BERNA
27.11.16 - 18:290

«L'aiuto al suicidio è una richiesta sociale»

Lo ha affermato in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione Exit della Svizzera romanda

BERNA - L'aiuto al suicidio fornito da Exit risponde alla domanda della società e il diritto alla morte dovrebbe far parte delle libertà individuali. Lo afferma in un'intervista al domenicale Le Matin-Dimanche, il dottor Jérôme Sobel, presidente dell'associazione in Svizzera romanda.

Nel 2000 Exit contava 8000 membri in Romandia e ora sono 24'000, precisa il presidente. "Ciò dimostra che il lavoro dell'associazione risponde ad una richiesta della società". "La gente - osserva Sobel - ha prima voluto gestire l'inizio della vita, con la contraccezione, l'aborto e la procreazione assistita. Ora spera di gestire l'uscita dalla vita", con il predominio dei principi di responsabilità, autonomia e indipendenza.

Il numero di pazienti aiutati da Exit è nettamente aumentato l'anno scorso: 213 in Romandia (+22% rispetto al 2014) e 782 in Svizzera tedesca (+30%). Il cancro è il primo motivo indicato dalle persone che si rivolgono ad Exit.

Il presidente di Exit romanda ricorda inoltre che l'aumento dei suicidi accompagnati dall'associazione è correlato ad una diminuzione di quelli non assistiti. E, a suo parere, una persona capace di intendere e di volere che auspica di morire non dovrebbe essere impedita nella sua intenzione da un'azione legale.

È recente il caso di un ultraottantenne ginevrino che aveva chiesto l'aiuto di Exit ed è stato fermato nel suo intento da un'azione giudiziaria intentata dai fratelli. L'anziano ha poi messo fine ai suoi giorni da solo alla metà del mese. Dopo il suo decesso, i fratelli si sono rivolti nuovamente alla giustizia con una querela penale contro Exit per omissione di soccorso.

"In una società che accetta l'autodeterminazione, si rispetta la decisione altrui; altrimenti la persona appartiene ad un clan ed è il clan che decide per lei", osserva il dottor Jérôme Sobel. C'è anche - ricorda - una sentenza del Tribunale federale in cui si afferma che una persona capace di discernimento ha il diritto di scegliere i mezzi e il momento della propria morte.

Le specialista è poi scettico riguardo agli psichiatri che, per evitare la morte di un malato, associano automaticamente una richiesta di aiuto al suicidio con una depressione e una ridotta capacità di discernere.

Il 30% dei membri di Exit hanno oltre 75 anni. L'inverno della loro vita è reso difficile da varie polipatologie invalidanti legate all'età e scelgono una qualità di vita piuttosto che una quantità di sopravvivenza, spiega Sobel. Inoltre l'accompagnamento dei canditati alla morte è un lungo processo che prevede questionari e molte discussioni sulle altre opzioni possibili. "E se troviamo che una persona presenta segni di demenza o problemi psichiatrici chiediamo il certificato di uno specialista".

ats 

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
13 ore
Quando i manifesti vengono vandalizzati dalle mucche
Da stanotte i cartelloni dei politici hanno cominciato a sparire per lasciare il posto ad altri prodotti. I danneggiamenti hanno interessato tutti i partiti
GRIGIONI
14 ore
Aggrediti alla festa della birra, feriti gravemente due ragazzi
Finita la festa uno dei due ventenni ha chiesto ad altre persone presenti in un piazzale una sigaretta, gesto che ha apparentemente portato alla colluttazione
BERNA
15 ore
Capitale blindata per la partita con il Feyenoord
La polizia cantonale bernese ha organizzato imponenti misure di sicurezza in vista dell'impegno di Europa League di giovedì dello Young Boys
SVIZZERA
15 ore
Boom di morbillo, oltre 200 casi nel 2019
La cifra riguarda il periodo fra gennaio e fine settembre. Lo scorso anno i casi furono 34
GIURA
15 ore
Scoperti due cadaveri in un appartamento
I due corpi senza vita sono stati trovati a Haute-Sorne
SVIZZERA
18 ore
Gli elettori UDC non sopportano Greta Thunberg
Nelle elezioni federali i Verdi hanno potuto contare sulle donne e sui giovani. Ecco i risultati dell’ultimo sondaggio Tamedia
SVIZZERA
19 ore
Per patrimonio pro capite gli svizzeri restano i più ricchi al mondo
Lo conferma l'annuale Global Wealth Report di Credit Suisse secondo il quale in media "valiamo" più di mezzo milione di franchi
VIDEO
TURGOVIA
19 ore
Ecco come non bisogna estrarre un dente
Un papà, maestro di scuola guida, ha tolto il dente da latte dondolante della figlia con l'aiuto della sua auto. Ma i dentisti sconsigliano questo metodo
ZURIGO
19 ore
Fumo in cabina, l'aereo Swiss fa "marcia indietro"
In volo per Roma ha fatto ritorno a Zurigo
FOTO
ZURIGO
20 ore
Ferrari unica al mondo in vendita su internet
Si tratta di un modello da collezione dedicato al pilota Kimi Räikkönen. Il suo valore? Oltre 1 milione di franchi. Sarà esposta dal 31 ottobre al 3 novembre al Salone dell'auto di Zurigo 2019
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile