Keystone
BERNA
12.08.17 - 08:280
Aggiornamento : 16:46

Reclute malate, sono in aumento i casi di orecchioni

Sono undici i soldati colpiti a Wangen an der Aare. Se nei bambini è solitamente innocuo, il virus per gli adulti può diventare realmente pericoloso

WANGEN AN DER AARE - Undici soldati colpiti dagli orecchioni. Da un controllo sugli altri emergono 25 coperture da vaccino insufficienti. La situazione che è emersa alla scuola reclute di Wangen an der Aare non ha lasciato indifferenti i medici. La parotite, patologia conosciuta anche con il nome di orecchioni, è provocata da un virus. Nei bambini ha in genere un decorso innocuo, ma per gli adulti può diventare realmente pericolosa.

Se nei bambini la malattia si risolve in pochi giorni nella maggior parte dei casi, negli adulti le complicazioni sono più frequenti. Nel 20-30% dei maschi contagiati dopo la pubertà si ha l’insorgenza dell’orchite, una malattia infiammatoria molto dolorosa, caratterizzata dal gonfiore di uno o di entrambi i testicoli. Questa - anche se raramente - potrebbe risolversi in un’atrofia testicolare, con conseguente sterilità.

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) raccomanda la vaccinazione dei bambini contro la parotite che, combinata con quella contro morbillo e rosolia, viene somministrata a 12 mesi come prima dose e a 15-24 con una seconda dose. Solitamente questo vaccino protegge a vita dalla malattia.

Nelle ultime settimane è stato osservato un aumento del numero di casi presso l’Inselspital di Berna, ma la situazione viene monitorata costantemente. L’ultima epidemia in Svizzera di orecchioni si è verificata nel 1999 nel canton San Gallo.

Le reclute colpite a Wangen an der Aare sono in isolamento e dovranno restare a completo riposo per riprendersi dalla malattia.

Ufficio federale della sanità pubblica
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
10 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
13 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
14 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
15 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
16 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
16 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
17 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
18 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
18 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile