Keystone
SVIZZERA
30.11.17 - 18:320

Assicurazioni sociali, situazione finanziaria in peggioramento

Nel 2015 le uscite sono cresciute molto più in fretta delle entrate

 

BERNA - Le uscite delle assicurazioni sociali nel 2015 sono cresciute molto più in fretta delle entrate. I conti complessivi più recenti in materia indicano che, con il 20,7%, è stato raggiunto un nuovo record di spese sociali rispetto al prodotto interno lordo (Pil).

Lo rivela l'ultima edizione della Statistica delle assicurazioni sociali svizzere (SAS) pubblicata oggi dall'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS). Il risultato finanziario complessivo è positivo (16,8 miliardi di franchi), ma inferiore di circa il 20% rispetto al 2014. A lungo termine questa evoluzione potrebbe mettere in pericolo l'equilibrio finanziario delle assicurazioni sociali, scrive l'UFAS. Le entrate sono progredite dello 0,4% a 174,4 miliardi di franchi, mentre le uscite sono aumentate del 3,2% a 157,6 miliardi.

La sola assicurazione a chiudere in rosso è quella malattia, che registra un deficit di 563 milioni di franchi.

L'assicurazione invalidità (AI), per la prima volta nelle cifre nere nel 2012, ha registrato eccedenze di 707 milioni. Per l'AI, l'UFAS fornisce anche dati per lo scorso anno: il risultato è pure positivo e il debito dell'AI nei confronti dell'Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS) alla fine del 2016 è stato ridotto a 11,4 miliardi.

L'AVS ha chiuso il 2015 con 167 milioni di franchi di eccedenze (-64,1% rispetto al 2014) e un capitale di 44,2 miliardi. Anche per l'AVS sono già noti i dati del 2016. Come già noto, per la prima volta dal 1999 le uscite di 42,2 miliardi hanno superato le entrate di 0,1 miliardi. Grazie a investimenti sui mercati, il capitale dell'AVS è cresciuto a 44,7 miliardi.

La previdenza professionale, che rappresenta la maggiore assicurazione sociale, ha fatto segnare 14,8 milioni di eccedenze (-17,2%), con un capitale di 779 miliardi.

La progressione delle prestazioni sociali (+3,4%) nel 2015 è stata sensibilmente superiore a quella del Pil (+0,6%) e le uscite per le assicurazioni rispetto alla produzione di ricchezza nazionale lorda sono passate dal 20,1% del 2014 al 20,7% del 2015. Prima del 2015 la quota più elevata era stata raggiunta nel 2004, con il 20,4%.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bandito976 2 anni fa su tio
Giustamente se il ticinese medio é in disoccupazione o assistenza come fa a finanziare l'aumento crescente dei pensionati?
Lore62 2 anni fa su tio
@Bandito976 ...e siamo solo all'inizio... Non preoccuparti, ci pensano i ricchi attirati e coccolati in Svizzera...hihihi XD
Pepperos 2 anni fa su tio
Gioco Delle tre carte! Era chiaro che inasprendo le regole AI e disoccupazione. Il 2 pikke lo pigliava qualcuno.
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
29 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
53 min
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
1 ora
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
3 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
3 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile