Archivio Keystone
SVIZZERA
03.01.18 - 06:590
Aggiornamento : 08:32

Raffiche a 146 km/h sul Säntis, Burglind è arrivata

La tempesta ha raggiunto il Nord delle Alpi: la fase più critica è attesa tra le 10.00 e le 12.00 quando il vento potrà raggiungere anche i 130 chilometri orari in pianura

BERNA - Venti fino a 130 chilometri orari in pianura. Addirittura fino a 150 in montagna. La tempesta Burglind era attesa. Ed è puntualmente arrivata a Nord delle Alpi. La fase più critica è prevista tra le 10.00 e le 12.00 di oggi. «È la tempesta più violenta dai tempi di Lothar (vedi box)», precisa il meteorologo di Meteonews Roger Perret.

Raffiche a 146 chilometri orari sul Säntis - Il vento ha iniziato a soffiare impetuoso già nel corso della notte. Sul Säntis, montagna situata tra i due semi cantoni di Appenzello e San Gallo, alle 4.00 del mattino sono state misurate raffiche che raggiungevano la velocità di 146 chilometri orari. Sulle pianure del Canton Soletta la forza del vento ha invece toccato i 116 km/h a Rünenberg. Al momento non si segnalano ancora danni provocati dalla tempesta.

Strada chiusa a Zurigo - La strada tra Dietikon e Kloten è stata chiusa in entrambe le direzioni a causa del forte vento. All'aeroporto di Zurigo per ora la situazione non è critica. Le raffiche hanno raggiunto (per ora) la velocità di 50 chilometri orari e non hanno ritardato le operazioni di volo.

Pioggia battente - La tempesta è accompagnata da forti piogge, che hanno investito in particolar modo la Svizzera occidentale.

18 anni (e qualche giorno) dopo Lothar - L'uragano Lothar colpì la Svizzera il giorno di Santo Stefano del 1999. Quel 26 dicembre di 18 anni fa il nostro Paese fu devastato dalla forza della tempesta. I venti spirarono impetuosi e furono registrate velocità da capogiro: 249 km/h sulla Jungfrau e 241 km/h sull'Üetliberg, la collina che domina Zurigo (241 km/h). Lothar provocò morte e devastazione su gran parte del territorio elvetico (il Ticino e la Svizzera sudorientale furono risparmiati) sia direttamente che indirettamente. La tempesta uccise infatti 14 persone nel 1999, mentre altre 15 persero la vita l'anno successivo durante i lavori di sgombero nei boschi. I danni materiali furono immensi:  600 milioni di franchi agli edifici e 750 milioni per danni e costi successivi legati alle foreste.

 

Lettore 20 Minuten
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Helena Zaugg Wildi 2 anni fa su fb
Bella foto del Säntis!?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La crisi affligge anche il cioccolato, licenziamenti da Läderach
La chiusura dei negozi e l'assenza di turisti hanno pesato molto sul fatturato dell'azienda
BERNA
2 ore
Duplice omicidio di Spiez: «L'autore sarà internato»
Nel 2013 l'uomo uccise barbaramente il direttore di un istituto pedagogico minorile e la sua compagna.
ZURIGO
2 ore
«Segnalare un problema non è tradimento»
Il Cda dell'ospedale universitario ha deciso di creare una struttura esterna per proteggere i dipendenti che denunciano.
SVIZZERA
4 ore
«In arrivo un'ondata di fallimenti»
È cupa la previsione di Heinz Karrer, Presidente di economiesuisse
GLARONA
4 ore
La terra trema ripetutamente nelle Alpi glaronesi
La scossa più forte è stata avvertita nella giornata di martedì
GINEVRA
4 ore
«Covid-19 come la peste, non finirà mai»
«La medicina ha fatto una figuraccia; sbagliato dare agli scienziati un credito illimitato».
VAUD
13 ore
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
15 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
SVIZZERA
20 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
21 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile