Svizzera
21.10.05 - 16:100
Aggiornamento : 13.10.14 - 13:48

Comitato bacchetta CDIP: nessuna base scientifica per due lingue straniere alle elementari

ZURIGO - La decisione della Conferenza dei direttori dell'istruzione pubblica (CDIP) di introdurre l'insegnamento di due lingue straniere nelle scuole elementari non ha alcun fondamento scientifico. La bacchettata viene dal Comitato intercantonale per una sola lingua straniera alle elementari, che in una conferenza stampa oggi a Zurigo ha presentato una sua analisi in merito.

Il Comitato è composto di docenti tedescofoni ed è attivo in undici cantoni svizzero tedeschi, dove ha gia lanciato diverse iniziative popolari contro il progetto della CDIP di introdurre le due lingue straniere (al terzo e al quinto anno) al più tardi dal 2012/13.

Secondo il Comitato, la Conferenza dei direttori si appoggia su "studi pseudo scientifici" per giustificare l'insegnamento precoce delle lingue straniere. Nessuno degli studi menzionati dalla CDIP infatti ha valutato i vantaggi e gli svantaggi di un'introduzione della seconda lingua straniera nel quinto anno rispetto a un'introduzione nel settimo. Nessuna delle inchieste ha inoltre verificato se l'apprendimento alle elementari di due lingue straniere abbia influenze negative sull'acquisizione di altre competenze.

Tali studi sono stati attentamente esaminati da Verena Herzog, membro del Comitato e co-presidente del comitato d'iniziativa turgoviese contrario alle due lingue alle elementari, e da suo marito Guido Herzog. "Il risultato toglie ogni illusione": le indagini e gli articoli a cui la CDIP fa riferimento affrontano solo marginalmente il tema dell'insegnamento di due lingue straniere alle elementari. "È spaventoso che una Conferenza di direttori cantonali si appoggi su letteratura di questo genere", ha sottolineato Guido Herzog.

Per il Comitato la soluzione scelta dalla CDIP di introdurre la prima lingua straniera nel terzo anno scolastico e la seconda nel quinto "è il risultato di un puro compromesso politico". La maggior parte dei bambini - hanno sottolineato gli oratori - non riuscirà a sostenere il peso di due lingue straniere alle elementari e ciò avrà conseguenze anche sull'apprendimento - nella Svizzera tedesca - del "buon tedesco".

Inoltre con la decisione della CDIP si crea una certa confusione: certi cantoni prevedono di introdurre prima il francese e poi l'inglese, mentre altri hanno scelto l'ordine inverso. Il Comitato si batte perché il francese venga insegnato solo dal livello secondario. Il Comitato ha finora depositato iniziative a Zurigo, Zugo, Sciaffusa e Turgovia, mentre a Lucerna è in corso la raccolta delle firme.



ATS
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
20 min
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BASILEA
2 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
2 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
2 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
4 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
5 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
7 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
7 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
23 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
1 gior
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile