BREAKING NEWS
1'200 casi in più in 24 ore
Keystone
FRIBURGO
30.03.17 - 20:040

«Militari, lasciate il posto agli altri passeggeri»

L’annuncio di un controllore ha lasciato basito un passeggero vodese sul treno nella tratta Ginevra-Berna. «È vergognoso e discriminatorio. Non sono scrocconi»

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

FRIBURGO - Alla stazione di Friburgo i passeggeri in attesa erano molti e il treno in arrivo da Ginevra e diretto a Berna si è subito riempito. Un controllore delle FFS ha così chiesto ai dipendenti delle ferrovie e ai militari di alzarsi per lasciare il proprio posto ai passeggeri.

La stessa richiesta è stata rivolta a un ufficiale che occupava la prima classe e che si è prontamente alzato cedendo il suo posto. Alla scene ha assistito un viaggiatore Simon, vodese di 35 anni, che è rimasto allibito. «È inaccettabile e indegno trattare i soldati come degli scrocconi». L’uomo ha affidato al suo profilo Facebook lo sfogo, postato anche sulla pagina ufficiale delle FFS: «Una persona che dona il suo tempo a favore della popolazione deve anche cedere il suo posto sul treno?».

Donne incinte e anziani - Il viaggiatore sottolinea che non avrebbe avuto nulla in contrario «se si fosse trattato di cedere il posto a una persona anziana, una donna incinta o un disabile». Ma non era quello il caso.

Sui social le reazioni al suo post si sono susseguite: «Li aspetto. Non riusciranno mai a farmi alzare dal mio posto», ha commentato un ufficiale. Un altro ha invece colto l’occasione di criticare i militari che occupano posti supplementari con i loro grandi zaini.

Nessun provvedimento speciale previsto - «Non esistono norme specifiche in questi casi - ha specificato Jean-Philippe Schmidt, portavoce di FFS -, fatta eccezione per i dipendenti delle FFS. Penso che il controllore abbia agito in buona fede con il presupposto che i militari sono persone giovani e in buona salute che possono viaggiare in piedi per venti minuti».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Più di 15'000 casi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'201 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece quasi 300
SVIZZERA
41 min
A metà aprile un hotel su 2 avrà difficoltà a pagare le bollette
Non ci sono più viaggiatori e le strutture ricettive stanno finendo i soldi
ARGOVIA
54 min
Uccise la moglie e la cognata: chiesti vent'anni
I fatti sono avvenuti all'inizio del 2018 ad Hausen. L'accusato parla di legittima difesa
FOTOGALLERY
SVIZZERA
1 ora
Sulla nave 259 svizzeri: «Bloccati fino a maggio»
La Costa Deliziosa stava facendo il giro del mondo. L'odissea per tornare a casa
SVIZZERA
2 ore
La danza delle prospettive economiche
Da ultimo, anche il Centro di ricerca del Politecnico di Zurigo (KOF) ha pubblicato la sua previsione
SVIZZERA
3 ore
Il grappino fa bene contro il virus?
Pare di sì, secondo alcuni virologi. Ma comporta altri rischi, e non piccoli
SVIZZERA
4 ore
Dividendi: UBS tira dritto nonostante il coronavirus
Autorità federali e BNS avevano chiesto di valutare attentamente la loro entità in questo contesto di emergenza.
SVITTO
5 ore
Spara dalla finestra sulla polizia
Il folle gesto è avvenuto nel mezzo della notte. Arrestato un 40enne, dopo una lunga trattativa
SVIZZERA
15 ore
In cerca degli anticorpi per tornare a una vita normale
Diversi paesi (tra cui la Svizzera) intendono scoprire chi ha superato la malattia senza saperlo
SVIZZERA
16 ore
La voce fuori dal coro: «Agli anziani fa bene uscire all'aria aperta»
E dovrebbero approfittarne ogni giorno, parola dell'esperto Beat Villiger: «Fa bene al cuore e alla circolazione»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile