Lucerna
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Juventus
3
Sampdoria
2
fine
(2-1)
Sassuolo
0
Salernitana
0
1. tempo
(0-0)
Udinese
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
Empoli
1
Bologna
0
1. tempo
(1-0)
Davos
Ambrì
15:45
 
Lucerna
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Juventus
3
Sampdoria
2
fine
(2-1)
Sassuolo
0
Salernitana
0
1. tempo
(0-0)
Udinese
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
Empoli
1
Bologna
0
1. tempo
(1-0)
Davos
Ambrì
15:45
 
Jason il lottatore avrebbe gradito
keystone-sda.ch / STR (MARCEL BIERI)
+19
MOTOMONDIALE
31.05.21 - 08:000
Aggiornamento : 12:24

Jason il lottatore avrebbe gradito

Cuore gonfio di tristezza e occhi carichi di lacrime

Una "tragica fatalità" alla quale i campioni delle due ruote sono preparati.

SCARPERIA E SAN PIERO - La tragedia si è consumata dietro una curva del circuito del Mugello. È lì che Jason Dupasquier ha perso la vita.

Dopo un ottimo avvio di stagione, dopo cinque gare sempre “a punti”, in Italia Dupasquier cercava la definitiva consacrazione. Ha invece trovato la morte. Il 19enne friborghese sperava di potersi confermare come una delle sorprese della Moto3, come il futuro che avanza; per riuscirci, sul tortuoso circuito toscano è quindi andato al massimo, anche di più. Tanta voglia lo ha però tradito, facendolo finire sull’asfalto tra la curva 9 e la curva 10.

Tragica fatalità

Cadute del genere succedono a centinaia ogni weekend su tutte le piste del mondo. Si scivola, ci si rialza, ci si rammarica. L’ordine è (quasi) sempre lo stesso. In questo caso però il fato è stato drammaticamente duro con il pilota rossocrociato, che in una carambola è stato prima travolto dalla sua moto e in seguito colpito da quelle del giapponese Sasaki e dello spagnolo Alcoba.

La macchina dei soccorsi

La corsa dei soccorsi, i lunghi minuti sull’asfalto, il trasporto in elicottero all’ospedale Careggi di Firenze e le primissime, pessime, notizie fatte filtrare dai dottori: come già capitato in occasione di altri drammi, in un contesto del genere la competizione è passata in secondo piano e la curiosità si è trasformata in triste speranza. In speranza che quel giovane frizzante, fresco e ambizioso riuscisse a vincere la gara più importante della sua vita. Questo contemporaneamente alle facce scure dei medici che lo avevano preso in cura i quali, dopo una TAC completa, parlavano di traumi importanti a cranio addome e torace. 

La corsa al capezzale

A quel punto la situazione si è fatta più “intima”, come la sofferenza. Papà Philippe - leggenda del motocross nazionale e internazionale - e mamma Andrea si sono subito messi in viaggio per tentare di raggiungere il figlio, per provare, con la loro vicinanza, a dargli un piccolo conforto. All’ospedale di Firenze si è precipitato pure Tom Lüthi, contemporanemente l’idolo e il mentore del giovane friborghese. Tutto l’amore dei cari, distrutti anche se consci dei rischi che ogni settimana affrontava, non ha tuttavia favorito quel miracolo che sarebbe servito a Dupasquier Jr. per farcela. 

La fine delle speranze

“Le prime ore sono decisive”, si ripete spessissimo in casi come questo. E le prime ore sono state tremende per lo svizzero il quale, in condizioni ormai critiche, è stato operato d’urgenza nella notte tra sabato e domenica: intervento al torace per cercare di rendere stabile la situazione. Tutto inutile. Nella mattinata di ieri il fisico di Jason ha infatti del tutto ceduto, costringendo i dottori della struttura toscana ad arrendersi definitivamente.

L'inchino dei “colleghi”

Le due ruote nel dna e il titolo mondiale nella MotoGP come sogno. Le gare, la velocità, l’adrenalina erano tutto per Jason il quale, vestita la tuta, infilato il casco e salito in sella, diventava un lottatore. E ha lottato, il 19enne. Per “uscire” dal garage di papà, per guadagnare la stima di Tom Lüthi e per conquistarsi un posto nel circus. Ha lottato per imporsi e ha lottato - inutilmente purtroppo - anche quando i macchinari che aveva attorno non servivano per far andar più forte la sua moto bensì per far rispondere il suo corpo. Attorno al suo dramma i piloti hanno continuato correre. “Insensibilità”, ha detto qualcuno. “Voglia di onorare il ricordo di uno di noi”, hanno risposto i vari Rossi, Marquez e Miller, consci del fatto che lui, Jason, avrebbe fatto lo stesso, pur con il cuore gonfio di tristezza e gli occhi carichi di lacrime.

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (CLAUDIO GIOVANNINI)
Guarda tutte le 23 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Genchi 67 3 mesi fa su tio
Caro egi47 , probabilmente lei non capisce cosa significa andare in moto e per questo motivo non capisco il suo commento.Normale che siamo tristi per la morte di questo ragazzo ci mancherebbe e nessuno vorrebbe che capitassero queste cose ,ma purtroppo chi sceglie questo lavoro è consapevole dei rischi altrimenti sarebbe un folle.Tutto questo per dire che questo ragazzo adesso è felice dove si trova,l’unico problema sono i genitori che rimarranno con una sola cosa il dolore.Buon viaggio caro Jason
egi47 3 mesi fa su tio
Quanta tristezza. Lo sport dovrebbe dare gioia e felicità ma tante volte crea questa terribile realtà. Il motociclismo oggi é lo sport più pericoloso e non vorremmo mai vedere quello che oggi é successo a questo povero ragazzo di soli 19 anni. Nel calcio queste tragedie sono volute, al contrario nel motociclismo come in questo caso, di qualsiasi nazionalità eravamo tutti a sperare. R.I.P. Jason.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
@egi47 Non esageriamo, ogni anno in Svizzera muoiono quasi 200 persone praticando sport, soprattutto, trekking, alpinismo, volo libero e parapendio. Muore più gente attraversando la strada che piloti nelle gare ufficiali, mi sembra normale che ognuno abbia la libertà di vivere come meglio crede o gli piace.
volabas56 3 mesi fa su tio
RIP, buona strada ovunque tu sia
madras 3 mesi fa su tio
Buon viaggio Jason
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile