SERAINA BONER
BERNA
04.12.17 - 07:200

«Siamo motivati nonostante la "No-Billag"»

Serafe AG dovrebbe riscuotere il canone dal 2019, ma rischia di perdere un madato milionario con la votazione

BERNA - In marzo Serafe AG ha fatto il colpaccio: si è accaparrata il mandato per la riscossione del canone radio-televisivo. A partire dal 2019 si sostituirà a Billag, sempre che l'iniziativa “No-Billag” non passi. Abbiamo chiesto al direttore comunicazione di Serafe, Erich Heynen, se l’azienda sia preoccupata per la votazione.

Signor Heynen, se l’iniziativa No-Billag fosse accettata la sua azienda non servirebbe più. Che aria tira nei vostri uffici?

Si respirano più motivazione e passione per il futuro incarico che incertezza. Siamo fiduciosi di poter iniziare con successo il mandato con una squadra di 40 collaboratori a partire da gennaio 2019.

Che cosa succederebbe a questi impiegati in caso di “sì” all’iniziativa?

Probabilmente la riscossione del canone andrebbe a cadere. Noi, però, ci concentriamo completamente sullo sviluppo della Serafe AG come nuovo servizio di riscossione, non sull’Iniziativa No-Billag.

Per l’intera durata del mandato, 7 anni, riceverete complessivamente 123 milioni di franchi, lavori preparatori compresi. La somma è giustificata per inviare delle fatture?

Sì. Il mandato è molto complesso. La Serafe AG ha calcolato la propria offerta con molta serietà.

Per molti “Billag” significa “canone obbligatorio”. Come intendete levarvi di dosso questa immagine nel caso in cui l’iniziativa non fosse accolta?

La nostra futura attività non è paragonabile a quella dei nostri predecessori. Noi faremo tutto il possibile perché a partire da gennaio 2019 si parli bene di noi.

Come chiamerete il canone? “Canone Serafe”?

No. Molto meglio “imposta domestica”.

Commenti
 
Tato50 2 anni fa su tio
Il Signore intervistato ha dimenticato di dire quanto il CF dovrà sborsare come risarcimento per gli investimenti fatti dalla Serafe per aggiudicarsi l'appalto nell'eventuale ipotesi che la votazione passi !!
TIC 2 anni fa su tio
@ Matteo 2006 : Ben scritto :-)
GI 2 anni fa su tio
Wow 123 mio per 7 anni per 40 collaboratori......una modica cifra di oltre 400k a capoccia....serve aiuto ??
Tato50 2 anni fa su tio
@GI Figurati che alla Billag ne hanno 200 e chissà quale cifra "ha sparato" per rinnovare la concessione d'incasso considerato che Serafe ha vinto con un'offerta di 123 milioni sull'arco di 7 anni.
Calotta Polare 2 anni fa su tio
Puoi provare a scrivergli una lettera. Faresti un po' meno danni che non votando sì all'iniziativa
matteo2006 2 anni fa su tio
Intanto come volevasi dimostrare la SRG SSR non ha intenzione di prendere in considerazione la possibile riuscita dell'iniziativa dando per scontato che del caso passasse la SRG SSR fallirebbe e loro non intendo fare nulla per contrastare questa possibilità. Diciamoci la verità probabilmente è così, non ci sarebbe molto da fare, ma che immagine da un azienda che non intende nemmeno prendere in considerazione la possibilità di provarci? Che immagine porta all'esterno, alla gente che per anni ha pagato tacitamente il canone o ai sui dipendenti che continuano a lavorare con impegno fino all'ultimo giorno? Mi fanno quasi pena, se ne lavano le mani allo stesso modo di quando lo fanno prima di pranzo, tanto i vertici che stanno su e decidono il destino di decine di persone il modo di rimettere i piedi al caldo lo trovano in fretta per tutti gli altri date la colpa al popolo sono loro che hanno votato. Complimenti! Questo non cambia la mia idea in merito alla SRG SSR e all'iniziativa; voterò comunque No e rimarrò con il rammarico che se l'iniziativa l'avessero pensata un po meglio forse qualcosa sarebbe cambiato in meglio invece così o perdiamo tutto o tutto rimane come adesso. Complimenti anche agli iniziativisti!
Bandito976 2 anni fa su tio
L'importante é crederci!
87 2 anni fa su tio
AHAHAHAHAH!!! {}Come chiamerete il canone? “Canone Serafe”? No. Molto meglio “imposta domestica”.{} Almeno sono sinceri, "imposta" è il termine giusto, dato che di tassa (canone) non si può più parlare. [Definizioni]: tassa=tributo allo stato per servizi ricevuti; imposta=prelievo coattivo, indipendente dal tipo di servizio ricevuto
Tarok 2 anni fa su tio
no billag! pago regolarmente il canone e nonostante ciò. da mesi ricevo minacciosi richiami da billag per annunciarmi. peggio della gestapo. no billag no billag no billag
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
48 min
Trentatré reclute con la diarrea
Il norovirus ha colpito la caserma di Sion
SVIZZERA
1 ora
Problemi tecnici per Twint
Almeno da venerdì si riscontrano delle difficoltà nella trasmissione di denaro
GRIGIONI
4 ore
WEF: domani i riflettori sono puntati su Greta e Trump
Il Forum economico vuole mettere al centro il cambiamento climatico
GRIGIONI
6 ore
«A Davos gli scienziati e i giovani leader possono lasciare il segno»
La presidente della commissione europea Ursula von der Leyen ha inaugurato oggi il 50esimo Forum economico mondiale nella località grigionese
FRIBURGO
7 ore
Rapina alla banca di Attalens, gli autori confessano
I due, 10 giorni fa, avevano minacciato i dipendenti dell'istituto e un cliente con una pistola, prima di fuggire con diverse decine di migliaia di franchi
SAN GALLO
7 ore
«Sono stata trattata come una ladra»
Alla cassa automatica una studentessa voleva pagare separatamente alcuni articoli. Ma è finita in un controllo a campione ed è stata accusata di tentato furto
SVIZZERA / CANTONE
9 ore
Il guasto di Swisscom dovuto a «materiale difettoso»
La principale società di telecomunicazioni ha reso noto i motivi della panne che venerdì mattina ha paralizzato le proprie reti di telefonia fissa in quasi tutto il Paese (Ticino compreso)
SVIZZERA
10 ore
La notte più fredda si ferma a -24 gradi
La temperatura è stata registrata a Samedan. A Stabio il termometro è sceso di cinque gradi sotto allo zero
VAUD
11 ore
Quella tragica carambola che ha ucciso un uomo
L'incidente, avvenuto sabato a Bussigny, ha provocato anche quattro feriti gravi. Tre i veicoli coinvolti. La polizia cerca testimoni per comprendere la dinamica
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Ho pensato fosse uno scherzo, poi ho visto il sangue»
Durante le riprese di un film in un bar di Rapperswil-Jona, si è sfiorato il dramma. I membri della troupe raccontano quei momenti di terrore
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile