TiPress
SVIZZERA / CANTONE
16.06.17 - 17:070

Obbligo di annunciare i posti vacanti, i primi sono edilizia, vendita, alberghiero e industria

Il Consiglio federale attuando l’iniziativa “contro l’immigrazione di massa” ha stabilito che le aziende dei settori con disoccupazione oltre il 5% informino gli Uffici regionali di collocamento

BERNA - Le ordinanze di applicazione dell'articolo costituzionale "contro l'immigrazione di massa", presentate oggi dal Consiglio federale, prevedono l'obbligo per i datori di lavoro di annunciare i posti vacanti agli Uffici regionali di collocamento (URC) quando la disoccupazione della professione interessata supererà il 5% a livello nazionale.

In base agli ultimi dati disponibili pubblicati dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO), e che riguardano il mese di maggio, questi sono i gruppi professionali toccati:

  • professioni dell'edilizia: disoccupazione al 5,1%, le persone interessate sono 11'042;
  • professioni commerciali e della vendita: tasso al 5,4%, 17'428 persone;
  • professioni alberghiere e dell'economia domestica: tasso al 7,6%, 16'279 persone;
  • altre professioni del settore industriale (in particolare professioni che richiedono scarse qualifiche e lavori ausiliari): tasso all'11,7%, 7'117 persone.

I disoccupati iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento (URC) erano in maggio 139'778, pari al 3,1% della popolazione attiva. Complessivamente le persone in cerca d'impiego registrate erano 202'419. 

L’iniziativa - La legge d’applicazione “contro l’immigrazione di massa” è stata adottata dal Parlamento lo scorso 16 dicembre e non prevede né soglie di immigrazione, né tetti massimi, né contingenti.

Le Camere federali hanno preferito concentrarsi sui datori di lavoro, incitandoli a reclutare disoccupati piuttosto che ricorrere a manodopera estera. Oggi l’esecutivo ha stabilito che l'obbligo di annunciare i posti di lavoro vacanti sarà introdotto su scala nazionale per le professioni che registrano, a livello svizzero, un tasso di disoccupazione pari o superiore al 5%.

In futuro le persone ammesse provvisoriamente e i rifugiati riconosciuti idonei per il mercato del lavoro dovranno essere annunciati presso gli Uffici di collocamento «al fine di integrarli in modo veloce e durevole nel mercato del lavoro svizzero». Dovranno comunque essere verificate le loro competenze - ad esempio linguistiche - e valutate le prospettive professionali individuali. 

L'adozione dei testi definitivi da parte del Consiglio federale è prevista per inizio 2018.

Commenti
 
maocr 2 anni fa su tio
Il coniglio federale prende in giro i suoi cittadini,perché lui non ha gli attributi (ma forse i Signori hanno interessi,e non i nostri di cittadini),e ci svende ,come fa Burcalter e Sommaruga a quell'Europa che la maggior parte dei paesi ha dovuto Subire grazie hai propri politici che si sono venduti all'UE. Un consiglio federale inutile,forse meglio non averlo?? Forse per loro il Paese é come una masseria, dove loro sono i padroni e il popolo gli schiavi.
navy 2 anni fa su tio
Obbligo senza sanzione in caso di mancato rispetto? Servirà ad un emerito piffero di nulla. Continuiamo a parlare del mondo ed i suoi cambiamenti ma non vogliamo capire che, le regole, le leggi che, una volta, funzionavano senza alcuna sanzione, oggi valgono nulla se non accompagnate da contravvenzioni. La politica Svizzera un'illusione a modi Houdini.....
Bandito976 2 anni fa su tio
Finalmente qualcosa di sensato. Purché funzioni.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
3 ore
Minacce con il coltello e furti notturni, è paura in riva al lago
Diverse persone sono state derubate lo scorso mese nei pressi di un centro autogestito a Ginevra. La polizia al momento brancola nel buio
FRIBURGO
5 ore
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
8 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
SVIZZERA
9 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
SVIZZERA
11 ore
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
13 ore
Prima disoccupati, poi precari
Una persona su due dopo la disoccupazione trova un impiego pagato peggio, a tempo parziale o su chiamata. Lo dicono i dati dell'UST
FOTO E VIDEO
SAN GALLO
13 ore
È morta la donna travolta dal Piranha dell’esercito
L’auto sulla quale si trova l’anziana si è scontrata con un blindato. Illesi invece i militari
SVIZZERA
15 ore
Se la ricerca di lavoro è lunga, ecco come farcela al meglio
Stando a uno studio recente della compagnia di recruting americana Randstad, il tempo medio di ricerca di un nuovo lavoro si attesta attorno ai 5 mesi
ZURIGO
15 ore
Guasto all'Eurocity: passeggeri evacuati e oltre 3 ore di ritardo
Il treno proveniente da Milano si è fermato poco prima delle 19.00 nei pressi di Sihlbrugg paralizzando la tratta ferroviaria tra Zugo e Thalwil
GRIGIONI
23 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile