Keystone (foto d'archivio)
+ 2
UN DISCO PER L'ESTATE
21.06.19 - 07:000
Aggiornamento : 15.07.19 - 22:32

Huet e quella parolaccia-complimento: «C***o, un portiere vero»

Il 43enne è stato scelto come uno degli uomini simbolo del Losanna. Lui che ha lasciato il segno in (quasi) tutti i club nei quali ha giocato

LOSANNA - Si può essere il simbolo di una squadra – o almeno uno dei grandi della storia di un club – senza aver speso l'intera carriera con essa? Si può entrare nel cuore dei tifosi, per non uscirne più, senza per forza rincorrere la luce dei riflettori? Pensate a Cristobal Huet, stravotato nel sondaggio tra i giocatori preferiti del Losanna, e avrete la vostra risposta.

Il fenomenale portiere francese ha lasciato un ricordo gigantesco di sé ovunque sia passato. Ha giocato in patria, a Grenoble, ed è diventato un idolo vincendo un titolo (e un paio di premi come miglior portiere).

Ha assaggiato una prima volta la Svizzera e... è diventato un idolo vincendo un titolo (e altre due corone come estremo difensore numero uno).

Ha tentato la fortuna in NHL e... è diventato un idolo vincendo un titolo (più una convocazione all'All-Star Game e un premio per la miglior percentuale di parate in stagione).

È infine tornato dalle nostre parti e... si è confermato un idolo infilando titolo di LNB, promozione e il solito premio come migliore di tutti.

Quattro delle undici squadre con le quali ha giocato in carriera (nazionale esclusa, dove è ovviamente considerato un idolo) lo riconoscono come uno dei più preparati, attenti e allo stesso tempo umili interpreti mai avuti. Non è in fondo solo per i numeri messi insieme che, faccia una passeggiata a Grenoble, a Chicago, a Lugano o a Losanna, il 43enne è stato (ed è ancora) acclamato. Huet è uno di quei campioni che raramente ha sprecato energie per qualcosa che non fosse la partita o la preparazione della stessa. È stato grazie a ciò, oltre che a doti innate, se ha potuto avere una carriera che ha sfiorato la leggenda. È stato grazie a ciò se è riuscito a impressionare ogni compagno o avversario avuto. Un aneddoto spiega alla perfezione la considerazione maturata da Cristobal in anni di successi. Nel 2013 chiedemmo a un suo storico ex compagno un parere sul Losanna, neopromosso in NLA. «Non saranno mai una squadra materasso – ci disse – perché hanno possibilità e, alle spalle, un gran tifo a spingerli. E poi, c***o, hanno un portiere vero». E quella è stata l'unica volta che abbiamo sentito questo “personaggio” dire una parolaccia.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
sergejville 5 mesi fa su tio
Mi ricordo ancora tanti Espertoni di casa nostra e altrove (in primis klaus zaugg) ha deridere Jimmy Koleff per aver preso un portiere francese! Strepitosi gli anni a Lugano e poi carriera super in NHL! Grande e indimenticabile Cristo, numero 39.
albertolupo 5 mesi fa su tio
Ma alla fine c***o l’ha detto un suo ex compagno di squadra, quindi?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SERIE A
20 min
«Andando in Serie B ho rinunciato al Pallone d'Oro»
Gianluigi Buffon è tornato a parlare della stagione di purgatorio trascorsa con la sua Juve: «Se oggi a quasi 42 anni mi trovo qui è in virtù di quella scelta fatta 14 anni fa»
MOTOMONDIALE
3 ore
Vale si diverte in Mercedes: «Vi spiego tutto...»
L'italiano tra presente e futuro: «Questa stagione è stata molto complicata, 2020 anno importante». 9 dicembre il giorno dello "scambio"
FORMULA 1
6 ore
«Ferrari, sei così convinta di voler prendere Hamilton?»
L'ex team principal di Benetton e Renault Flavio Briatore: «Se il prossimo anno Leclerc continuasse il processo di crescita iniziato quest’anno, io punterei sul monegasco»
NATIONAL LEAGUE
8 ore
Quando Bob Hartley chiese a Sven Ryser di far male a Reto Von Arx...
Episodio da censura: il coach canadese decise poi di mettere fuori rosa il suo giocatore, il quale si rifiutò di ferire l'avversario...
SUPER LEAGUE
11 ore
Djuric vuole battere il Lugano: «Un folle spareggio come quello dell'anno scorso vogliamo evitarlo»
Sabato sera alla Maladière lo Xamax - reduce da tre sconfitte di fila - ospiterà i bianconeri: «Le loro assenze? Non guardiamo l'avversario. Dobbiamo vincere»
HCAP
20 ore
«Dispiace per Upshall, sia a livello umano che per quanto dava alla squadra»
Paolo Duca, ds biancoblù, ha parlato del ferimento dell'attaccante canadese: «È un guerriero, non ha mollato e ha già iniziato la terapia. Ora, un aspetto positivo, è il ritorno di Sabolic»
SCI ALPINO
22 ore
Lara si difende: «Ho vinto tanto, ciò che ho scelto per la mia carriera ha funzionato»
La sciatrice ticinese ha risposto alle accuse di non essersi allenata abbastanza a causa del rapporto con Valon Behrami: «Non sono stata professionale? È ridicolo»
HCAP
1 gior
Ambrì, che sfortuna: infortunio al ginocchio per Upshall 
Il canadese, infortunatosi sabato sera a Langnau, dovrà rimanere ai box per 3-4 settimane
AUTOMOBILISMO/MOTOCICLISMO
1 gior
I "giri" del motore in un libro tutto ticinese: «È un cimelio storico»
Alex Fontana ha commentato l'opera "Piloti ticinesi da Grand Prix": «Penso che chiunque - anche chi non è appassionato di motori - possa ritrovarsi e seguire con passione 111 anni di storie vere»
NAZIONALE
1 gior
Fora, Loeffel e Bertaggia in Nazionale
Patrick Fischer ha fatto le sue scelte in vista della NaturEnergie Challenge, in programma a Visp settimana prossima
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile