Immobili
Veicoli
GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
Imago
+5
IL SORPASSO A… DUE RUOTE
02.12.21 - 15:000
Aggiornamento : 17:11

Guidotti dopo Sterlacchini, la KTM completa la rivoluzione

Sonno-Suzuki, mentre la KTM fa incetta di dirigenti

A Mattighofen non stanno fermi, ad Hamamatsu dormono sonni profondissimi.

di Redazione

MATTIGHOFEN - Dal nostro corrispondente, Leonardo Villanova.

Se la Suzuki dorme sonni profondi, profondissimi, in KTM non stanno fermi e, provando a imparare dagli errori commessi, fanno campagna acquisti in Italia.

Fabiano Sterlacchini è stato uno dei grandi ingegneri della Ducati degli ultimi anni, cresciuto fino a diventare braccio destro di Gigi Dall’Igna. Tra divergenze professionali e prospettive di crescita incerte, a fine 2019 l’ex coordinatore tecnico ha lasciato Borgo Panigale. Poco più di un anno a casa - nel quale è stato vicino a diventare il nuovo segretario della MSMA, l’associazione che racchiude le Case costruttrici (candidatura bocciata dalla Honda) - poi ecco la nuova chiamata, questa volta da parte della KTM. 

A Mattighofen, Sterlacchini è entrato defilato a inizio giugno, ma il suo destino era già chiaro: neo direttore tecnico. Davanti, l’ingegnere marchigiano aveva Mike Leitner, che nel ruolo di Team Director diceva la sua sia sul piano tecnico che su quello organizzativo, pur non essendo né un ingegnere, né avendo mai avuto chissà quale esperienza nella conduzione di un team. Chiusa la carriera, l’ex pilota si era infatti fatto strada come capotecnico, tra i tanti anche di Dani Pedrosa in Honda. Che Leitner non fosse ritenuto adatto al ruolo, in KTM lo si diceva sottovoce già da parecchio tempo, ma l’annata estremamente deludente (le vittorie di Miguel Oliveira e Brad Binder sono state solo un contentino, Danilo Petrucci non è mai stato preso in considerazione e a Iker Lecuona è stata distrutta la carriera in MotoGP) per una squadra che invece era partita per lottare per il Mondiale, ha portato Stefan Pierer, il vulcanico proprietario degli arancioni a cambiare rotta. E dopo aver promosso ufficialmente Sterlacchini, ecco il colpo a sorpresa di strappare Francesco Guidotti alla Pramac ma anche alla Ducati, dove più di uno lo immaginava in un futuro non troppo lontano. Per il manager toscano è un ritorno, visto che ai tempi della 125 era stato nella sua squadra che Marc Marquez aveva esordito nel Mondiale. Soprattutto, in questi 10 anni in Pramac, ha fatto vedere le ottime capacità organizzative e gestionali che hanno portato il team toscano a essere un riferimento del paddock. Il suo addio improvviso sarà un problema per la squadra di Paolo Campinoti, ma adesso bisognerà vedere se la sua visione riuscirà a rendere la KTM, dove in questi anni di scelte strane ne sono state fatte parecchie, un team capace di lottare per la vittoria ogni domenica. E intanto in Suzuki, tra un fuggi fuggi di ingegneri e Joan Mir e Alex Rins che cominciano a guardarsi intorno, si continua a sfogliare la margherita: avremo un team manager, non avremo un team manager… È passato solo un anno dal trionfo iridato di Valencia, sembrano dieci.

SPORT: Risultati e classifiche

Imago
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HCL/HCAP
13 sec
Frenata bianconera, l'Ambrì lotta ma non trova continuità
Il Lugano, rimasto a bocca asciutta, è ancora in cerca del primo acuto del 2022. Weekend da tre punti per i biancoblù.
SERIE A
9 ore
L'Inter si ferma a 8: la Dea rallenta la capolista
Si è conclusa 0-0 la sfida del Gewiss Stadium tra i bergamaschi e i campioni d'Italia.
HCL
13 ore
Fa festa il Bienne, il Lugano cade ancora
Malgrado un ottimo avvio, il Lugano è stato rimontato nell’ultima frazione dal Bienne, capace di imporsi 3-2.
HCAP
14 ore
Niente bis: Ambrì sconfitto a Losanna
I biancoblù, battuti 3-2, hanno sciupato l'occasione di migliorare la loro media-punti.
TENNIS
15 ore
La famiglia Djokovic: «Purtroppo non ha vinto lo sport»
La famiglia è estremamente dispiaciuta per quanto capitato al tennista.
TENNIS
19 ore
Durissima reazione del padre di Nole
La federazione serba di tennis: «La farsa è finita. Questa volta la politica ha sconfitto lo sport».
MELBOURNE
19 ore
Lamenti e pretese, storia del (pessimo) modello-Djokovic
In Australia Djokovic ha goduto di favori inarrivabili per qualsiasi comune mortale
SCI ALPINO
20 ore
Kristoffersen detta legge a Wengen (almeno per ora)
Miglior elvetico Ramon Zenhäusern, quarto a 62 centesimi dal norvegese: riuscirà a salire sul podio?
TENNIS
23 ore
Espulsione dall'Australia: parla Nole
Le parole del serbo a margine della sentenza definitiva.
MELBOURNE
1 gior
Game, set, match: Djokovic espulso dall’Australia
Vincono il Ministro e l’opinione pubblica: l’Australia espelle il no vax Djokovic
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile