Ti-Press
SVIZZERA
07.11.15 - 20:100

Sempre meno bambini e adolescenti usano la bicicletta

Pro Velo chiede alla Confederazione e ai cantoni di adattare le infrastrutture e rendere così l'uso della bici più sicuro e attrattivo

BERNA - Da qualche anno l'uso della bicicletta tra i bambini e gli adolescenti è in calo. In una risoluzione approvata oggi Pro Velo chiede alla Confederazione e ai cantoni di adattare le infrastrutture e rendere così l'uso della bici più sicuro e attrattivo.

L'obiettivo principale è quello di promuovere la bicicletta come mezzo di trasporto nelle scuole, precisa un comunicato odierno dell'associazione.

Secondo Daniel Sauter, l'autore di uno studio recente dell'Ufficio federale delle strade (USTRA), citato nella nota, il forte calo registrato tra il 1994 e il 2010 è dovuto in particolare all'abitudine dei genitori di accompagnare i propri figli a destinazione. Pro Velo sostiene che l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano è importante per lo sviluppo fisico e mentale dei ragazzi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
8 ore
Il Video del Consiglio federale: «Rispettate le misure anti-covid!»
L'invito è ovviamente a reagire. I modi sono quelli noti: «Distanze e igiene».
SCIAFFUSA
11 ore
64enne morto dopo essere stato coinvolto in una rissa
Il decesso non sarebbe direttamente legato alla scazzottata
SVIZZERA
12 ore
Può essere Covid? L'autovalutazione la fai online
L'UFSP, in base ai sintomi, invia una raccomandazione sulla necessità di fare o meno il tampone
SVIZZERA
12 ore
Philipp Wyss nuovo presidente della direzione di Coop
Simultaneamente muta anche la presidenza del cda
SVIZZERA
12 ore
Flixbus si ferma dal 3 novembre
«La decisione non è stata facile. Ma è necessaria per arginare la diffusione esponenziale del coronavirus»
BERNA
13 ore
«Potrebbero essere necessarie misure più drastiche»
Gli esperti federali aggiornano circa l'evoluzione del virus in Svizzera
ARGOVIA
13 ore
Ladri allontanati a colpi di pistola
Ignoti avevano tentato di svaligiare un negozio di armi. Ma il titolare è stato allertato dall'impianto di allarme
ZURIGO
14 ore
Pacco sospetto davanti al consolato francese
Dopo i fatti avvenuti ieri in Francia, la polizia ha preso sul serio la potenziale minaccia, isolando subito la zona
SVIZZERA
14 ore
Contagi e ricoveri stabili, ma crescono i morti
Il virus continua a circolare molto: il 24.1% dei 38'211 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Altro raddoppio per casi e decessi settimanali
Tra il 19 e il 25 ottobre sono state annunciate 39'441 nuove infezioni. La settimana prima erano 19'478.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile