Keystone
BERNA
22.05.17 - 12:540
Aggiornamento : 15:04

Le condizioni di lavoro si sono degradate

La situazione generale in Svizzera resta tuttavia migliore rispetto alla media europea

BERNA - Si sono degradate negli ultimi anni in Svizzera le condizioni di lavoro, in particolare per quanto riguarda il margine d'azione dei dipendenti e lo stress fisico. È quanto emerge da un'indagine internazionale alla quale ha preso parte nel 2015 la Segreteria di Stato dell'economia (SECO), a dieci anni da una prima partecipazione. La situazione complessiva resta tuttavia migliore rispetto a quella europea.

Dallo studio emerge per esempio che è diminuita la possibilità di determinare i propri ritmi di lavoro o di influire sullo svolgimento delle proprie mansioni. Quasi un terzo dei dipendenti, contro meno di un quarto dieci anni prima, ritiene che il suo lavoro implichi compiti monotoni. In questo ambito la Confederazione ha perso la prima posizione che occupava nel 2005 ed è ormai in linea con la media europea.

La percentuale delle persone occupate in Svizzera che ritiene di eseguire un lavoro utile è relativamente alta (85,8%), ma rispetto all'indagine del 2005 (92,3%) tendenzialmente in diminuzione.

L'assenza di autonomia negli orari, combinata a un ritmo di lavoro elevato può avere ripercussioni particolarmente nefaste sulla salute, ricorda la SECO. L'11% dei lavoratori interrogati in Svizzera afferma di avvertire questo tipo di problema.

Risulta inoltre in crescita l'incidenza di molti fattori di stress fisico, ciò che avvicina anche in questo caso la Confederazione agli altri Stati europei. Quasi due persone interrogate su tre sottolineano che devono realizzare movimenti ripetitivi per almeno un quarto del loro tempo di lavoro. Si tratta di 20 punti percentuali in più rispetto al 2005, rileva la SECO.

Il 44,5% dei dipendenti svolge inoltre un'attività in posizioni stancanti per più di un quarto dell'orario di lavoro, ciò che rappresenta una crescita di 11,2 punti percentuali rispetto a dieci anni prima. È peggiorata anche la situazione per quanto riguarda il rumore e le vibrazioni, ma in proporzioni meno grandi.

Malgrado questo peggioramento delle condizioni di lavoro, in generale la percentuale di dipendenti che definisce il proprio stato di salute buono od ottimo resta maggiore in Svizzera (89%) rispetto all'estero (80%), prosegue la SECO.

Gli svizzeri si sentono in generale bene sul posto di lavoro, in particolare perché ritengono che i loro dirigenti siano in grado di apprezzarli e valorizzarli. In questo ambito la Svizzera resta sopra la media europea, con un tasso del 79,9% di pareri favorevoli (Europa: 70,9%).

La Svizzera è infine risultata essere il Paese in cui è stato raccolto il maggior numero di risposte positive in materia di conformità delle retribuzioni o riconoscimento del lavoro compiuto. Le percentuali sono del 66% nel primo caso (Europa: 50,5%) e 75,5% per il secondo (Europa: 64,3%).

L'indagine europea sulle condizioni di lavoro è condotta dal 1990 con cadenza quinquennale dalla Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (EUROFOUND). Nel 2016 è stata realizzata in 34 Paesi su 43'000 dipendenti, di cui 1006 in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
2 ore
Tamponamento in autostrada, muore un 82enne
Gravemente ferita la donna seduta sul sedile del passeggero
ZUGO
3 ore
83 licenziati su 85 dipendenti
Crypto International potrebbe essere accusata di licenziamento collettivo.
SVIZZERA
3 ore
«Viaggiatori indisciplinati, ecco perché l'obbligo»
Berset: «Possiamo combattere il virus con successo solo se lo facciamo insieme. Se non siamo uniti, vincerà»
ZURIGO
14 ore
Ancora nessuna traccia dell'uomo fuggito dalla clinica psichiatrica
Non sussiste «nessun alto pericolo immediato», ma se non prende i farmaci le sue condizioni possono peggiorare
SVIZZERA
15 ore
Tutto quello che devi sapere prima di metterti in viaggio
Annullare un viaggio. Finire in quarantena. Rimborsi. Paura di ammalarsi. È meglio sapere tutto prima di partire
APPENZELLO INTERNO
17 ore
Lascia la pentola sul fornello, poi esce di casa
È successo in Appenzello Interno a un 80enne, a sventare l'incendio il provvido intervento dei vicini di casa
SVIZZERA
17 ore
Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri
Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.
SVIZZERA
19 ore
Presenza di listerie nel formaggio alle erbe di Gstaad
L'allarme arriva dalla cooperativa casearia che lo produce, il consumo può rappresentare un rischio per la salute
SVIZZERA
20 ore
È boom di biciclette
Le persone le usano non solo per divertimento, ma anche per gli spostamenti di lavoro
GIURA / VAUD
20 ore
La mascherina diventa obbligatoria anche nei negozi
Giro di vite in due cantoni romandi per frenare i contagi. Nel resto della Svizzera locali notturni "osservati speciali"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile