Pexels
ENERGY CHALLENGE
16.06.18 - 06:000

Ecco come tenere al fresco la birra durante le partite più calde

Il consumo di birra aumenta in concomitanza dei Mondiali di calcio. Come deve essere impostato il frigorifero affinché questa apprezzata bevanda si mantenga bella fresca?

 

Gli svizzeri bevono in media 55 litri di birra all’anno. Tale cifra colloca la Svizzera sugli ultimi gradini a livello europeo. Il consumo annuo pro capite più alto si registra in Repubblica Ceca (143 litri), Germania (104 litri) e Austria (103 litri). Le statistiche indicano inoltre che durante i Mondiali di calcio il consumo di birra aumenta in misura notevole nei rispettivi paesi partecipanti.

La birra viene conservata al fresco nei circa 4,4 milioni di frigoriferi installati nelle cucine svizzere. Frigoriferi e refrigeratori consumano in tutto circa 1100 milioni di kilowattora di elettricità all’anno sul territorio nazionale. Durante i circa 15 di vita di questo elettrodomestico, i costi per la corrente ammontano a 740 franchi (con classe energetica A+) per ogni economia domestica.

I seguenti suggerimenti di SvizzeraEnergia vi aiutano a tenere in fresco la birra risparmiando energia.

Classe di efficienza energetica: I frigoriferi devono essere dotati di etichetta energetica che riporta i dati su consumo ed efficienza energetica, capacità e livello di rumorosità. Dal 2013 sono ammessi in commercio solo frigoriferi che raggiungono almeno la classe A++. Il consumo energetico di frigoriferi e congelatori è ormai in diminuzione da anni, grazie soprattutto alle migliori tecniche di isolamento, che consentono risparmi energetici fino all’80 per cento nei migliori elettrodomestici. Grazie a compressori regolati e pannelli termoisolanti sottovuoto questo risparmio aumenterà ancora in futuro. Un attuale dispositivo combinato (frigorifero e congelatore) di classe energetica A+++ necessita di 140 kilowattora all’anno, un apparecchio obsoleto di classe C degli anni Novanta consuma 600 kilowattora. Un elettrodomestico di classe A+++ consuma il 60 per cento di corrente in meno rispetto a uno di classe A. Conviene quindi fare attenzione alla classe energetica al momento dell’acquisto.

Posizione: Un frigorifero non dovrebbe trovarsi a stretto contatto con il piano cottura, la lavastoviglie e il riscaldamento o essere direttamente esposto ai raggi solari. Il consumo di corrente sale anche in proporzione alla temperatura ambientale. Se il frigorifero viene collocato in cantina, il consumo energetico cala drasticamente rispetto a refrigeratori collocati in cucina. Nella fase di installazione occorre inoltre rispettare le distanze dalle pareti indicate dal produttore in modo da garantire sufficiente aerazione.

Temperatura: Oltre alla temperatura ambientale, sul consumo energetico incidono anche le temperature impostate individualmente sugli apparecchi. Impostando la temperatura interna a quattro anziché a sei gradi, il frigorifero richiede il dieci per cento di corrente in più. In estate o in ambienti con riscaldamento a temperature elevate serve più potenza di raffreddamento per conservare gli alimenti al fresco rispetto all’inverno. La temperatura ideale per la maggior parte degli alimenti è di cinque gradi Celsius, anche se per determinati cibi, come ad esempio la carne, sarebbe bene impostare una temperatura un po’ inferiore. Basta un semplice termometro per verificare se la temperatura è correttamente impostata. Secondo il Dr. Energy, si può anche optare per il cosiddetto test del burro: quando lo si estrae dal frigorifero, il burro dovrebbe essere di consistenza spalmabile.
Se è troppo duro significa che la temperatura impostata è troppo bassa. Questo test funziona solo con il vero burro perché i formaggi spalmabili disponibili in commercio mantengono la loro consistenza anche a temperature molto rigide. La temperatura più fredda in assoluto nel frigorifero si trova di solito nel ripiano inferiore, sopra i cassetti. L’impostazione corretta in estate è solitamente compresa tra 3 e 5, mentre in inverno spesso è sufficiente tra 1 e 3.

Contenuto: Non collocate pietanze calde nel frigorifero, che vanno prima fatte ben raffreddare. I surgelati dovrebbero essere collocati nel frigorifero per essere scongelati, in questo modo l’elettrodomestico assorbe il freddo dell’alimento e richiede meno energia.

Pausa estiva: In caso di lunghi soggiorni di vacanza, è bene svuotare il frigorifero, disattivarlo e lasciare le ante aperte.

Riutilizzo: I frigoriferi dismessi vengono di solito riutilizzati dagli studenti per i loro alloggi temporanei. Così facendo, non si considerano tuttavia i costi del consumo di corrente: un vecchio frigorifero o congelatore, con buona chiusura, di classe C genera ogni anno circa 100 franchi di costi di elettricità. Se l’anta non chiude bene e lo scomparto del congelatore ghiaccia, i costi per il consumo di corrente possono arrivare addirittura a 200 franchi. Al contrario, un apparecchio di ultima generazione con classe di efficienza energetica A+++ consuma solo 32 franchi di corrente all’anno. Conviene quindi sempre valutare l’acquisto di un nuovo elettrodomestico.

Energy Challenge 2018 - Energy Challenge 2018 è una campagna nazionale di SvizzeraEnergia e dell'Ufficio federale dell'energia sui temi dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili. 20 minuti è partner media e approfondisce i temi principali con grafici, reportage e interviste. Trovate maggiori informazioni sull'app gratuita per Android e iOS.

Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report