BERNA
15.10.16 - 11:120

Nessuna ondata di ritorni di jihadisti in Svizzera  

Sono 77 le persone partite verso le zone di conflitto nel Vicino Oriente

BERNA - Nonostante l'autoproclamato Stato islamico (IS) abbia perso attrattiva, non si registra ancora nessuna ondata di ritorni di jihadisti in Svizzera.

Se i sospettati dovessero però fare rientro, se ne occuperebbe il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), assicura il suo direttore.

Come in precedenza il SIC parla di 77 persone, che si sono recate in zone di conflitto nel Vicino Oriente per motivi jihadisti, afferma il direttore del SIC Markus Seiler in un'intervista rilasciata alle edizioni odierne dei giornali "Der Landbote" e "Berner Zeitung". Ventuno di queste sarebbero morte (14 confermate e sette non confermate).

Da mezzo anno il Servizio constata che non ci sono quasi più persone che dalla Svizzera vogliano aggregarsi all'IS: "L'IS ha perso splendore". Oltre a ciò, grazie a controlli rafforzati è diventato più difficile recarsi nelle zone di guerra.

SIC controlla anche rifugiati

La problematica dei jihadisti tra i rifugiati non viene sottovalutata dal SIC. Non è il modo principale di viaggiare scelto dai terroristi, ma ci sono sempre eccezioni. La Segreteria di Stato della migrazione manda migliaia di nomi al SIC da controllare.

Complessivamente sono circa 400 le persone nel radar del Servizio delle attività informative. Una sorveglianza a tappeto non è possibile, afferma Seiler. Solo il monitoraggio dei jihadisti, che dopo aver scontato una pena tornano liberi e ancora più radicalizzati, farebbe saltare le capacità del SIC. Solo pochi sospettati possono essere sorvegliati attentamente.

Sull'approvazione della nuova legge federale sulle attività informative, Seiler assicura che in Svizzera non ci sarà mai una sorveglianza di massa dei dati come presso la NSA americana.

ats

Commenti
 
Matteo Ratti 2 anni fa su fb
E chi ci crede??
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
34 min

Si scontra con il furgone e muore

La vittima è un 87enne. Avrebbe svoltato su una strada laterale senza dare la precedenza

SVIZZERA
3 ore

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

FRIBURGO
4 ore

Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti

Una donna di 71 anni si è scontrata contro un veicolo dell'assistenza stradale che si trovava sulla corsia d'emergenza per prestare soccorso ad un'auto in panne.

SVIZZERA
5 ore

Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE

L'applicazione gratuita "Travel Admin" è stata presentata questa mattina da Ignazio Cassis. «Assistere i nostri concittadini all'estero è una missione molto importante per noi»

GRIGIONI
7 ore

Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)

Le tre donne, che assieme al loro cane stavano passeggiando sul passo dello Julier, sono state ricoverate in ospedale. Una 82enne con ferite medio-gravi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile