TiPress
Reuille in azione, stagione 2005/2006.
BB/BN BEST EVER
23.08.17 - 14:140
Aggiornamento : 24.08.17 - 01:32

«Adrenalina alle stelle, non potevamo perdere contro l’Ambrì»

Sébastien Reuille, attaccante 36enne, ci parla del campionato 2005/06 vinto dal suo Lugano: «All’inizio dei playoff eravamo troppo sicuri di noi stessi»

LUGANO - Culminata con la conquista del settimo titolo della storia del club, la stagione 2005/06 resterà per sempre nei cuori dei tifosi bianconeri anche (o forse soprattutto) per la pazza rimonta ai danni dell’Ambrì nel primo turno dei playoff. Da 0-3 a 4-3 sui cugini in una serie da brividi, prima di abbattere con semplicità disarmante gli Aviatori (4-1 in semifinale) e il Davos di Del Curto (4-1 in finale).

Sébastien Reuille, attaccante 36enne che si appresta ad iniziare l’11esima stagione in riva al Ceresio, è stato una dei protagonisti di quell’annata trionfale, nella quale totalizzò 11 reti e 20 assist in 61 incontri.

«Quello del 2005/06 è stato un campionato speciale, con un finale dolcissimo… un titolo spettacolare», esordisce Reuille. Eppure il Lugano, dal roster stellare, rischiò davvero grosso contro l’Ambrì di Trudel, Domenichelli e Toms. «Forse all’inizio, pur conoscendo l'imprevedibilità dei derby, eravamo troppo sicuri di noi stessi avendo chiuso la regular season al secondo posto. Partite “strette”, combattute, tutte a favore dell’Ambrì: iniziare i playoff con un derby è qualcosa di molto particolare».

Sotto 3-0 la situazione era ormai critica. «Il morale era basso. Sapevamo di essere più forti, ma ci ritrovammo con le spalle al muro. Ricordo del licenziamento di Huras dopo gara-2 e che i fans durante la serie entrarono nello spogliatoio per parlare alla squadra… sono successe tante cose “speciali”. Nell’aria c’era energia, adrenalina. Non potevamo perdere quella serie contro l’Ambrì: già in campionato sono sfide molto sentite. La situazione dopo le prime sconfitte era complicata, ma da parte nostra sapevamo che se avessimo vinto una partita avremmo girato la serie».

E infatti, dopo il successo all’overtime in gara-4, andò proprio così. «Ci fu anche un po’ di fortuna. In gara-4 Domenichelli mancò la porta a pochi secondi dalla fine (sul 4-4, ndr) e in seguito Vauclair segnò in maniera rocambolesca il gol decisivo. Tanti piccoli episodi decisero il nostro campionato: dopo quella vittoria non ci fermammo più».

Nessuno infatti seppe più contrastare i bianconeri. «A quel punto il morale era altissimo. Dopo la vittoria nel quarto match alla Valascia sapevamo di poter arrivare fino in fondo. Eravamo superiori, avevamo quattro linee complete e compatte. Tutti potevano giocare nelle diverse situazioni e accettavano il loro ruolo in squadra. In finale ci furono successi anche piuttosto netti».

Dopo la sconfitta in gara-2 la dirigenza bianconera optò per il cambio di allenatore: via Huras, “dentro” Kreis affiancato da Zanatta. Quanto fu determinante? «Sicuramente fu importante dal punto di vista mentale, ma è difficile quantificarne l’effetto. Di certo ci fu una scossa perché poi vincemmo il campionato, ma non possiamo sapere come sarebbe andata a finire con Larry alla guida. Ad ogni modo alla fine, con la vittoria del titolo, la società ebbe ragione».

Kreis e Zanatta toccarono i “tasti giusti”. «Harold portò nuovi input, ma non poteva arrivare e cambiare tutto. Ivano invece era già con la squadra da diversi anni come assistente, conosceva bene ogni giocatore. Insieme lavorarono molto bene: Kreis portò qualche accorgimento a livello tattico, mentre Zanatta gestì il gruppo».

Metropolit, Nummelin, Peltonen, Hentunen e York: di quella squadra facevano parte stranieri eccezionali. «Erano tutti fortissimi, giocatori stupendi. Sul ghiaccio erano determinanti, ma anche fuori davano l’esempio. Personalmente ho imparato tanto da Ville Peltonen. Ora, a mia volta, spero di poter trasmettere ai giovani che giocano al mio fianco quella grinta, attitudine e voglia di giocare».

Trasmettere queste qualità ai giovani in forza al Lugano e ai Ticino Rockets… «Ora sono sotto contratto e mi alleno con il Lugano, ma quando ci sarà bisogno potrò giocare anche con i Rockets. In questa stagione darò il massimo per giocare il più possibile con i bianconeri. Vorrei raggiungere il traguardo delle 1’000 partite in LNA. Adesso sono vicino alle 930 presenze. Già a Lugano cerco di aiutare i più giovani, far vedere come si lavora in pista e fuori: è stimolante. Nell’hockey professionistico serve costanza nel lavoro, altrimenti in uno-due anni si rischia di perdersi».

Reuille si prepara dunque ad un altro anno a Lugano anche per andare a caccia di un nuovo titolo… «Nel 2004 ero arrivato qui per vincere e ci sono riuscito, ma quello del 2005/06 per ora è l’unico che ho “in mano”. Chiaramente mi piacerebbe tanto vincerne un altro prima di appendere i pattini al chiodo».

Quale Lugano preferisci tra quello del 2005/2006 e quello del 2002/2003? Vota nel sondaggio

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sergejville 2 anni fa su tio
Leone SEBA.
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
DIVERSI
5 ore
Nonna Lina da lacrime: a 102 anni sconfigge il Covid-19 e realizza il suo sogno!
La donna - guarita dal coronavirus - realizzerà il suo sogno: incontrare il campione italiano
TENNIS
8 ore
«Stiamo perdendo le ultime possibilità di vedere Federer»
L'ex tennista svedese: «In questa situazione lo sconfitto numero 1 è però Djokovic...»
TENNIS
12 ore
«Scrivetemi! Questo è il mio numero...»
L'ex tennista russa ha pubblicato un numero di telefono, sul quale poterle scrivere
FORMULA 1
15 ore
Per Seb i milioni non contano
Un eventuale rinnovo con la Ferrari? Per Vettel non dipende dall'offerta economica
LAS VEGAS
19 ore
Scatti sexy nei giorni del coronavirus: valanga di insulti
La canadese ha interpretato in maniera bizzarra il concetto del “social distancing”.
HCAP
1 gior
«Ad Ambrì, con Cereda, solo perché sono molto veloce»
Il 38enne si gode il presente, guardando al futuro senza paura: «Due anni fa ero pronto a chiudere, ero sereno».
HCAP
1 gior
Ancora Ambrì per Ngoy
Il 38enne rimarrà alla Valascia almeno per un altro anno
SERIE A
1 gior
«Per mettere tutti in quarantena è stato necessario che fosse positivo uno della Juve»
L'attaccante dell'Inter Romelu Lukaku, in una diretta su Instagram, è tornato sulla sospensione del campionato
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Il calvario di Grassi: «Mi sono operato di nuovo. Covid-19? A Berna ora c'è consapevolezza»
SI vocifera che l'attaccante degli Orsi potrebbe tornare ad Ambrì: «Futuro? Vedremo con il tempo»
CANTONE
1 gior
«Abbiamo evitato un vero disastro»
Tamponi, squadre blindate e isolamento ad Abu Dhabi: la testimonianza di Mauro Gianetti, dirigente della Uae Emirates.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile