keystone
SVIZZERA
18.12.17 - 07:430
Aggiornamento : 11:22

Abuso di posizione dominante per la Posta

La COMCO ha inflitto una multa di 22,6 milioni di franchi al Gigante giallo

BERNA - La Commissione della concorrenza (COMCO) ha inflitto alla Posta una multa di 22,6 milioni di franchi per abuso di posizione dominante. La sanzione è relativa al mercato degli invii in grandi quantità di lettere sopra i 50 grammi di clienti commerciali. Il gigante giallo respinge le accuse e rimanda la decisione al Tribunale amministrativo federale (TAF).

La Posta ha ostacolato il concorrente Quickmail e discriminato certi clienti utilizzando «un sistema di prezzi non trasparente», ha comunicato questa mattina la COMCO.

Nel corso dell'inchiesta condotta è emerso che l'ex regia federale non applicava uniformemente ai suoi clienti contrattuali né il sistema tariffario 2009, in vigore dal primo luglio 2009 al 31 marzo 2011, né il sistema CAPRI valido dal primo aprile 2011.

La Posta accorda ai clienti commerciali condizioni contrattuali speciali per invii postali di valore annuo pari o superiore a 100'000 franchi. Malgrado ciò, prosegue la COMCO, l'azienda ha trattato in modo diverso clienti con caratteristiche simili.

Per un gran numero di contratti sono stati concordati sconti inferiori a quelli stipulati nei sistemi tariffari. Alcuni clienti hanno quindi dovuto pagare prezzi più elevati di altri.

Oltre a ciò, l'ex regia ha introdotto uno sconto supplementare con il sistema CAPRI. I clienti venivano premiati se raggiungevano o superavano l'obiettivo di fatturato mensile concordato con la Posta, ma venivano penalizzati se non lo raggiungevano.

I rimproveri della COMCO nei confronti della Posta rappresentano una novità: mai prima d'ora la Commissione della concorrenza aveva sanzionato l'ex regia federale per posizione dominante. La COMCO si era attivata a causa di reclami da parte della concorrenza e di clienti.

Immediate le reazioni della Posta che ha respinto le accuse della Commissione rimandando la decisione al TAF. Convinta di aver sempre agito in modo legittimo nei confronti dell'utenza e dei concorrenti, l'ex regia federale - in un comunicato - ha affermato di ritenere la sanzione inflittale ingiustificata.

«La Posta crede fermamente di aver sempre agito in modo legittimo nei confronti dei clienti e del mercato e rimanda pertanto la decisione al Tribunale amministrativo federale», si legge nella nota.

Il gigante giallo ha sottolineato che i sistemi tariffari in questione sono stati sviluppati e impiegati nel rispetto della Legge sulle poste. La concorrenza non è mai stata ostacolata dai prezzi applicati. Poiché la COMCO non ha ancora giustificato la sua decisione, la Posta non è in grado di esprimersi sui dettagli.

La Posta - nella nota - ha sostenuto di aver interamente modernizzato nell'aprile 2011 il suo sistema tariffario rendendolo consapevolmente calcolabile e orientato ai costi. I prezzi per i clienti commerciali con un fatturato annuo superiore ai 100'000 franchi non vengono calcolati soltanto in base al volume di lettere previsto ma anche in base alle abitudini di spedizione, precisa il gigante giallo nel comunicato. Più un cliente contribuisce, con la propria pianificazione, le proprie abitudini e la preparazione degli invii, a ridurre i costi della Posta, maggiore sarà lo sconto a lui accordato.

Commenti
 
Zico 1 anno fa su tio
la Comco da una multa di 22,6 mio di franchi. li incassa la confederela. poi la confederela dice alla posta che mancano 22,6 mio di utili. cosa fa la posta: licenzia un pò di personale, aumenta le tariffe e vpoilà. indovina tutto questo a carico di chi?
occhiaperti 1 anno fa su tio
E chi finalmente paga le multe di questo colosoo, ??? Citadini e dipendenti
tip75 1 anno fa su tio
tutto ciò che è pubblico o parastatale sta risultando disonesto...che strano eh?
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
8 min

Bimba cade da cavallo e perde la vita

Dopo essere stata soccorsa è stata trasportata dalla Rega in ospedale, dove è morta

SVIZZERA
31 min

«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»

È l'opinione dell'economista francese Thomas Piketty, contrario alla sacralizzazione della proprietà. «Diminuendo la disuguaglianza aumenterà la crescita economica»

SVIZZERA
42 min

Swisscom: «Noi non abbassiamo le tariffe»

Le offerte «sono dal nostro punto di vista promozioni temporanee promosse in un mercato saturo», afferma il responsabile delle finanze

SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore

Nino ma che combini? Giù i pantaloni davanti alla Casa Bianca

Schurter ha postato su Instagram (e poi rimosso) uno scatto con Lars Forster, Florian Vogel e Kurt Gross, taggando anche Donald Trump. Ora rischia una sanzione

ZURIGO
3 ore

In fila da otto ore per il nuovo iPhone11

Sono arrivati dall’Ungheria e hanno trascorso la notte davanti all’Apple Store. Ma anche dall’Ucraina, dalla Romania.Tutti con un unico obiettivo: accaparrarsi o semplicemente ammirare i nuovi modelli

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile