SVIZZERA
28.01.15 - 14:180
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Nel primo pomeriggio il rischio d'incidenti sugli sci aumenta

Le cause sarebbero da attribuire al sovraffollamento delle piste, spiega la SUVA

LUCERNA - Il maggior numero di incidenti sulle piste da sci svizzere, uno su quattro, accade verso le 14:30. Lo indica l'Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni (SUVA) in un comunicato odierno, che presenta i risultati di un'analisi statistica dei dati sui sinistri notificati. Le cause sarebbero da attribuire al sovraffollamento, si legge.

Anche la fine di mattinata si rivela più pericolosa della media sull'insieme della giornata: il 16% degli incidenti di sci o snowboard avviene infatti attorno alle 10:30, mentre un'ora prima il tasso ammonta a meno del 7%. Gli assicuratori puntano il dito ancora una volta sulla densità di persone presenti sulle piste ma anche sui "primi segni di affaticamento che si manifestano in chi si è alzato molto presto il mattino".

Tuttavia continua ad esserci poca consapevolezza dei rischi: "Pochi sportivi sanno che alla velocità di 50 km/h lo spazio di reazione è di quasi 12 metri", sottolinea Samuli Aegerter, responsabile della campagna che la SUVA dedica agli sport sulla neve, citato nella nota. È importante quindi adeguare lo stile di sciata alla condizione fisica e alle capacità individuali.

Come ogni anno, la SUVA è presente sulle piste. Nelle prossime settimane organizza una serie di eventi in differenti località sciistiche per mettere in guardia sui rischi. Il maggior assicuratore infortuni in Svizzera propone anche alcuni moduli specifici per aziende nel corso dei quali i partecipanti possono ad esempio misurare la loro velocità.

Ats

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
CANTONE / SVIZZERA
35 min
Il primo lockdown può aver salvato fino a 35'000 vite
È quanto emerge da uno studio dell'Università della Svizzera italiana, analizzato anche dalla NZZ am Sonntag
BERNA
1 ora
La “variante inglese” mette un'altra scuola in quarantena
Martedì inizierà la formazione a distanza per i 350 allievi di Wangen an der Aare
SVIZZERA
5 ore
Covid detector in aeroporto: perché non con i cani
I risultati non sarebbero ancora sufficienti per permettere l'addestramento e l'impiego su larga scala
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Auto fuori strada, 18enne in ospedale
Le altre due persone presenti nell'auto hanno riportato solo ferite lievi
SVIZZERA
8 ore
La seconda ondata ha "steso" un giovane su tre
Depressione e stress in aumento tra gli svizzeri dai 14 ai 24 anni. Lo dice uno studio dell'Università di Basilea
SVIZZERA
12 ore
Berset ai ferri corti con Chiesa
Il ticinese e il consigliere federale si sono incontrati per un chiarimento. Ma le posizioni restano «inconciliabili»
BERNA
13 ore
Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test
Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni
Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo
SVIZZERA / ITALIA
1 gior
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
1 gior
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile