fotolia
SVIZZERA
30.12.17 - 13:570
Aggiornamento : 17:40

Donne al volante? Una sicurezza

Sia le statistiche sugli incidenti sia le osservazioni degli psicologi del traffico sfatano il detto “donne al volante, pericolo costante”

BERNA - La donne al volante? Sono una sicurezza, o quantomeno è meno rischioso viaggiare se sono loro a guidare. È quanto risulta sia dalle statistiche sugli incidenti sia dalle osservazioni degli psicologi del traffico.

Al volante le donne sono più disciplinate e si assumono meno rischi rispetto agli uomini, e ciò benché abbiamo meno esperienza, indica all'ats la psicologa Uwe Ewert dell'Ufficio prevenzione e infortuni (Upi).

Rispetto agli uomini, le donne non amano la velocità e sono meno spesso sotto l'influenza dell'alcool. Questi due fattori di rischio distinguono a suo dire chiaramente i due sessi quando sono al volante.

Il numero di incidenti è più o meno uguale quando vengono messi in relazione ai chilometri percorsi, con però una differenza fondamentale. «Gli incidenti causati dagli uomini risultano molto più gravi rispetto a quelli provocati da donne», sottolinea Ewert. La possibilità di ferirsi gravemente o di morire è nettamente più alta tra gli esponenti del sesso "forte".

Nel 1974, il 63% degli uomini aveva la patente a fronte del 36% delle donne. Oggi tali percentuali sono rispettivamente dell'88% e del 76%, secondo dati dell'Ufficio federale di statistica.

Quanto al numero di chilometri percorsi, che svolge un ruolo nella probabilità di incidenti, è di 28 km al giorno per gli uomini e di 20 km per le donne. Queste ultime guidano molto di meno sulle autostrade, dove il rischio di incidenti è più basso. Le donne causano invece numerosi incidenti agli incroci.

Da un punto di vista statistico, gli uomini sono due volte più numerosi rispetto alle donne ad essere coinvolti in incidenti gravi, secondo un'analisi dell'Upi. Nel 2016, si sono registrati 2600 uomini coinvolti in incidenti gravi rispetto a 1400 donne. La strada ha causato 216 morti: 151 uomini e 65 donne.

Gli incidenti gravi causati da donne sono dovuti in buona parte al non rispetto della precedenza: sono due volte più frequenti degli incidenti causati da disattenzione o eccessiva velocità, e otto più elevati rispetto agli incidenti provocati dall'alcool.

Tra gli uomini, il mancato rispetto della precedenza è la causa principale di incidenti, ma tale dato è solo due volte più elevato rispetto alla disattenzione, la velocità o l'alcool.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Ci manca che qualche squinternato di psicologo dica che le donne sono più intelligenti degli uomini e poi battono ogni record panzanaggine... :-))))
Bandito976 2 anni fa su tio
Certo, sono brave dove vogliono loro, dietro al volante. Poi a fare le pulizie a casa o cucinare? Perché non fanno la statistica sulla campionessa del casalingo?
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Questa è evidentemente una FAKE NEWS ! ! !... :-))))))
aquilasolitaria 2 anni fa su tio
Caro Mr Black le statistiche parlano chiare tutte le donne si sa sono molto più disciplinate al volante , metti che hanno bimbi , che non sono frettolose come noi uomini metti quello che vuoi noi ne veniamo fuori perdenti in partenza fattene una ragione . E poi lo dici te che sono imbranate , ci sono donne con le p... e credimi
miba 2 anni fa su tio
Mah, io penso che alla fine vi siano donne imbranate e uomini imbranati, donne brave alla guida e uomini bravi alla guida, donne che bevono e uomini che bevono ecc ecc ecc. Quello che non capisco (e non scherzo...) è quale sia concretamente il ruolo/funzione/utilità di una psicologa
Wunder-Baum 2 anni fa su tio
Con tutte il rispetto del sesso femminile, ci sono però donne che girano con enormi automobili che, aime, non sono capaci a condurre !
MrBlack 2 anni fa su tio
Riassumendo: più prudenti ma più imbranate :-)
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
L'app SwissCovid non convince
Il 56% della popolazione non intende installarla sul proprio cellulare. C'è chi teme per la protezione dei dati.
SVIZZERA
5 ore
Svizzera e Stati Uniti a braccetto nello sviluppo di droni
Si mira in particolare a migliorare la loro integrazione in sicurezza nello spazio aereo
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
8 ore
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
9 ore
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
10 ore
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
11 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
BERNA
11 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
SVIZZERA
12 ore
129 nuovi casi di coronavirus in Svizzera
Sei persone sono finite in ospedale. Oltre 10mila i tamponi effettuati
VALLESE
14 ore
A 104 km/h sul 50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile