ZURIGO
30.03.16 - 13:520

Parla il fratello di Kiko: «Hassan non è uno che si approfitta delle donne»

Ibrahim è sicuro dell'innocenza del fratello, arrestato nel suo rifugio insieme all'agente penitenziaria Angela Magdici a Romano di Lombardia

ZURIGO - Hanno sperato di farla franca, che il mondo si dimenticasse di loro. Una fuga d'amore di due amanti, l'agente penitenziaria e il detenuto per reati sessuali, da romanzo e che ha avuto fine venerdì scorso in un appartamento di Romano di Lombardia, cittadina di 20mila abitanti a 20 chilometri da Bergamo.

«La dominante» e «il dimesso» - Angela Magdici «la dominante», Hassan Kaki «il dimesso», così sono stati definiti dal loro avvocato d'ufficio, Mario Campagna, sono stati arrestati lo scorso 25 marzo grazie all'intervento in grande stile dei Carabinieri del Ros.

Il fratello maggiore Hassan: «Non ho più contatti con Hassan da oltre un anno - Nessuno sapeva dove fossero finiti. Neppure i loro parenti più stretti. Ad assicurarlo è il fratello maggiore di Hassan, Ibrahim, che a 20 Minuten ha dichiarato di «non avere più contatti con il fratello Hassan da oltre un anno».

«Ho saputo da un conoscente dell'arresto di mio fratello» - Ibrahim risiede in Svizzera da 13 anni. Da quando Kiko, nel marzo del 2015, è stato arrestato con l'accusa di aver violentato una 15enne, di lui non ne ha più sentito parlare. «Ho saputo da un conoscente che avevano arrestato mio fratello».

Il legame tra i due fratelli - Ibrahim ha raccontato di aver tentato inutilmente di ottenere informazioni dalla polizia per capire dove si trovasse il fratello, ma senza successo. «Non mi hanno fornito alcuna informazione», ha dichiarato a 20 Minuten Ibrahim. Soltanto alcuni mesi dopo è riuscito ad ottenere il numero di telefono del legale d'ufficio del fratello grazie a un conoscente. Sul rapporto tra i due fratelli, in tutti i casi, dalle dichiarazioni rilasciate da Ibrahim tutto lascia intendere che non sia dei più stretti e affettuosi. Infatti, alcuni giorni dopo essere riuscito a contattare l'avvocato difensore, ha ricevuto una chiamata in cui lo stesso legale, riferiva ad Ibrahim che Hassan non lo voleva vedere e che non avrebbe più dovuto chiamarlo.

«Hassan è diventato più famoso di Osama Bin Laden» - Un atteggiamento di chiusura che ha escluso la possibilità ad Ibrahim di poter riuscire a stabilire un qualsiasi tipo di contatto con il detenuto. Ed è per questo motivo che della fuga e dell'arresto del fratello e della sua amante non ha potuto far altro che apprenderlo dai mass media. «Con questo marasma Hassan è diventato più famoso di Osama Bin Laden», ha continuato Ibrahim, che ha saputo della storia d'amore del fratello sui giornali.

«Kiko non è un tipo che si approfitta delle donne» - Se l'amore tra i due amanti riuscirà a tenere e a superare questa prova è difficilo dirlo. Ibrahim è ottimista e crede che «se se il loro amore è veramente così solido, riuscirannoi a superare questa crisi». Il fratello crede che i sentimenti di Kiko nei confronti di Angela siano veri: «Non è un tipo che si approfitta delle donne».

«Io credo a mio fratello» - Il videomessaggio di Hassan pubblicato su 20 Minuten Ibrahim lo ha visto: «Io gli credo quando dice che alla ragazza non ha fatto niente», ha dichiarato Ibrahim, che crede nella innocenza del fratello. «Ne sono sicuro», ha dichiarato, sottolineando il fatto di capirlo e di conoscere bene suo fratello.

E gli crede anche quando Hassan sostiene di essere stato trattato male nel carcere zurighese. «Anche io sono stato detenuto alcuni giorni per una rissa e so come vanno le cose in quel luogo».

«In prigione è stato picchiato» - Per Ibrahim, Hassan sarebbe una vittima della giustizia e sarebbe trattato male perché è uno straniero. «Ha raccontato infatti nel video che non c'erano prove per il suo reato e che durante il processo non ha avuto il permesso di parlare. Inoltre in prigione è stato picchiato».

La madre non deve sapere niente - Ibrahim ha raccontato che sua madre, che ha 13 figli, non sa niente sui motivi che hanno portato alla detenzione di Hassan. «Questo perché le sue condizioni di salute non sono buone e abbiamo dovuto inventarci un'altra storia per non farla soffrire». Alla donna i figli le hanno raccontato che Kiko non ha superato l'esame di guida e che perciò gli esperti lo hanno picchiato. «Nonostante questa azione non sia così grave rispetto alle reali accuse nei suoi confronti, nostra madre ha perso le staffe ed è delusa di Hassan».

I familiari stanno facendo in tutti i modi affinché la donna non apprenda nulla di questa storia. «I miei fratelli cambiano semplicemente canale. Non deve morire di questo dolore».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
9 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
12 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
12 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
13 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
13 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
15 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
19 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile