ENERGY CHALLENGE
18.10.19 - 15:250

Quasi 750 000 consigli per risparmiare energia

La protezione dell’ambiente e del clima è un tema che riguarda tutti. Energy Challenge 2019 ha proposto numerosi consigli per una gestione parsimoniosa dell’energia e delle risorse naturali

Entro il 2035, il consumo energetico medio pro capite degli svizzeri dovrà essere ridotto del 43 per cento. Con l’accettazione della strategia energetica 2050, la Svizzera ha tracciato la via per un futuro in cui l’energia viene utilizzata in modo efficiente e sostenibile nonché prodotta nel nostro Paese in modo da eliminare la dipendenza dall’energia importata dall’estero. «L’attuazione della strategia energetica non è solo compito di alcuni grandi consumatori. Richiede un impegno a lungo termine da parte dell’intera popolazione», spiega Patrick Kutschera, direttore di EnergiaSvizzera.

Grazie a misure semplici come trascorrere le ferie in Svizzera o nei Paesi vicini, evitare i voli privati, ridurre la temperatura in casa di 1C° o recarsi regolarmente al lavoro in bicicletta, i singoli possono ridurre il proprio consumo energetico personale e contribuire a proteggere l’ambiente. Energy Challenge 2019 ha proposto in maniera ludica numerosi consigli alla popolazione svizzera per una gestione più consapevole dell’energia. L’app di Energy Challenge ha totalizzato 130 000 download e gli utilizzatori stimano di aver utilizzato i consigli riportati quasi 750 000 volte. Nel corso dei grandi eventi, lo stand di Energy Challenge è stato visitato da oltre 450 000 persone e gli articoli della campagna nazionale per il risparmio energetico sono stati letti più di 25 milioni di volte.

Serve un cambio di mentalità sulla mobilità

Secondo Lars Thomsen, uno dei maggiori esperti per lo sviluppo futuro, nel settore dell’energia e dalla protezione dell’ambiente è imminente un importante cambiamento. «Grazie alla comprensione del sistema e a uno sguardo aperto sul mondo, è stato possibile calcolare i cosiddetti punti di rottura», ha spiegato l’esperto durante l’evento conclusivo di Energy Challenge 2019. «Nel decennio a partire dal 2020 ci saranno molti più cambiamenti e opportunità rispetto agli ultimi dieci anni», prevede Thomsen. Quello che oggi può sembrare ancora utopico, tra dieci o vent’anni sarà perfettamente realizzabile. «Sarà in ogni caso un processo lungo che richiederà molto lavoro», avvisa. La nostra idea di mobilità andrà ad esempio completamente ridisegnata proprio come i metodi per immagazzinare l’energia.

Thomsen ha menzionato Climeworks come esempio di innovazione con il giusto potenziale per un cambiamento a livello mondiale. La startup zurighese ha sviluppato una soluzione per ridurre la percentuale di diossido di carbonio nell’atmosfera: il CO2 viene filtrato dall’aria circostante, isolato e utilizzato per scopi industriali.

Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile