GIURA
12.10.17 - 08:050
Aggiornamento : 09:48

Reazioni razziste a un video umiliante

Il video che ritrae un'aggressione è stato condiviso sul social scatenando commenti colmi d'odio e razzismo. La polizia: «Prenderemo dei provvedimenti»

DELÉMONT - Minacce, odio, insulti. Su Facebook i commenti di questo genere si moltiplicano. Le persone si nascondono dietro a uno schermo per esprimere le idee che si vergognerebbero di pronunciare a voce. Un fenomeno che allarme le autorità e, in questo caso, ha toccato la polizia cantonale del Giura.

Sul social network è stato condiviso un video girato nella notte di martedì presso la stazione ferroviaria di Delémont. Si vede un giovane che viene aggredito e maltrattato da un uomo nero, mentre chi riprende con il cellulare ridacchia. I commenti hanno scatenato una valanga di messaggi razzisti e violenti, che si concentrano principalmente sull’origine dell'aggressore.

Il video originale è stato rimosso da Facebook, ma continua a circolare su pagine e siti di gruppi di estrema destra.

La Polizia cantonale è allora intervenuta oggi ricordando che i commenti postati su Facebook sono soggetti alla legge e possono essere considerati dei reati. «Le autorità analizzano questo tipo di affermazioni, che non possono essere in contrasto con il codice penale svizzero».

Per quanto riguarda il caso specifico, le autorità avvertono: «Qualora dovessero apparire nuovi commenti che incitano all’odio, alla violenza, minacce o ingiurie, il Ministero pubblico in collaborazione con la polizia avvierà un procedimento penale».

Al comunicato postato dalla Polizia cantonale sulla sua pagina Facebook hanno risposto alcuni utenti arrabbiati: «Speriamo che le ritorsioni siano previste anche per chi ha picchiato quel ragazzo, non solo per chi preme i tasti di una tastiera».

Attenzione anche ai “like”

Nel mese di maggio il Tribunale distrettuale di Zurigo ha riconosciuto un uomo colpevole di diffamazione per avere messo “mi piace” ad alcuni commenti che definivano una persona «razzista» e «antisemita». Il giudice aveva affermato che l’imputato aveva «espresso un giudizio approvandolo». L'imputato, un 45enne, è stato condannato in prima istanza a una pena pecuniaria di 40 aliquote da 100 franchi per diffamazione.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Il virus sta aumentando». Spagna nella lista nera. A rischio le donne incinte
Dalla decisione sono al momento escluse le Isole Baleari e le Isole Canarie
SVIZZERA
1 ora
Chi torna dalla Spagna dovrà mettersi in quarantena
Chiunque rientrerà dal Paese iberico dovrà annunciarsi alle autorità cantonali.
SVIZZERA
2 ore
Altri 181 casi e un ricovero, ma nessun decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 35'927. I decessi sono 1'706.
SVIZZERA
2 ore
«Molti hanno problemi respiratori anche dopo essere stati dimessi»
L'ospedale di Friburgo ha analizzato i dati dei pazienti ospedalizzati con un'infezione da Sars-CoV2 tra marzo e aprile.
SVIZZERA
4 ore
Migliorano le stime del PIL svizzero
Il KOF prevede ora una flessione leggermente meno marcata di quanto precedentemente ipotizzato.
SVIZZERA
4 ore
«La crisi ha mostrato l'importanza della libera circolazione»
Per l'Usam un sì all'iniziativa "per un'immigrazione moderata" affosserebbe le PMI elvetiche.
SVIZZERA
6 ore
Vaccino, accordo più vicino: «Questione di ore»
La Svizzera sta per concludere un contratto d'acquisto per la fornitura del farmaco che viene sviluppato da Moderna.
VAUD / FRANCIA
16 ore
Sedicenne vodese annegato a Marsiglia
Il giovane si trovava nel sud della Francia con la famiglia. Sotto shock i suoi compagni di classe
SVIZZERA / BELGIO
19 ore
Il Belgio toglie Vaud e Vallese dalla zona rossa
Da domani i cittadini belgi potranno tornare in vacanza nei due cantoni romandi.
SVIZZERA
21 ore
Berset sull'errore dell'UFSP: «Ci saranno conseguenze»
L'Ufficio federale della sanità pubblica aveva indicato che il rischio d'infezione è maggiore negli esercizi pubblici.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile