SJ Sharks
2
EDM Oilers
5
fine
(1-3 : 0-1 : 1-1)
SJ Sharks
NHL
2 - 5
fine
1-3
0-1
1-1
EDM Oilers
1-3
0-1
1-1
 
 
4'
0-1 GRANLUND
 
 
8'
0-2 KASSIAN
1-2 LABANC
19'
 
 
 
 
20'
1-3 KHAIRA
 
 
38'
1-4 NEAL
 
 
47'
1-5 MCDAVID
2-5 GOODROW
50'
 
 
GRANLUND 0-1 4'
KASSIAN 0-2 8'
19' 1-2 LABANC
KHAIRA 1-3 20'
NEAL 1-4 38'
MCDAVID 1-5 47'
50' 2-5 GOODROW
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 20.11.2019 07:49
Keystone
BB/BN BEST EVER
28.06.17 - 13:000
Aggiornamento : 15:46

Parla il capitano: «Peltonen, Maneluk e Nummelin? Tre giocatori non fanno una squadra»

Régis Fuchs si è espresso a proposito del Lugano stellare del 2003/2004 che, favorito, si arrese al Berna 3-2 nella serie della finalissima dei playoff

LUGANO - La stagione 2003/2004 fu amara per il Lugano, nonostante l'head-coach Larry Huras potesse schierare tre fuoriclasse che alla fine totalizzarono complessivamente la bellezza di 259 punti: Maneluk (87), Peltonen (86) e Nummelin (86). 

La squadra dominò la regular season dove perse soltanto in nove occasioni, ma iniziò a barcollare in semifinale con lo Zurigo per poi perdere malamente all'ultimo atto contro il Berna. «Tre giocatori non fanno una squadra e non bastano per vincere un campionato», ha esordito capitan Régis Fuchs. «Quando si conquista un titolo non è mai merito dei singoli, bensì di tutto il gruppo. In quell'anno avevamo sicuramente degli elementi molto forti che hanno trascinato il Lugano fino in fondo, però evidentemente non tutti si sono presi le loro responsabilità per riuscire a vincere il campionato: alla fine si può dire che tutto il gruppo ha un po' fallito».

Magari, vista la netta superiorità mostrata sul ghiaccio, eravate troppo sicuri di vincere? «No, non abbiamo mai perso una finale perché eravamo troppo sicuri dei nostri mezzi. Nell'hockey, finché non si conquista il titolo, non si può mai essere convinti di aver già vinto, soprattutto in un campionato lungo ed equilibrato come la LNA. Sapevamo di essere molto vicini all'obiettivo, ma abbiamo incontrato una squadra molto forte che ha meritato di arrivare all'ultimo atto e di vincere. In ogni caso salire sul tetto svizzero è davvero qualcosa di speciale e mi ritengo fortunato ad aver vinto quattro titoli, anche se per me è impossibile dimenticare di aver anche perso altrettante finali».

...e in quella stagione Fuchs era il capitano di quella corazzata... «Non succede a tutti, sono quindi orgoglioso di avere ricevuto l'onore di diventare il capitano di una squadra come il Lugano, anche se ovviamente la delusione per non aver potuto alzare la coppa è stata molto grande. In ogni caso ho vissuto otto anni alla Resega e sono stati tutti emozionanti: il gruppo era fantastico, sempre molto unito ed è per questo che in quel periodo abbiamo avuto tanto successo. Era un piacere andare ogni giorno nello spogliatoio». 

Qual è stato secondo te il Lugano più forte: quello del 2003/04 o quello del 1986/87? Rispondi votando nel sondaggio

Commenti
 
YanNick 2 anni fa su tio
Ciao Teo
matteo2006 2 anni fa su tio
@YanNick ciao zio! ;-P
sergejville 2 anni fa su tio
Piccolo GRANDE Fuchs!
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
1 ora
Il Losanna ci crede: «Vogliamo vincere la Champions»
Capitan Froidevaux è carico in vista del prosieguo della stagione: «Siamo un gruppo molto unito e stiamo cercando di creare qualcosa di importante»
HCL
10 ore
Crisi-Lugano: a Davos arriva la sesta sconfitta consecutiva
Bianconeri ancora al tappeto nonostante il doppio vantaggio trovato nel giro di 17’’ da Bertaggia e Lammer. 3-2 il risultato in favore dei grigionesi. Il Ginevra ha schiantato il Rapperswil
MOTOGP
13 ore
Alex Marquez, debutto col botto: primi giri e caduta
È iniziata con una scivolata nei test di Valencia l'avventura del 23enne spagnolo con la Honda
SERIE A
16 ore
«Penso che De Ligt si sia pentito della Juve»
Patrick Kluivert, attuale responsabile del settore giovanile del Barcellona, è tornato sulla scelta del difensore: «La vita è questa, si prendono decisioni giuste e sbagliate»
MADRID
18 ore
Il ritorno di Luis Enrique: dopo il dramma si riprende il timone della Spagna
Il 49enne, dopo aver lasciato la panchina per stare vicino alla figlia, torna al suo posto e guiderà le Furie Rosse ad Euro 2020
NATIONAL LEAGUE
20 ore
«Zugo, Losanna, Zurigo, Berna, Lugano e Bienne più ricchi»
Spinto da stranieri ispiratissimi, il Davos sta volando. Raeto Raffainer: «Non siamo fenomeni. Se giochiamo all'80% non vinciamo»
NATIONAL LEAGUE
23 ore
«C'era un po' di timore, ora tanto entusiasmo. Wingels & Co? Come locomotive»
Il nuovo Ginevra targato Emond-Cadieux si trova nei piani alti. L'ex coach dei razzi: «Siamo all’inizio di un nuovo ciclo, il lavoro sta dando i suoi frutti. Lugano? Fa fatica, ma il potenziale c'è»
HCL
1 gior
Sul ghiaccio di Davos il Lugano è chiamato al riscatto
La truppa di Kapanen farà visita alla compagine grigionese dopo aver perso cinque partite consecutive
NAZIONALE
1 gior
La Svizzera vince senza sudare, l'Europeo è realtà
Imponendosi 6-1 a Gibilterra, la truppa di Vlado Petkovic ha staccato il pass - da prima del girone - per Euro 2020
MOTOGP
1 gior
Da fenomeno a peso: Yamaha ostaggio di Valentino Rossi
Il Dottore non deciderà fino all'estate se continuare oltre il 2020. E fino ad allora la casa giapponese non potrà scegliere liberamente i piloti del futuro
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile