BERNA
26.06.17 - 10:550
Aggiornamento : 14:49

Aumentano le prestazioni complementari versate

Nel 2016 hanno raggiunto i 4,9 miliardi di franchi. I beneficiari sono stati 318'600

BERNA - Nel 2016, le uscite delle prestazioni complementari (PC) sono cresciute del 2,5%, raggiungendo i 4,9 miliardi di franchi. Cresciuto dell'1,1% anche il numero dei beneficiari, che a fine anno erano 318'600, fa sapere l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS).

L'incremento delle uscite è stato lievemente inferiore alla media degli anni successivi al 2008 (3,6 %). Circa il 30% di questi costi è stato assunto dalla Confederazione e il resto dai Cantoni.

Le persone che beneficiavano delle PC all’AVS erano 201'100, ossia 3'700 (1,8 %) in più rispetto alla fine del 2015. La quota dei beneficiari di rendite vecchiaia che necessitavano delle PC ammontava al 12,5%. Negli ultimi anni essa ha registrato un aumento lievissimo.

Le persone che beneficiavano delle PC all'AI erano 113'700, ossia 200 (0,1 %) in meno. La quota dei beneficiari di rendite d'invalidità che hanno ricevuto PC è aumentata di 0,8 punti percentuali, raggiungendo il 46% circa.

Le PC - rileva l'UFAS - svolgono un ruolo importante per il finanziamento dei soggiorni in istituto, in quanto circa la metà dei residenti vi fa ricorso. A fine anno i beneficiari di PC che vivevano in istituto erano 71 400. Essi hanno ricevuto in media un importo mensile pari a 3300 franchi, ossia oltre il triplo rispetto a quello percepito dai beneficiari di PC che vivevano a casa.

Attualmente il Parlamento sta esaminando una revisione delle PC volta a ridurre il numero dei beneficiari: i pensionati dovrebbero percepire il loro secondo pilastro sotto forma di rendita, ad eccezione dei lavoratori indipendenti. Il sostegno all'alloggio per i meno abbienti dovrebbe venir aumentato e dovrebbero venir corretti gli effetti perversi del sistema, ottenendo un risparmio che il governo quantifica in 300 milioni.

Dei 318 mila beneficiari di PC, 123'700 sono uomini e 194'880 donne. Altro dato: 243'150 svizzeri e 75'423 stranieri. Fra coloro che percepiscono le prestazioni complementari, 247 mila vivono in casa e 71'500 in una casa di cura. In Ticino beneficiavano delle PC a fine anno 22'938 persone (+0,7%), per una spesa di 206 milioni di franchi (+0,4%); nei Grigioni 5'768 (+2,1%), per un costo di 90,2 milioni (+2,6%).

In sostanza: le prestazioni risultano assai importanti per i beneficiari AI (quasi uno su due). Il tasso sale a 3/4 per le persone tre 20 e 30 anni, rileva l'UFAS. Ciò è dovuto al fatto che non avendo mai (o poco) lavorato prima di rimanere invalidi, i giovani dispongono soltanto di piccole rendite AI e di solito vivono in un istituto, il che accresce i costi.

In seno all'AVS il 9% dei nuovi pensionati percepisce una PC, contro un quarto dei pensionati ultranovantenni.

TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
3 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
3 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
4 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
4 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile