ARGOVIA
25.09.16 - 11:520

«I richiedenti asilo facciano di più»

La consigliera di Stato argoviese Susanne Hochuli sostiene che l'integrazione debba essere «nettamente più severa».

BERNA -  I richiedenti asilo in Svizzera dovrebbero fare qualcosa per compensare ciò che ricevono e la loro integrazione dovrebbe essere «nettamente più severa». Lo rivendica la consigliera di Stato argoviese Susanne Hochuli in un'intervista al domenicale Schweiz a Sonntag.

«Chi viene da noi deve ricevere un tetto, cibo, assistenza media e sicurezza», ma questo non deve essere gratuito secondo la ministra cantonale uscente dei Verdi. «Chi vuole tutto ciò e 10 franchi al giorno deve seguire una scuola reclute dell'integrazione», aggiunge. Essa dovrebbe essere una sorta di corso intensivo con «al mattino lezioni di tedesco e al pomeriggio lavoro. E non importa se ciò piaccia o no. Deve essere fatto».

Hochuli ha inoltre detto di comprendere il malcontento popolare, poiché da anni qualcosa non funziona come si deve nel settore dell'asilo: «Le persone che per una vita hanno pagato i contributi sociali si sentono sempre più penalizzate. Da fastidio che i richiedenti asilo siano semplicemente qui senza lavorare».

Inoltre secondo la consigliera di Stato argoviese le procedure di asilo dovrebbero essere più brevi, al massimo di un centinaio di giorni. «È seccante se a volte occorre un anno e mezzo per esaminare una richiesta. In tutto questo i postulanti possono non fare un tubo che i soldi semplicemente arrivano», osserva.

È importante - aggiunge - che ai profughi venga spiegato come funzionano le cosa da noi, e che capiscano la cultura, il sistema, il diritto e i doveri. «Spesso loro non sono coscienti che la popolazione lavora dalla mattina alla sera, in modo anche da poterli aiutare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 anni fa su tio
Il problema principale, a mio modesto avviso, è la differenza (in termini numerici) tra coloro che vengono da noi in cerca di asilo e coloro che vengono da noi per altri motivi....
GIGETTO 3 anni fa su tio
Beh chiaro....intanto il trasposto per poter arrivare in CH viene effettuato da una parlamentare TI ro$$a del P$. Trattasi anche di un buon servizio, vanno praticamente in Italia a prenderli e portarli qui in Svizzera! Tutto nella piena illegalità.....per tutti senza privilegi.
volabas 3 anni fa su tio
@GIGETTO concordo
dudo 3 anni fa su tio
Pienamente d'accodo!!!!
cerea 3 anni fa su tio
Non perchè uno è verde che debba per forza avere svariati strati di salame sugli occhi. La Sig.ra Hochuli dimostra di non essere coperta ed allineata sulle posizioni del suo partito. La odieranno per questo, possiamo esserne certi.
Giorgio8989 3 anni fa su tio
ben detto brava..ma peccato che rimarrano solo parole e questi continueranno a sfruttarci e a deridere del fatto che non lavorano e vengono pure pagati (sentito con le mie orecchie)..!!
leopoldo 3 anni fa su tio
brava pero sarebbe meglio rispedirli a casa
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
17 min
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
1 ora
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
13 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
14 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
17 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
18 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
19 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
20 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
21 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile