ZURIGO
22.12.17 - 11:530

Tamedia, le redazioni romande vogliono negoziare con la direzione

Saranno ricevute alle 13 dai vertici del gruppo

 

ZURIGO - Confrontate con le ristrutturazioni annunciate da Tamedia, le redazioni dei media romandi controllati dal gruppo zurighese esigono di poter negoziare con i piani alti. Una delegazione si è recata oggi a Zurigo per trasmettere alla direzione della società le rivendicazioni dei giornalisti, si legge in un comunicato.

Il personale romando di "24 Heures", "Matin Dimanche", "Le Matin", "Tribune de Genève" e "Femina" ha espresso nella nota la propria sfiducia nei confronti di Serge Reymond, direttore del settore "Media a pagamento" presso Tamedia. A questo proposito, è stata infatti svolta una votazione interna nella quale la grande maggioranza si è espressa contro Reymond, reo di ignorare la voce dei dipendenti.

I giornalisti chiedono dunque di poter discutere direttamente con il presidente del consiglio d'amministrazione Pietro Supino e il CEO Christoph Tonini. La rappresentanza incontrerà i vertici di Tamedia alle 13, ha fatto sapere all'ats Cécile Collet di "24 Heures". Nell'occhio del ciclone vi è in primo luogo la scomparsa della versione cartacea di "Le Matin", che nelle intenzioni dell'editore dovrebbe concretizzarsi in un futuro non troppo lontano.

La tempistica al riguardo resta sconosciuta, in quanto Tamedia non ha ancora preso nessuna decisione definitiva in merito, aveva detto due settimane fa all'ats il portavoce Patrick Matthey. La rinuncia a stampare il quotidiano romando è però già stata discussa internamente.

Fra le pretese delle redazioni francofone vi è inoltre una moratoria di due anni sui licenziamenti per motivi economici e una minore esigenza di redditività legata alle varie testate. Esse reclamano anche negoziati sulla riorganizzazione del lavoro. Dal loro punto di vista, queste richieste sono state trasmesse a Reymond, che però non le ha né ascoltate né prese sul serio.

Fra i cambiamenti comunicati da Tamedia vi è stato in agosto quello relativo a un raggruppamento delle redazioni sovraregionali in Svizzera romanda e tedesca. Questa nuova entità fornirà contenuti svizzeri, internazionali, economici e sportivi ai vari media che fanno parte del gruppo. In programma pure una fusione fra le redazioni di "Le Matin" e "20 Minutes".

Un centinaio di manifestanti, in gran parte giornalisti, ha protestato venerdì scorso a Losanna contro la politica del gruppo editoriale. Sugli striscioni dei presenti si potevano leggere slogan come "Tamedia uccide i vostri media" e "Fake News: il futuro della stampa è radioso".

TOP NEWS Svizzera
RUSSIA / BERNA
22 min

Festa all'ambasciata svizzera, lo sponsor non è problematico

Questo nonostante tra i mecenati figuri l'oligarca Gennady Timochenko

GLARONA
3 ore

Cade e la moto prende fuoco, centauro ferito sul Klausen

Il motociclista avrebbe preso la curva troppo velocemente perdendo il controllo della moto e finendo a terra

GRIGIONI
6 ore

Due ciclisti investiti sulla strada del Maloja

L'incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri

TURGOVIA
8 ore

Atterraggio turbolento per un piccolo due posti

Il velivolo è rimasto danneggiato. Pilota e passeggera se la sono però cavata senza ferite

ZURIGO
9 ore

Dramma familiare, il padre collaborava con la Polizia

Quattro persone sono morte giovedì a Affoltern am Albis. Il quartiere è sotto shock mentre perseguono le indagini per chiarire le circostanze esatte della tragedia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile