BERNA
21.12.17 - 09:210
Aggiornamento : 11:12

Bere e mettersi alla guida: conosci i limiti consentiti?

Sempre meno svizzeri sanno quanto possono bere prima di mettersi al volante. I consigli dell'upi per evitare che un aperitivo si trasformi in tragedia

BERNA - Sempre meno automobilisti svizzeri sono in grado di indicare il limite del tasso di alcolemia consentito. Almeno stando a quanto rivela l'upi, Ufficio prevenzione infortuni. 

Infatti, dal 2016, con l'introduzione del nuovo metodo di misurazione il tasso si calcola in milligrammi per litro di aria espirata. Novità di cui in Svizzera sembrano essere a conoscenza pochissime persone.

Il nuovo calcolo - Dal 1° ottobre 2016, in Svizzera si applica l'accertamento etilometrico probatorio con un nuovo metodo di misurazione, ossia la concentrazione di alcol in milligrammi di aria espirata. L'upi ha condotto un sondaggio da cui si evince che gli automobilisti svizzeri conoscono sempre meno il limite di tasso alcolemico vigente di 0,25 mg/l (rispettivamente di 0,5 per mille); questo a prescindere dall'unità di misura.

Mentre nel 2005 solo il 3% degli intervistati indicava un tasso superiore a quello consentito, adesso il 12% crede di potere bere più di quanto ammesso dalla legge una volta concluso il periodo di prova.
 
Dallo stesso sondaggio emerge altresì che meno del 2% degli svizzeri intervistati dice spontaneamente che il limite di alcolemia può essere misurato in milligrammi di alcol per litri d'aria espirata (mg/l). Circa il 40% degli svizzeri risponde con un valore in per mille, l'unica unità di misura in vigore prima di ottobre del 2016, e la percentuale rimanente di intervistati, ovvero la grande maggioranza, non sa indicare spontaneamente un'unità di misura o non risponde del tutto.

Rischio moltiplicato per due - Sapere che il consumo di alcol altera la capacità di guida è fondamentale per quanto riguarda i tempi di reazione, la sopravvalutazione delle proprie capacità, la visuale ecc. Con un tasso di 0,25 mg/l (rispettivamente di 0,5 per mille) il rischio per il conducente di subire un incidente mortale è inoltre due volte superiore rispetto a un tasso zero. Ecco perché l'upi raccomanda, anche durante le festività di fine anno: chi guida non beve.

Per la fine di quest'anno, nell'ambito della sua campagna di prevenzione l'upi lancia un filmato realizzato in collaborazione con la polizia della Svizzera romanda e del Ticino. Il video diffuso sui social network riproduce un incidente particolarmente violento causato da un automobilista al suo rientro da un aperitivo.

I consigli dell'upi
- Il divieto valido per i neopatentati dovrebbe essere preso come esempio da tutti: chi guida non beve.
- Se non vuoi rinunciare all'alcol, scegli i trasporti pubblici o prendi un taxi, non bere più di un bicchiere di alcol oppure fatti accompagnare da una persona che non assume alcolici.
- Non combinare mai l'assunzione di alcol e di medicamenti. Nel caso in cui devi prendere farmaci, informati presso uno specialista sui possibili effetti collaterali sulla capacità di guida.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
7 ore
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
10 ore
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
10 ore
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
BASILEA
12 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
12 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
12 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
14 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
15 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
16 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
17 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile