keystone
BERNA / STATI UNITI
29.03.17 - 15:480

«Trump? Un rischio per l'economia svizzera»

Secondo il direttore della Camera di commercio Svizzera-USA le relazioni economiche tra i due paesi avvantaggerebbero esclusivamente le singole aziende

BERNA - Per singole aziende svizzere il nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump può significare una chance. Ma per la congiuntura elvetica egli rappresenta soprattutto un rischio. Lo ha sostenuto il direttore della Camera di commercio Svizzera-USA Martin Naville in un discorso tenuto oggi a Zurigo.

Paesi amici - Le relazioni economiche tra i due paesi sono eccellenti: con una quota del 15% gli Stati Uniti sono il secondo maggior paese d'esportazione della Svizzera dopo la Germania. Inoltre negli ultimi cinque anni gli USA sono stati una forte locomotiva della crescita. Tra il 2011 e il 2016 l'export elvetico verso gli Stati Uniti è progredito di ben il 58%.

Ma nonostante le differenze di "taglia" anche per gli USA la Svizzera rappresenta un fattore economico da prendere sul serio: le imprese elvetiche sono quelle che negli Stati Uniti investono più per la ricerca e lo sviluppo. Tra i contribuenti la Confederazione si colloca al sesto posto, tra gli investimenti diretti al settimo.

Sarà dunque decisivo come si svilupperanno ulteriormente le relazioni economiche. Il fattore d'incertezza più importante è Trump: "nessuno sa cosa stia esattamente succedendo", ha dichiarato Naville al Forum economico del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF). L'unica cosa certa è che il nuovo presidente comporta sia rischi che chances per la congiuntura elvetica.

I vantaggi - Chances soprattutto per quelle aziende svizzere già attive negli Stati Uniti. "Investire ora negli USA è una scommessa sicura", ha detto Naville facendo riferimento all'abbassamento generalizzato delle imposte per le imprese, alla deregolamentazione del sistema bancario e al programma d'investimenti.

Gli svantaggi - Per l'economia elvetica nel suo complesso Trump rappresenta invece principalmente un fattore di rischio. Se infatti iniziasse una nuova era del protezionismo o se sorgessero guerre commerciali l'economia svizzera, molto aperta, ne soffrirebbe particolarmente.

Un rischio è, secondo Naville, anche la relativamente elevata "celebrità" della Svizzera: se Trump dovesse voler statuire un esempio, diciamo per quel che riguarda le forti eccedenze nel commercio estero, potrebbe infatti scegliere la Confederazione perché quest'ultima gode di un'elevata considerazione a livello internazionale ma al contempo a causa delle sue dimensioni è facilmente attaccabile, ha spiegato il direttore della Camera di commercio. Come avvengono certe cose la Svizzera l'ha già imparato con i fondi in giacenza e il segreto bancario. "Benvenuti in un 2017 avvincente", ha concluso Naville.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
La "soglia dei mille" sta per saltare?
Secondo indiscrezioni, il limite agli assembramenti non verrà rinnovato a settembre
SVIZZERA
2 ore
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
3 ore
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
4 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
4 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
8 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
8 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
9 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
9 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile