Nel 2016 in Svizzera sono stati installati impianti fotovoltaici solo sul cinque percento delle facciate e dei tetti idonei
ENERGY CHALLENGE
24.09.18 - 10:420

Quale sarà il futuro dell’energia solare?

In Svizzera ci sono ancora margini di crescita per lo sfruttamento dell’energia solare. Silvia Ulli-Beer, docente presso l’Università di Scienze Applicate di Zurigo (ZHAW), spiega i motivi

 

Il sole è una fonte energetica inesauribile e come tutte le forme energetiche rinnovabili anche l’energia solare è sensibilmente più ecologica e ha molti meno effetti sul clima rispetto ai combustibili fossili. Il potenziale per la produzione di corrente sui tetti e sulle facciate degli edifici svizzeri è grande, tuttavia non viene ancora sfruttato appieno. Tra gli Stati che in Europa utilizzano maggiormente l’energia solare vi sono sia Paesi come la Grecia e l’Italia, dove splende spesso il sole, sia Paesi nordici quali Germania, Belgio e Repubblica Ceca. La Svizzera non rientra quindi tra i pionieri. Nel 2016, infatti, sono stati installati impianti fotovoltaici solo sul cinque percento delle facciate e dei tetti idonei. Da cosa dipende questa situazione? 20 Minuti ha parlato con la Dottoressa Silvia Ulli-Beer, docente di sistemi energetici sostenibili presso la ZHAW School of Engineering, sulle prospettive dell’energia solare in Svizzera.

Per quale motivo, secondo Lei, l’energia solare in Svizzera viene sfruttata meno rispetto ad altri Paesi con un irraggiamento solare altrettanto forte?

Silvia Ulli-Beer: le pressioni esercitate sulla classe politica e gli incentivi in altri Paesi sono maggiori che in Svizzera. Inoltre, il mercato elvetico delle imprese artigianali e delle economie domestiche non è ancora liberalizzato. Di conseguenza, la quota di mercato dell’energia solare in Svizzera al momento è pari al due percento circa. In Germania invece questo valore arriva già al sette percento circa dell’intero
approvvigionamento energetico. Ci sono ovviamente delle spiegazioni: grazie alla Legge sulle energie rinnovabili (EEG), in Germania le condizioni economico-energetiche generali e gli incentivi di mercato per la diffusione della corrente solare sono nettamente migliori. Sul mercato, la vendita di energia solare ha la priorità sulla corrente prodotta dalle centrali a carbone. In Germania, inoltre, sono attivi già circa 100 000 sistemi di accumulo per il fotovoltaico, circa un terzo di questi è stato realizzato usufruendo di appositi incentivi. Le condizioni generali qui in Svizzera sono diverse. Ciononostante, più del 60 percento della corrente in Svizzera deriva da fonti energetiche rinnovabili - il resto dal nucleare. In territorio elvetico non ci sono centrali a carbone. A titolo di paragone: ad oggi in Germania più del 60 percento della corrente proviene dalle centrali a carbone e il 40 percento circa da fonti rinnovabili. Nei prossimi cinque/dieci anni mi aspetto un sensibile potenziamento dell’energia solare in Svizzera.

Cosa cambierebbe per le economie domestiche se si utilizzasse di più l’energia solare?

Oggi i privati investono sempre più nella corrente solare e la utilizzano per il proprio fabbisogno energetico.
E continuano ad acquistare la restante corrente da fornitori locali. Le economie domestiche si trasformeranno nei cosiddetti «prosumer», ovvero produttori e al tempo stesso consumatori di energia solare. In questo modo possono risparmiare sui costi della corrente. Sfruttando maggiormente la corrente solare, le economie domestiche diventano più indipendenti. I gestori della rete di distribuzione introdurranno nuove tariffe in modo che gli utenti possano avere la corrente a prezzi più convenienti, quando la rete non è sovraccaricata.

Come si comporta l’energia solare in termini di efficienza ed ecocompatibilità rispetto alle altre fonti rinnovabili?

Considerate l’attuale situazione politica e la diminuzione dei costi del fotovoltaico, la corrente solare rappresenta già oggi un investimento ecologico ed efficiente, purché si scelga un luogo adatto dove installare gli impianti fotovoltaici. Ma anche se si considerano le opzioni tecnologiche oggigiorno disponibili per la produzione di corrente, il fotovoltaico insieme all’energia eolica e a quella idroelettrica è la scelta giusta ai fini di ridurre l’impatto sul clima. In Svizzera è l’ubicazione l’elemento chiave per decidere quale di queste tre tecnologie è più redditizia dal punto di vista dei costi. Queste tecnologie andrebbero considerate come approcci complementari e non concorrenti. In futuro, anche la ristrutturazione e la gestione delle reti di distribuzione influiranno sull’efficienza a livello di costi dell’erogazione della nostra corrente. Se, come fatto finora, cercheremo di garantire la sicurezza delle forniture con condotte in rame sovradimensionate, i prezzi lieviteranno. Una gestione accorta della produzione e dei carichi unitamente ad approcci digitali aiuta a sfruttare meglio le capacità delle condotte già esistenti e a impostarne la ristrutturazione in maniera economicamente efficiente. Inoltre, è necessario investire in tecnologie efficienti.

Come vede il futuro dell’energia solare in Svizzera?

L’energia solare conquisterà una quota importante del mercato e sostituirà in buona parte il nucleare. In futuro, tuttavia, sarà ancora l’energia idroelettrica a dominare il nostro mix energetico ma anche la geotermia rivestirà un ruolo importante. Credo che inizialmente, in futuro, prenderemo la nostra energia solare dai Paesi limitrofi. Sul mercato energetico si affacceranno più comunità di consumo proprio e più prosumer. Questi bilanceranno i propri consumi con soluzioni di accumulo e imposteranno il consumo energetico senza sovraccaricare la rete, poiché questo è l’approccio più efficiente e più ecologico. Inoltre, si utilizzerà sempre più energia solare o idroelettrica per caricare i veicoli elettrici o per produrre idrogeno come accumulatore intermedio.

Energy Challenge 2018 - Energy Challenge 2018 è una campagna nazionale di SvizzeraEnergia e dell'Ufficio federale dell'energia sui temi dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili. 20 minuti è partner media e approfondisce i temi principali con grafici, reportage e interviste. Trovate maggiori informazioni sull'app gratuita per Android e iOS.

Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report