Key/TiPress
+ 6
UN DISCO PER L'ESTATE
18.07.19 - 07:010
Aggiornamento : 09.08.19 - 10:39

«Un fenomeno che non esultava mai: McCourt leader e ticinese d’adozione»

Nicola Celio, storico ex capitano dell’Ambrì, ci ha parlato della stella canadese che per otto stagioni deliziò il popolo biancoblù: «Umile e divertente, da Dale ho “portato via” tante belle cose»

AMBRÌ - Indimenticato e indimenticabile dalle parti della Valascia, Dale McCourt - nato a Falconbridge, nell’Ontario, nel 1957 -, ha legato indissolubilmente il suo nome a quello dell’Ambrì. Prima scelta assoluta del Draft del 1977, “The Chief” ha illuminato la Leventina dal campionato 1984/85 - quello del suo arrivo e della promozione in A - al 1991/92, quando giocò le ultime partite e segnò le ultime reti che infiammarono il popolo biancoblù. Mossi i primi passi in Prima squadra alla fine degli anni ‘80, Nicola Celio è cresciuto in quell’Ambrì trascinato dalla stella canadese e, proprio dal centro ex Detroit Red Wings, ha imparato molto.

«Esattamente, da Dale ho “portato via” tante belle cose, i suoi movimenti rapidi erano da ammirare e cercare di imitare - esordisce Nicola Celio, storico ex capitano dell’Ambrì - All’epoca giocavo come centro e lui è stato un personaggio importante per la mia crescita, in allenamento non gli levavo gli occhi di dosso».

Che tipo era?
«Era un leader, un campione anche di umiltà che si adattò benissimo alla realtà leventinese. Non ci ha mai fatto pesare il fatto che noi fossimo più "deboli"… perché bisogna dirlo: era così».

Un leader che parlava con i fatti.
«Giusto. Era piuttosto silenzioso, ma quando parlava si faceva capire e sentire… Fuori dal ghiaccio era anche molto divertente, mentre in pista dopo un gol non esultava mai. Dopo una rete pensava solo ad andare all'ingaggio per riprendere il gioco e segnarne un’altra. Una mentalità vincente».

Insomma un esempio in pista e fuori.
«Assolutamente. In quei anni McCourt, insieme a Laurence, era una spanna sopra agli altri. Gli stranieri di assoluto valore “saltavano fuori dal mazzo”, facevano un’enorme differenza. Portavano la squadra di peso, erano come degli extraterrestri. Gli altri blocchi facevano una comparsa sul ghiaccio, loro segnavano e trascinavano».

McCourt e la sua famiglia hanno sempre detto di aver trascorso periodi meravigliosi in Ticino. Erano incantati dal calore e dall'accoglienza della gente. I bei momenti sono stati numerosi sia in pista che fuori.
«C’era un grande gruppo, unito e compatto. C’era uno zoccolo duro di giocatori ticinesi e svizzero canadesi. Poi c’era chi, come Dale, ticinese lo è “diventato”. C’era un’amalgama perfetta. Dialetto? Certo… (ride, ndr). McCourt provava a parlare sia italiano che dialetto, ricordo episodi e momenti anche divertenti».

Ti ricordi una sua particolarità?
«La prima cosa che mi viene in mente è il suo sistema nel preparare i bastoni. All’epoca c’erano ancora i bastoni in legno e lui li piallava fino a farli appoggiare perfettamente sul ghiaccio. Usava un centinaio di bastoni all’anno e li lavorava dal primo all'ultimo in maniera meticolosa».

Oggi, a distanza di circa trent’anni dalle vostre battaglie sul ghiaccio, la tua maglia numero 8 è là, appesa sotto le volte della Valascia, insieme (anche) alla 15 di McCourt. 
«È un onore. Mi rendo conto che ne abbiamo passate delle belle… È fantastico essere ancora insieme anche in questo. McCourt mi ha visto crescere e nella sua esperienza dietro la transenna (anche ad Ambrì come assistente, ndr) mi ha pure allenato. Sulla mia maglia, ritirata dal club, posso solo dire di esserne molto orgoglioso: sono felicissimo di aver avuto la possibilità di giocare così a lungo ad Ambrì e aver ripagato il club con una certa qualità», conclude Nicola Celio.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
Remi Agustoni 1 mese fa su fb
Aveva gli occhi neri neri neri....
Antonio Tempone 1 mese fa su fb
Un grande
Adriana Genuizzi Da Silva 1 mese fa su fb
Storco X capitano HCAP X 20 ma la maglia mai ritirata non sono tutti uguali
albertolupo 1 mese fa su tio
...e sembra anche che affilasse la lama dei pattini all'inizio della stagione e basta...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
FOTO
TENNIS
14 min

Mollato Wawrinka, la Vekic parla di flirt: «Con me i ragazzi ci provano sempre...»

La 23enne croata si è un po' sbottonata, raccontando della sua vita privata: «Le donne che fanno la prima mossa? Non c'è nulla di male»

SUPER LEAGUE
3 ore

«Così il campionato non mi piace»

Fabio Celestini ha lanciato la sfida al San Gallo e aperto alla possibile riforma della Lega: «Non si può arrivare a poche giornate dalla fine e non sapere se si andrà in Europa o se si retrocederà»

NHL
4 ore

Cocaina, quattro anni di squalifica per Evgeny Kuznetsov

Il 27enne attaccante dei Capitals è risultato positivo a un controllo effettuato durante gli ultimi Mondiali. E già circolava in rete un video più che sospetto

BUNDESLIGA
6 ore

Witsel, fuga dalla Cina: «Ospedali da incubo, ecco perché ho rinunciato a un sacco di soldi»

Il centrocampista, ora al Dortmund, è tornato sull'addio al Tianjin Quanjian, che gli garantiva 18 milioni a stagione: «Mia figlia aveva una seria malattia, ma lì gli ospedali erano inadeguati»

NATIONAL LEAGUE
7 ore

Lo Zugo blinda Martschini

L'attaccante 26enne, Top Scorer dei Tori nella scorsa stagione, ha firmato fino al 2023. Entusiasta il ds Reto Kläy: «Lino è uno dei nostri giocatori chiave»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile