SVIZZERA
09.09.15 - 14:070

Meno vittime sulle strade

Nel primo semestre del 2015 hanno perso la vita 109 persone, 7 in meno rispetto ad un anno fa. Regrediscono anche i feriti gravi

BERNA - Nel primo semestre 2015 hanno perso la vita 109 persone sulle strade svizzere, 7 in meno (-6%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I feriti gravi sono stati 1655, ovvero 350 in meno (-17%), indica in un comunicato odierno l'Ufficio federale delle strade (USTRA).

Per quanto riguarda i decessi, la riduzione è particolarmente marcata fra gli automobilisti (-31%). La diminuzione è addirittura del 45% se si confronta alla media dell'ultimo quinquennio, precisa la nota.

In aumento invece il numero delle vittime fra i pedoni: 23 quelli che hanno perso la vita, 8 in più rispetto alla prima metà dello scorso anno. Più di due terzi di questi 23 morti avevano 65 anni o più e circa un terzo è deceduto sulle strisce pedonali. Il numero dei feriti è per contro sceso da 336 a 252 (-25%).

Tra gli utenti a due ruote sono diminuiti i morti fra i ciclisti (-7% a 14 persone) mentre sono rimasti stabili - a 29 - quelli tra i motociclisti. In entrambi i casi i feriti gravi sono calati: del 14% a 366 tra i primi e del 16% a 482 tra i secondi. In lieve aumento invece i decessi e i feriti gravi tra gli utenti di biciclette elettriche (+1 per ciascuna categoria).

La tendenza positiva del 2014 relativa alla diminuzione dei morti e feriti gravi per eccesso di velocità e guida in stato di ebrezza continua a "confermarsi pienamente", scrive l'USTRA precisando che il calo più significativo è quello dei feriti gravi dovuti alla velocità, con una percentuale del 34%.

Autostrade e semiautostrade sono sempre più sicure, si legge ancora nella nota. Da quattro anni gli incidenti con feriti su questi tratti stradali continuano infatti a calare. Lo stesso vale anche per il numero dei morti, che nel primo semestre di quest'anno hanno segnato una flessione pari al 29%.

Da notare che nel 2015 sono state aggiunte due nuove categorie alla definizione di "feriti gravi".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
6 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
7 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
12 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
13 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
14 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
14 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
16 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
16 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
19 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile