BERNA
27.11.16 - 18:290

«L'aiuto al suicidio è una richiesta sociale»

Lo ha affermato in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione Exit della Svizzera romanda

BERNA - L'aiuto al suicidio fornito da Exit risponde alla domanda della società e il diritto alla morte dovrebbe far parte delle libertà individuali. Lo afferma in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione in Svizzera romanda.

Nel 2000 Exit contava 8000 membri in Romandia e ora sono 24'000, precisa il presidente. "Ciò dimostra che il lavoro dell'associazione risponde ad una richiesta della società". "La gente - osserva Sobel - ha prima voluto gestire l'inizio della vita, con la contraccezione, l'aborto e la procreazione assistita. Ora spera di gestire l'uscita dalla vita", con il predominio dei principi di responsabilità, autonomia e indipendenza.

Il numero di pazienti aiutati da Exit è nettamente aumentato l'anno scorso: 213 in Romandia (+22% rispetto al 2014) e 782 in Svizzera tedesca (+30%). Il cancro è il primo motivo indicato dalle persone che si rivolgono ad Exit.

Il presidente di Exit romanda ricorda inoltre che l'aumento dei suicidi accompagnati dall'associazione è correlato ad una diminuzione di quelli non assistiti. E, a suo parere, una persona capace di intendere e di volere che auspica di morire non dovrebbe essere impedita nella sua intenzione da un'azione legale.

È recente il caso di un ultraottantenne ginevrino che aveva chiesto l'aiuto di Exit ed è stato fermato nel suo intento da un'azione giudiziaria intentata dai fratelli. L'anziano ha poi messo fine ai suoi giorni da solo alla metà del mese. Dopo il suo decesso, i fratelli si sono rivolti nuovamente alla giustizia con una querela penale contro Exit per omissione di soccorso.

"In una società che accetta l'autodeterminazione, si rispetta la decisione altrui; altrimenti la persona appartiene ad un clan ed è il clan che decide per lei", osserva il dottor Jérôme Sobel. C'è anche - ricorda - una sentenza del Tribunale federale in cui si afferma che una persona capace di discernimento ha il diritto di scegliere i mezzi e il momento della propria morte.

Le specialista è poi scettico riguardo agli psichiatri che, per evitare la morte di un malato, associano automaticamente una richiesta di aiuto al suicidio con una depressione e una ridotta capacità di discernere.

Il 30% dei membri di Exit hanno oltre 75 anni. L'inverno della loro vita è reso difficile da varie polipatologie invalidanti legate all'età e scelgono una qualità di vita piuttosto che una quantità di sopravvivenza, spiega Sobel. Inoltre l'accompagnamento dei canditati alla morte è un lungo processo che prevede questionari e molte discussioni sulle altre opzioni possibili. "E se troviamo che una persona presenta segni di demenza o problemi psichiatrici chiediamo il certificato di uno specialista".

ats 

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
ZUGO
2 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
12 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
17 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
19 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
20 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
22 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
23 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
1 gior
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile