archivio Keystone
ZURIGO
18.06.17 - 22:080

Vagoni pieni? Per 5 franchi passate in prima classe

Dal mese di marzo i controllori possono proporre ai passeggeri il cambio a prezzo ridotto. La misura, introdotta dalle FFS in via sperimentale, non ha mancato di sollevare critiche

ZURIGO - Se viaggiate dopo aver acquistato un titolo di trasporto di seconda classe, potrebbe capitare che il controllore vi offra la possibilità di passare in prima classe pagando la modica somma di 5 franchi. «È il personale stesso a decidere se proporre o meno l’offerta, a seconda della situazione», ha confermato un portavoce dell’ex regia federale alla “NZZ am Sonntag”. Non esiste quindi una regola predefinita nell’applicazione dell’offerta, la cui fase sperimentale si concluderà alla fine del 2017.

Un esempio? In seconda classe il tragitto tra Burgdorf e Zurigo con un abbonamento a metà prezzo costa 20,50 franchi, mentre in prima classe lo stesso ne costa 36. Dall’inizio di marzo, ogni controllore può spontaneamente proporre ai passeggeri di trasferirsi in prima classe per 5 franchi, ottenendo di fatto un biglietto scontato di una decina di franchi. Il portavoce delle FFS non ha precisato quante volte l’offerta sia stata proposta fino ad ora, ma secondo la NZZ si tratterebbe di pochi casi al giorno.

La misura non ha mancato di suscitare qualche critica da parte delle associazioni dei consumatori. «Le tariffe applicate nell’ambito dei trasporti pubblici devono essere trasparenti e accessibili a tutti», spiega la direttrice della Fondazione per la protezione dei consumatori (SKS), Sara Stalder, sottolineando la poca chiarezza e la selettività dell’offerta in questione. 

Dal canto loro le FFS sostengono che i vagoni di seconda classe siano spesso eccessivamente affollati, un problema che invece non riguarda quelli di prima classe. Inoltre, precisa il portavoce dell’ex regia federale, non vi sono garanzie di poter beneficiare dell’offerta. «È una misura pensata per sorprendere i nostri passeggeri, non può però essere proposta durante alcune fasce orarie così come su alcuni treni particolari». La misura in ogni caso costituisce solo un lieve margine di profitto per FFS, assumendo di conseguenza contorni da operazione di marketing.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Kama 2 anni fa su tio
Ottimo, ma qualcuno sa se vale anche per il Ticino? durante gli orari di punta/ mattino e sera certe volte é talmente strapieno che andrei volentieri in prima classe... e non per sfizio ma perché mi vien da star male seriamente, tra l'aria viziata, la puzza di chi non si lava o si stra profuma
gadoal 2 anni fa su tio
Direi piu che ottimo.
B52 2 anni fa su tio
Ottima proposta
francox 2 anni fa su tio
Pagherei 5 fr.- , di sicuro non scenderei...
bobà 2 anni fa su tio
Ora capisco perché i treni sono affollati e talvolta ti fanno scendere e ti dicono di prendere il prossimo treno. È tutta una manovra per spremere il cittadino e specialmente coloro che usano il treno per andare al lavoro (da turista potrei anche prendere il prossimo treno, ma da dipendente, sono obbligato a rispettare l'orario di lavoro). È tutta una strategia: pochi vagoni di seconda, così la gente sarà obbligata, pagando il sovraprezzo, ad andare in prima. Sono sempre più convinto: il trasporto pubblico è riservato ai ricchi ed ai turisti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Coronavirus: «L'esercito non conta tutti i giorni di servizio»
Viola Amherd ha spiegato che, altrimenti, non potrebbe assicurare il proprio aiuto in una nuova ondata dell'epidemia
ZURIGO
3 ore
«Ora si rischia una grave crisi nell’accoglienza dell’infanzia»
Kibesuisse bacchetta il Consiglio federale
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Ecco quali sono i cantoni più diligenti
I dati di Google mostrano anche in quali cantoni le direttive per lottare contro la pandemia sono rispettate di più.
VIDEO
BASILEA
16 ore
Seminuda sui tetti, butta giù le pietre
Una donna in stato mentale «confuso» ha creato il panico ieri in una via centrale di Basilea
BASILEA
17 ore
Il gesto di Baselworld per gli espositori
Gli organizzatori si assumeranno gran parte dei costi
SVIZZERA
17 ore
Spostamenti, Google rende pubblici i dati
Le statistiche mostrano che l'attività è diminuita ovunque, tranne nelle zone residenziali.
BERNA
19 ore
La Svizzera è pronta ad accogliere pazienti Covid italiani
In Ticino? Cassis. “Per ragioni linguistiche sì. Per la situazione sanitaria ticinese no”
LUCERNA
19 ore
Il matricida di Emmenbrücke era un talento calcistico con più di un lato oscuro
Alcuni conoscenti hanno raccontato della metamorfosi del 20enne: «Quell'estate è cambiato per sempre»
SVIZZERA / FRANCIA
20 ore
Maschere bloccate: «È stato un inghippo»
L'ambasciatore francese Frédéric Journès ha spiegato che i problemi fra Francia e Svizzera sono stati risolti
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus, Lipo giunge in aiuto di Lidl
I dipendenti continueranno ad essere impiegati da Lipo, pur lavorando temporaneamente per Lidl
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile