BERNA
21.12.17 - 09:210
Aggiornamento : 11:12

Bere e mettersi alla guida: conosci i limiti consentiti?

Sempre meno svizzeri sanno quanto possono bere prima di mettersi al volante. I consigli dell'upi per evitare che un aperitivo si trasformi in tragedia

BERNA - Sempre meno automobilisti svizzeri sono in grado di indicare il limite del tasso di alcolemia consentito. Almeno stando a quanto rivela l'upi, Ufficio prevenzione infortuni. 

Infatti, dal 2016, con l'introduzione del nuovo metodo di misurazione il tasso si calcola in milligrammi per litro di aria espirata. Novità di cui in Svizzera sembrano essere a conoscenza pochissime persone.

Il nuovo calcolo - Dal 1° ottobre 2016, in Svizzera si applica l'accertamento etilometrico probatorio con un nuovo metodo di misurazione, ossia la concentrazione di alcol in milligrammi di aria espirata. L'upi ha condotto un sondaggio da cui si evince che gli automobilisti svizzeri conoscono sempre meno il limite di tasso alcolemico vigente di 0,25 mg/l (rispettivamente di 0,5 per mille); questo a prescindere dall'unità di misura.

Mentre nel 2005 solo il 3% degli intervistati indicava un tasso superiore a quello consentito, adesso il 12% crede di potere bere più di quanto ammesso dalla legge una volta concluso il periodo di prova.
 
Dallo stesso sondaggio emerge altresì che meno del 2% degli svizzeri intervistati dice spontaneamente che il limite di alcolemia può essere misurato in milligrammi di alcol per litri d'aria espirata (mg/l). Circa il 40% degli svizzeri risponde con un valore in per mille, l'unica unità di misura in vigore prima di ottobre del 2016, e la percentuale rimanente di intervistati, ovvero la grande maggioranza, non sa indicare spontaneamente un'unità di misura o non risponde del tutto.

Rischio moltiplicato per due - Sapere che il consumo di alcol altera la capacità di guida è fondamentale per quanto riguarda i tempi di reazione, la sopravvalutazione delle proprie capacità, la visuale ecc. Con un tasso di 0,25 mg/l (rispettivamente di 0,5 per mille) il rischio per il conducente di subire un incidente mortale è inoltre due volte superiore rispetto a un tasso zero. Ecco perché l'upi raccomanda, anche durante le festività di fine anno: chi guida non beve.

Per la fine di quest'anno, nell'ambito della sua campagna di prevenzione l'upi lancia un filmato realizzato in collaborazione con la polizia della Svizzera romanda e del Ticino. Il video diffuso sui social network riproduce un incidente particolarmente violento causato da un automobilista al suo rientro da un aperitivo.

I consigli dell'upi
- Il divieto valido per i neopatentati dovrebbe essere preso come esempio da tutti: chi guida non beve.
- Se non vuoi rinunciare all'alcol, scegli i trasporti pubblici o prendi un taxi, non bere più di un bicchiere di alcol oppure fatti accompagnare da una persona che non assume alcolici.
- Non combinare mai l'assunzione di alcol e di medicamenti. Nel caso in cui devi prendere farmaci, informati presso uno specialista sui possibili effetti collaterali sulla capacità di guida.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 min
La spesa in Italia? Domani non cambia niente
La Svizzera mantiene le limitazioni in entrata «fino a nuovo avviso». Ecco le decisioni del governo federale
SVIZZERA
2 ore
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
2 ore
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
2 ore
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
SVIZZERA
2 ore
Boccata d'ossigeno: Indice PMI in ripresa
I responsabili degli acquisti possono guardare al futuro con più ottimismo
VIDEO
SVIZZERA
4 ore
Quando prelevi al bancomat non lasciarti distrarre
La nuova campagna "Card Security" di Prevenzione Svizzera della Criminalità
SVIZZERA
4 ore
"Stop all'olio di palma", raccolte 56'000 firme
Il referendum mira a interrompere l'accordo di libero scambio con l'Indonesia
SVIZZERA
4 ore
L'ambasciatore difende la Cina: «Siamo stati trasparenti»
Geng Wenbing ha precisato che gli sforzi della Cina stanno ottenendo il riconoscimento e l'elogio dell'Oms
SVIZZERA
5 ore
Bisognerà ripensare la mobilità del futuro
In futuro bisognerà trovare il modo di coniugare i nuovi bisogni di mobilità con la protezione del clima.
SVIZZERA
6 ore
Rendite ponte per gli over 60, l'UDC minaccia il referendum
Per i democentristi si tratta di un invito a licenziare i lavoratori anziani.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile