VAUD/ARGOVIA
21.07.17 - 12:440

«Nessuna discriminazione salariale per la maestra argoviese»

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso presentato dalla donna, che sosteneva di essere vittima di una discriminazione

LOSANNA -  Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di una maestra elementare argoviese, che sosteneva di essere vittima di una discriminazione salariale risultante dal carattere specificatamente femminile del suo lavoro.

I supremi giudici di Losanna confermano così l'ultima sentenza sulla questione resa nell'agosto 2016 dal Tribunale amministrativo cantonale. Questo aveva respinto l'istanza della donna giudicando che una discriminazione salariale non era provata né resa plausibile.

Esso aveva anche considerato che non è di per sé discriminatorio fissare sistemi salariali distinti per il personale amministrativo e quello insegnante. A suo avviso, la richiesta della ricorrente di un unico sistema salariale per i dipendenti cantonali va contro il margine di discrezionalità lasciato dal legislatore.

Certo, aveva rilevato il tribunale, i maestri ricevono un salario inferiore in media di quasi il 10 per cento a quello versato nell'amministrazione cantonale, ma questa disparità riguarda l'insieme dei docenti elementari.

La sentenza di conferma del Tribunale federale pubblicata oggi mette fine a una lunga vertenza giudiziaria, cominciata nel 2013, quando la maestra elementare, con numerose altre colleghe, aveva presentato un primo ricorso al Tribunale amministrativo argoviese, chiedendogli di accertare una discriminazione dei sessi nella classificazione di salario e di ordinare quindi un versamento retroattivo della differenza di stipendio.

Il Tribunale amministrativo aveva respinto il ricorso, argomentando che la professione di docente di scuola elementare dev'essere ritenuta neutra sotto il profilo della parità dei sessi.

Il primo dicembre 2015 il Tribunale federale, in una seduta pubblica, aveva tuttavia accolto l'ulteriore ricorso della maestra e giudicato, in una sentenza di principio, che la funzione di docente elementare, esercitata in gran parte da donne, va considerata oggi come tipicamente femminile.

Secondo la giurisprudenza - aveva precisato il TF - si è in presenza di una funzione specificatamente femminile se la quota di donne in una professione supera il 70%. Nel canton Argovia la percentuale di donne attive nell'insegnamento della scuola di primo grado è superiore all'85%.

A seguito di quella sentenza il dossier era stato rinviato al Tribunale amministrativo argoviese, affinché questo valutasse se la pretesa discriminazione lamentata dalla ricorrente relativa alla classificazione salariale dei docenti delle elementari fosse effettiva o no.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
11 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
14 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
15 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
BERNA
17 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus in Svizzera: 17 nuovi casi ma nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro paese 30'845 persone sono risultate positive al virus
BERNA
20 ore
Berna in aiuto agli apprendisti
Un nuovo regolamento intende contrastare le conseguenze del Covid-19. Si temono fino a 20mila posti in meno.
SVIZZERA / EUROPA
22 ore
Dove possiamo viaggiare? Il punto della situazione
Una panoramica generale dell'apertura delle frontiere europee
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile