Keystone
BB/BN BEST EVER
13.07.17 - 12:020
Aggiornamento : 19:07

Nessun segreto e scommesse vinte: «Fummo anche criticati, ma...»

Un titolo speciale e indimenticabile conquistato "di prepotenza" sul ghiaccio dei cugini: Jean-Jacques Aeschlimann racconta la stagione 98/99 del suo Lugano

LUGANO - Conquistato alla Valascia nel lunedì di Pasqua del 1999, il quinto titolo del Lugano, "strappato" ai cugini, fa ancora luccicare gli occhi a tutti i tifosi bianconeri. Jean-Jacques Aeschlimann, che in riva al Ceresio ha giocato ben 14 stagioni, è stato uno dei grandi protagonisti di quella storica cavalcata.

«Eravamo un gruppo affiatato, creato sapientemente da Koleff per arrivare fino in fondo - spiega Aeschlimann - C’erano giocatori “maturi”, d'esperienza, che sapevano come curarsi e prepararsi: c’erano anche diversi padri di famiglia e fin da subito ci fu una bella intesa».

In stagione il Lugano non incantò, chiudendo comunque al terzo posto, ma nei playoff risultò poi intrattabile. «Vero. Mediaticamente ci fu rimproverato che giocavamo un hockey poco attrattivo, molto speculativo. Personalmente scrissi una lettera ai media per spiegare la validità del nostro sistema, ideale per arrivare al top nel momento giusto e gestire il carico dei playoff con partite ogni due giorni. All’epoca venni un po’ deriso, ma poi l’analisi si rivelò giusta…». 

Tra i pali ci fu l’innesto di un giovane portiere francese, un certo Cristobal Huet… «Un’altra scommessa vinta da Koleff e dalla società. Fu determinante in molte fasi del campionato. Lugano è stato il trampolino di lancio della sua carriera, tuttora in corso… Anche la scelta di Gates Orlando fu azzeccata… parlano i fatti».

Le chiavi della difesa erano invece affidate al "Vichingo" Peter Andersson. «Aveva tantissimo tempo di ghiaccio, in squadra ci scherzavamo. Dicevamo che la ruota della fortuna, dei “numeri” di Koleff, si fermava sempre sul suo… Giocava tanto, ma produceva anche. Si sapeva gestire al meglio ed era costante».

Che ricordi hai di Jim Koleff? «Lo ritengo uno dei migliori allenatori che ho avuto, soprattutto per il modo in cui preparava la squadra e analizzava le partite. Per noi nessuna squadra aveva segreti. Insieme al suo staff svolgeva un lavoro di analisi incredibile e questo ci dava certezze, sicurezza. A questo proposito ho un aneddoto: nella famosa finale contro l’Ambrì, in gara-1 vinta ai penalty, Huet sapeva già esattamente cosa avrebbero fatto i vari Petrov e Di Pietro… Sono convinto che tutta questa preparazione sia stata il punto più importante di quell’annata».

Piegato il Davos in 6 partite - prendendosi anche la rivincita della stagione precedente -, lo Zugo (campione in carica) addirittura in 5, nella finalissima il Lugano cancellò i sogni biancoblù (4-1). «In principio, contro il Davos, ci sottovalutarono: alcune partite andarono all’overtime o ai rigore e, vista la nostra età media, credevano che con il passare delle partite ci saremmo spompati. Ed invece, di energie ne avevamo eccome. La finale poi fu qualcosa di incredibile, da oltre Gottardo ci hanno sempre invidiato la magia dei derby. Quella finale è stata la festa dell’hockey ticinese. Vincere, per il club e i tifosi, è stato pazzesco. Personalmente, trattandosi del mio primo titolo, è stato speciale e straordinario».

In finale si trattava di battagliare contro l’Ambrì dei record. Come arrivaste a quella serie? «Non c’era paura, poiché conoscevamo i mezzi a nostra disposizione, ma rispetto, soprattutto per il calibro offensivo dell’Ambrì. Avevamo già impostato la stagione basandoci sulla difesa e sulla compattezza a tutta pista, rispettando le consegne di Koleff. Sapevamo che per vincere contro l’Ambrì di Petrov, Di Pietro&Co avremmo dovuto incassare innanzitutto poche reti… e così è stato».

Qual è stato secondo te il Lugano più forte: quello del 2005/06 o quello del 1998/1999? Rispondi votando nel sondaggio

Commenti
 
Ivan Tti 2 anni fa su fb
Punto 1 non abbiamo cugini...tutta una cosa a parte L' hcl e'nato nel 41 a parte e non fu una divisione dirigenziale come tra Milan ed Inter. 2 d'ora che i p88 capiscano che arrivare primi in ES non vuol dire essere i migliori ed essere campioni,I play off sono una cosa a parte , lo so che capire il concetto risulta difficile a qualcuno visto le scarpe volte che hanno raggiunto i play off......3 STO ANCORA GODENDOOOOOOOOOOOO
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
33 min
Lugano, Fazzini rinnova fino al 2022!
Il 24enne attaccante ticinese resta fedele ai bianconeri: firmato un nuovo contratto biennale
MOTOMONDIALE
2 ore
«Caro Valentino, hai sbagliato...»
Jeremy Burgess, ex capo tecnico con il quale l'italiano ha vinto sette titoli in MotoGP, ha espresso il suo pensiero...
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
5 ore
Le c***ate di Evra e le palle di Xhaka: «Un non top player, per ora»
Il centrocampista svizzero trascina, con carattere, un Arsenal balbettante. Arno Rossini: «Ha questa stagione e la prossima per fare il "click". Può e deve segnare 10-15 gol»
CHAMPIONS LEAGUE
13 ore
Due-bala salva la Juve
Una doppietta in 2' di Paulo Dybala ha permesso ai bianconeri di battere 2-1 il Lokomotiv. Successi larghissimi per Tottenham, PSG e City
NATIONAL LEAGUE
14 ore
I Lions allungano, rimontona per il Rapperswil
Battendo 2-0 il Ginevra, lo Zurigo ha allungato in vetta alla classifica. Sangallesi avanti 5-3 sul Bienne dopo essere stati sotto 0-3
HCAP
14 ore
All'Ambrì non basta la generosità, alla Valascia vincono gli Orsi
I leventinesi – decimati dagli infortuni – si sono dovuti arrendere al cinismo del Berna. 5-2 il risultato finale con doppietta di Scherwey
CHAMPIONS LEAGUE
15 ore
Morata fa godere l'Atletico
Ai Colchoneros è bastato un colpo di testa dell'ex Juve: Leverkusen ko a Madrid. 2-2 esterno della Dinamo Zagabria del ticinese Gavranovic contro lo Shakhtar Donetsk
NHL
18 ore
Niente Svizzera e niente Lugano: Sbisa agli Anaheim Ducks
Il difensore elvetico si è accordato con la nuova franchigia fino al termine della stagione
HCL
21 ore
Ohtamaa verso la KHL, spalle coperte con Postma: «Avanti con 4 stranieri»
Col finnico in partenza (contratto in scadenza il 3 novembre), i bianconeri hanno annunciato l'arrivo in prova del canadese. Domenichelli: «Paul è un difensore molto valido, il mio compito...»
NATIONAL LEAGUE
23 ore
«Pestoni? A volte decisivo ma si prendeva delle pause»
Alex Chatelain dentro la crisi del Berna: «Un avvio del genere ci ha lasciato spaesati. Jalonen rinnovato per rinforzare la sua posizione? Può anche essere. Monitoriamo Gaëtan Haas»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile