Reuters, archivio
IL SORPASSO A... QUATTRO RUOTE
27.10.21 - 12:000
Aggiornamento : 18:04

Verstappen & Hamilton: la lotta sarà serrata sino alla fine

L'olandese guida la classifica generale (287,5 punti), 12 lunghezze di vantaggio rispetto al rivale britannico (275,5).

Il prossimo GP avrà luogo il 7 novembre in Messico.

AUSTIN - Max Verstappen non ha ancora depositato i suoi 12 punti di vantaggio in banca, ma ha cominciato ad aprire il conto.

A cinque gare dalla fine del mondiale il margine su Hamilton non lo mette al sicuro, ma gli dà una forza, anche mentale, mai avuta prima, neppure quando in estate dopo il GP d’Austria aveva toccato le 32 lunghezze di vantaggio. Andando a vincere ad Austin, in quello che era considerato un territorio nemico, governato da un Hamilton in versione sceriffo con la stella della Mercedes, Max ha fatto il pieno di autostima. Non che ne avesse bisogno come si era visto anche venerdì quando aveva fatto apparire un maleducato dito medio contro l’avversario, accompagnandolo con uno “stupid idiot” che non ha bisogno di traduzioni. Ma vincere come ha fatto in America dopo aver sbagliato la partenza ha un sapore particolare. Max è riuscito a non cadere in tentazione cercando subito giustizia alla prima curva, ha saputo gestire la sua Red Bull, le sue gomme, perfino la strategia del compagno di squadra Perez e poi nei giri finali non ha mai dato al rivale neppure la speranza di un attacco disperato, tenendolo sempre a distanza di sicurezza pur avendolo negli specchietti. Una gara vinta con la forza della maturità e la freddezza che non ti aspetti per chi deve ancora conquistare il primo titolo contro un rivale che ne ha già sette in bacheca.

Da qui alla fine del campionato ogni dettaglio diventerà importante, anche avere un compagno di squadra messicano visto che la prossima gara si correrà proprio in Messico dove Perez è già un re. In America Perez è stato fondamentale per costringere Hamilton ad anticipare il primo stop (avrebbe rischiato la seconda posizione provando a restare fuori più a lungo), mentre Bottas non è mai entrato in gioco se non per rompere le scatole al povero Sainz (penalizzato da un pit lento al box Ferrari) nel finale. Anche dal punto di vista strategico la Red Bull ha gestito la gara meglio della Mercedes che, pur avendo capito di avere una monoposto inferiore (Hamilton lo ha chiaramente detto via radio anche quando era in testa), non ha provato ad inventarsi nulla per cercare di capovolgere la situazione.

Ad Austin la F1 ha capito di aver fatto innamorare l’America come mai era successo prima: 400 mila spettatori in tre giorni sono un record. Un tempo in Usa non li vedevi in dieci anni. Merito del lavoro di Liberty Media o della serie di Netflix non si può dirlo. Ma visto che la serie è stata voluta dai proprietari del giocattolo possiamo dire che Liberty e Stefano Domenicali stanno lavorando bene. Certo con un duello come quello tra Max e Lewis tutto è più semplice. Oggi la F1 è tornata a correre senza esser certa di chi vincerà. Il sale di tutti gli sport dove i dominatori scrivono storie fantastiche, che alla lunga però diventano noiose.

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 1 mese fa su tio
Finalmente è lotta era tra due fortissimi piloti, spero comunque vinca Max.
DonPedro 1 mese fa su tio
Forza Max!
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHAMPIONS LEAGUE
1 ora
Milan sconfitto a San Siro e fuori dalla Champions
Rossoneri battuti 2-1 dalla squadra di Klopp e out sia dalla Champions che dall'Europa League.
HCAP
2 ore
L’Ambrì si dimentica un tempo e poi sfiora la rimonta
I biancoblù hanno subito cinque reti nel periodo centrale, venendo battuti 6-5.
SWISS LEAGUE
2 ore
Sconfitta pesantissima per i Rockets
Brutta sconfitta per i rivieraschi
HCL
7 ore
«Ci siamo trovati per l'ennesima volta con le spalle al muro»
Il CEO del Lugano Marco Werder ha commentato la decisione odierna di continuare in modalità 2G
HCAP
10 ore
«In pista con il 2G? Purtroppo la pandemia non è finita»
Il direttore generale dell'Ambrì Nicola Mona: «Oggi a nostro avviso questa è la via corretta da seguire»
NATIONAL LEAGUE
10 ore
Hockey svizzero soltanto per vaccinati e guariti
A partire da oggi non sarà più valido il tampone per entrare in pista. Anche la Coppa Spengler si adegua
HCAP
10 ore
Ad Ambrì arriva il Langnau: in palio punti pesantissimi
I leventinesi affrontano il Langnau, cercando punti preziosi in ottica pre-playoff
HCAP
12 ore
Alla Gottardo Arena soltanto con il 2G
Soltanto vaccinati e guariti potranno entrare nella pista leventinese.
CALCIO
15 ore
Losanna: vittima (nuovamente) di razzismo, Mory Diaw non ci sta
Dopo la partita di domenica, il portiere del Losanna Diaw ha ricevuto un messaggio su Instagram contenente una scimmia
CHAMPIONS LEAGUE
17 ore
Milan: tutto in una notte
I rossoneri dovranno battere il Liverpool, ma potrebbe anche non bastare...
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile