keystone
TURGOVIA
13.12.17 - 17:200
Aggiornamento : 20:25

Orari, salari e pressione. Unia contro Zalando

Il sindacato denuncia condizioni di lavoro inaccettabili per le imprese di subbappalto svizzere del commerciante online

ARBON - Pessimo salario orario, lavoro su chiamata, contratti a termine e forte pressione sui tempi: secondo il sindacato Unia i dipendenti di imprese di subappalto svizzere di Zalando sono confrontati a condizioni di lavoro inaccettabili.

Stando a una nota odierna di Unia, con un giro d'affari di 534 milioni di franchi Zalando è il secondo maggior commerciante online in Svizzera. I pacchetti arrivano dalla Germania, ma vi sono ditte elvetiche che si occupano delle restituzioni. Si tratta di MS Direct e Ingram Micro; la prima si occupa della Svizzera orientale e la seconda di quella occidentale, ha spiegato all'ats la responsabile per il ramo della vendita al dettaglio presso Unia Natalie Imboden. Non è noto se Zalando cooperi anche con altre imprese in Svizzera.

Il sindacato ha lanciato una petizione online per chiedere a Zalando Svizzera di garantire presso le aziende di subappalto condizioni di lavoro "oneste" e un salario orario di almeno 22 franchi.

MS Direct replica che le remunerazioni da 16.50 franchi contestate da Unia non esistono: "versiamo 19.10 franchi lordi l'ora come salario iniziale, compresi gli indennizzi per vacanze e festivi", ha dichiarato all'ats il portavoce Sven Bradke. L'azienda è delusa dall'atteggiamento del sindacato. La scorsa settimana rappresentanti di Unia hanno incontrato la direzione; sono previsti altri colloqui ma a questo punto non è chiaro se verranno effettivamente condotti.

TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile