lothar colpì la Svizzera il giorno di Santo Stefano del 1999. Quel 26 dicembre di 18 anni fa il nostro Paese fu devastato dalla forza della tempesta. I venti spirarono impetuosi e furono registrate velocità da capogiro: 249 km/h sulla Jungfrau e 241 km/h sull'Üetliberg, la collina che domina Zurigo (241 km/h). Lothar provocò morte e devastazione su gran parte del territorio elvetico (il Ticino e la Svizzera sudorientale furono risparmiati) sia direttamente che indirettamente. La tempesta uccise infatti 14 persone nel 1999, mentre altre 15 persero la vita l'anno successivo durante i lavori di sgombero nei boschi. I danni materiali furono immensi:  600 milioni di franchi agli edifici e 750 milioni per danni e costi successivi legati alle foreste.

 

Lettore 20 Minuten
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Helena Zaugg Wildi 1 anno fa su fb
Bella foto del Säntis!?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
2 ore

Pericoloso jihadista ginevrino arrestato in Siria

È Daniel D., entrato a far parte dello Stato Islamico nel 2015. È finito in carcere durante un conflitto armato e avrebbe voluto pianificare un attacco terroristico in Svizzera

SVIZZERA
2 ore

All'università aumentano gli studenti con problemi psichici

Attacchi di panico, disturbi del sonno, depressioni. Sono queste le patologie di cui soffrono molti studenti universitari che si rivolgono agli organi di consulenza attivi negli atenei.

SVIZZERA
3 ore

I collaboratori della Confederazione volano sempre di più

Negli ultimi sette anni i voli sono aumentati del 40%. I motivi? La crescente internalizzazione e ai nuovi mandati parlamentari

ARGOVIA
5 ore

Caimano nel lago: «Arrivano meno bagnanti, ma siamo sereni»

Dopo il pescatore degli scorsi giorni, un secondo testimone afferma di aver osservato il rettile

BERNA
5 ore

Riforme G20 e OCSE, un rischio miliardario per la Svizzera?

I progetti potrebbero causare perdite alla Confederazione tra 1 e 5 miliardi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile