S.Gallo
2
Lucerna
0
2. tempo
(2-0)
Vaduz
1
Xamax
2
2. tempo
(0-2)
S.Gallo
2
Lucerna
0
2. tempo
(2-0)
Vaduz
1
Xamax
2
2. tempo
(0-2)
Imago, archivio
MOTOMONDIALE
12.06.21 - 16:000
Aggiornamento : 22:24

Biaggi non ci sta: «Bisogna dare sanzioni più dure»

Il 49enne italiano sentenzia: «Ci sono gruppi selvaggi, piloti che cambiano direzione sul rettilineo...»

ROMA - Il quattro volte campione del mondo del motomondiale, nonché due volte nella superbike - Max Biaggi - si è espresso in merito alla sicurezza dei piloti. Il 49enne - proprietario di un team di Moto3 - è apparso molto contrariato sul comportamento di alcuni di essi in pista.

«Ci sono gruppi selvaggi, piloti che cambiano direzione sul rettilineo», sono state le parole di Biaggi in occasione del 21esimo episodio di #atuttogas, online domenica 13 giugno, riportate da "Moto.it". «Le moto vanno più o meno tutte uguali e la scia diventa di conseguenza fondamentale per superare. È difficile trovare un antidoto, ritengo la “Race Direction” formata da persone competenti, ma ogni volta che pensano a un rimedio, succede qualcosa di nuovo, come si è visto recentemente al Montmelò. È necessario dare sanzioni più dure, quelle di adesso non hanno alcun effetto. Adesso cambia il modo di accedere in Q1, mi aspetto maggiore attenzione da parte di chi deve controllare i piloti».

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile