BERNA
15.10.16 - 11:120

Nessuna ondata di ritorni di jihadisti in Svizzera  

Sono 77 le persone partite verso le zone di conflitto nel Vicino Oriente

BERNA - Nonostante l'autoproclamato Stato islamico (IS) abbia perso attrattiva, non si registra ancora nessuna ondata di ritorni di jihadisti in Svizzera.

Se i sospettati dovessero però fare rientro, se ne occuperebbe il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), assicura il suo direttore.

Come in precedenza il SIC parla di 77 persone, che si sono recate in zone di conflitto nel Vicino Oriente per motivi jihadisti, afferma il direttore del SIC Markus Seiler in un'intervista rilasciata alle edizioni odierne dei giornali "Der Landbote" e "Berner Zeitung". Ventuno di queste sarebbero morte (14 confermate e sette non confermate).

Da mezzo anno il Servizio constata che non ci sono quasi più persone che dalla Svizzera vogliano aggregarsi all'IS: "L'IS ha perso splendore". Oltre a ciò, grazie a controlli rafforzati è diventato più difficile recarsi nelle zone di guerra.

SIC controlla anche rifugiati

La problematica dei jihadisti tra i rifugiati non viene sottovalutata dal SIC. Non è il modo principale di viaggiare scelto dai terroristi, ma ci sono sempre eccezioni. La Segreteria di Stato della migrazione manda migliaia di nomi al SIC da controllare.

Complessivamente sono circa 400 le persone nel radar del Servizio delle attività informative. Una sorveglianza a tappeto non è possibile, afferma Seiler. Solo il monitoraggio dei jihadisti, che dopo aver scontato una pena tornano liberi e ancora più radicalizzati, farebbe saltare le capacità del SIC. Solo pochi sospettati possono essere sorvegliati attentamente.

Sull'approvazione della nuova legge federale sulle attività informative, Seiler assicura che in Svizzera non ci sarà mai una sorveglianza di massa dei dati come presso la NSA americana.

ats

Commenti
 
Matteo Ratti 3 anni fa su fb
E chi ci crede??
TOP NEWS Svizzera
BERNA
8 ore
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
9 ore
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
12 ore
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
FRIBURGO
13 ore
Contro un palo con la slitta, finisce in ospedale
È accaduto a Schwarzsee. La donna ha subito gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
Macché data di scadenza? Lidl introduce l'etichetta "Spesso buono oltre"
Accompagnerà la dicitura "Da consumare preferibilmente entro", che non è una data di scadenza
APPENZELLO ESTERNO
14 ore
Centauro sfreccia a 147 km/h in una zona 80
Multa salatissima, ritiro patente e denuncia per un 54enne pizzicato da un controllo di velocità
FOTO
VALLESE
1 gior
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
1 gior
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
1 gior
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
SVIZZERA/KENYA
1 gior
Due arresti per lo stupro e l'omicidio della missionaria svizzera
La 74enne viveva sola ed era stata aggredita per una rapina, le autorità keniane a caccia di una terza persona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile