keystone
SVIZZERA
02.11.17 - 08:150

Casse malati, un quarto dei premi aumenterà oltre il 10%

Sui 200'312 premi analizzati da bonus.ch, quasi l'80% subirà un aumento superiore al 4%

LOSANNA - A seguito dell'annuncio dell'UFSP concernente l'aumento medio dei premi malattia (4%), il portale di comparazione bonus.ch ha analizzato in dettaglio i 200'312 premi malattia pubblicati per il 2018. Dall'analisi emerge che, di fatto, più di tre premi su quattro subiranno un aumento superiore alla media annunciata. E non è tutto: per più di un quarto dei premi si rileva un rialzo di oltre il 10%.

L'aumento dei premi annunciato ufficialmente dall'UFSP il 28 settembre scorso è stato calcolato esclusivamente in base a una franchigia di 300 franchi per adulti, con un modello di assicurazione tradizionale e con l'inclusione della copertura infortuni. Gli aumenti medi annunciati in base a tali criteri riguardano tuttavia, in realtà, soltanto il 18.3% degli assicurati elvetici. Un calcolo che prenda invece in considerazione la totalità dei premi malattia fa rilevare per il paese un aumento che ammonta in media al 5.1%.

Sui 200'312 premi malattia disponibili per l'analisi, quasi l'80% subirà un aumento superiore al 4%. Per il 26.8% dei premi, il rialzo oltrepasserà addirittura il 10%, senza contare gli estremi ai quali andrà soggetto, come ogni anno, un certo numero di assicurati: ricordiamo infatti che la gamma di variazione dei premi malattia comprende punte tra il -10% e il +30%.

Ad essere più colpite, nel 2018, saranno le famiglie. Con il 6.1% di aumento, i premi per i bambini subiscono il rialzo più importante, mentre l'aumento per giovani adulti e adulti si situa a poco meno del 5%. Per quanto concerne le franchigie, gli assicurati più colpiti dall'aumento dei premi malattia nel 2018 saranno coloro che hanno optato per franchigie alte (che si tratti di franchigie per bambini, giovani adulti o adulti). Per i giovani adulti e gli adulti che hanno una franchigia a partire da 1'500 franchi, i premi saliranno di oltre il 5%.

Modelli - Veniamo ora ai modelli assicurativi. L'anno prossimo sarà il modello HMO (rete di cure) a subire aumenti più significativi (5.7%) rispetto al modello assicurativo di base (anche detto 'tradizionale'). I modelli alternativi (rete di cure, medico di famiglia, telemedicina) hanno ormai da qualche anno un grande successo presso gli assicurati: il 71.8% dei premi malattia pubblicati concerne proprio questa tipologia di modelli assicurativi. Un'analisi condotta da inizio ottobre su oltre 100'000 confronti effettuati mostra che quasi quattro assicurati su cinque scelgono proprio un modello alternativo. Per quanto riguarda invece le preferenze in tema di franchigia, l'analisi mostra che il 43.6% degli adulti e giovani adulti tende a scegliere la franchigia ordinaria da 300 franchi, mentre il 33% si orienta piuttosto verso la franchigia massima, che ammonta a 2'500 franchi. Per i bambini, i genitori preferiscono optare per la franchigia zero, come mostra il tasso di preferenze in tal senso, che oltrepassa l'84%.

In base ai dati rilevati, bonus.ch ha simulato l'impatto di un aumento dei premi sul budget di una famiglia tipo costituita da 5 persone residenti a Lugano. Per questa famiglia virtuale, gli aumenti dei premi annunciati porterebbero la somma annua da versare alle casse malati dai 16'666.80 franchi l'anno del 2017 a 18'922.80 franchi nel 2018: un aumento del budget consacrato all'assicurazione malattia di ben 2'256.- franchi. Gli assicurati hanno pieno interesse a non restare passivi di fronte ai costanti aumenti dei premi malattia. I sistemi per alleggerire la parte di spesa consacrata alla cassa malati non mancano: aumento della franchigia, modelli alternativi, passaggio a una nuova cassa malati oppure una soluzione che combini tutte queste possibilità, al fine di massimizzare il risparmio. Cambiando cassa malati, la nostra famiglia tipo può risparmiare oltre 5'858.40 franchi sui premi malattia: una somma considerevole, da spendere per tante piacevoli attività!

Proprio in questo periodo gli assicurati ricevono i conteggi della cassa malati con l'indicazione dei nuovi premi: è il momento ideale per rivalutare la propria situazione assicurativa e alleggerire per quanto possibile l'onere finanziario costituito dai premi malattia. Eppure, nonostante i molteplici mezzi a disposizione degli assicurati sul web (comparatori, portali degli assicuratori, portale ufficiale dell'UFSP), ogni anno meno del 10% degli Svizzeri cambia assicurazione. Le ragioni sono ormai note: i timori legati al passaggio a un nuovo assicuratore, l'impressione che le procedure amministrative per cambiare cassa malati siano troppo complesse, la fedeltà nei confronti della propria cassa malati costituiscono i principali motivi di esitazione per gli assicurati elvetici.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
Emmi aumenta le vendite nonostante il coronavirus
La borsa ha tuttavia reagito negativamente alle previsioni del risultato Ebit.
ARGOVIA
1 ora
Cadavere in riva alla Limmat, il sospettato ha confessato
Il 31enne fermato martedì avrebbe strangolato l'81enne trovato privo di vita lunedì.
SVIZZERA
2 ore
1'699 casi, 52 decessi e 94 ricoveri nelle ultime 24 ore
I tamponi eseguiti ieri sono stati 26'638. Il 6,4% di questi è risultato positivo al Covid-19.
GRIGIONI
3 ore
Frontale a Mulegns, in tre in ospedale
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi.
SVIZZERA
3 ore
Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere
L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.
GRIGIONI
4 ore
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
5 ore
Gestione della pandemia nel mondo: ecco dove si situa la Svizzera
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
6 ore
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
7 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
7 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile