Immobili
Veicoli
Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
keystone-sda.ch (Julio Munoz)
+3
IL SORPASSO… A 2 RUOTE
06.05.21 - 08:000
Aggiornamento : 16:35

“Ducatite acuta” ereditata da zio Dodo

Il 24enne e Jack Miller rischiano di fare molto male. Agli avversari.

Con i piloti giusti, la Ducati è quasi imprendibile.

di Redazione

JEREZ DE LA FRONTERA - Dal nostro corrispondente Leonardo Villanova

Enzo Ferrari diceva: «Dite a un bambino di disegnare una macchina e la farà rossa». Vale anche per la Ducati, e vale, soprattutto, per Francesco Bagnaia, contagiato di “ducatite acuta” sin da bambino da zio Dodo, che aveva una bicilindrica di Borgo Panigale ed era tifosissimo di Troy Bayliss. Facile, se mentre cresci sognando di diventare pilota, immaginare la sella di una Ducati. Un sogno che per Pecco è diventato realtà due stagioni fa, quando nel 2019 si presentò sul palcoscenico della MotoGP da fresco iridato Moto2. I due anni in Pramac sono però stati vissuti dal 24enne torinese soprattutto come un apprendistato da far passare il più veloce possibile, perché da subito il suo è stato un traguardo dichiarato: la Ducati ufficiale. E adesso che c’è riuscito, ha subito dato ragione a Gigi Dall’Igna e Paolo Ciabatti, direttore generale e diesse della rossa, che per il dopo Andrea Dovizioso hanno puntato su di lui e su Jack Miller. «Pecco ha fatto un grande salto di qualità, la promozione nel team ufficiale lo ha caricato di responsabilità e consapevolezza. Nel momento di fare sul serio, si è fatto trovare pronto», lo applaude Ciabatti.

Tre podi in quattro gare, con due secondi posti consecutivi, nella domenica magica della Ducati lo hanno proiettato in vetta al Mondiale. E se è vero che il primo rivale è il compagno, i 2 punti di vantaggio su Fabio Quartararo hanno mitigato l’amarezza per aver visto Miller dare la prima vittoria alla rossa. «Ho provato a prenderlo, ma a due giri dalla fine la gomma anteriore era completamente finita. Questa volta doveva andare così». Questa volta, ma per come sta correndo, l’appuntamento con la vittoria è solo rimandato. «Pecco sta facendo tutto con intelligenza, è pronto a vincere» lo promuove Capirossi, l’ultimo ducatista a vincere a Jerez, nel lontano 2006.

Adesso arriva Le Mans e lì la Ducati può puntare al bis. Con Pecco, o magari ancora con Jack, al quale è bastata una domenica per zittire chi, dopo tre gare sottotono, lo aveva già messo nel mirino. «Sul talento di Jack non abbiamo mai avuto dubbi, è tra quelli che ne hanno più di tutti in MotoGP – chiarisce Ciabatti -. Dopo i test spettacolari in Qatar non ha raccolto quello che si aspettava, tra il problema all’avambraccio e la caduta di Portimão. Quando non riesci a portare a casa i risultati, la situazione può complicarsi. Ma con questa prestazione si è tolto ogni dubbio».

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (JULIO MUNOZ)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HCL
40 min
Il Lugano passa alla Ilfis: sette schiaffi al Langnau
I bianconeri hanno archiviato la pratica segnando sei reti nei primi due tempi (7-4 il risultato finale).
NATIONAL LEAGUE
48 min
Lo Zugo stritola e umilia l'Ajoie, sconfitto 11-0
Sconfitta pesantissima per i giurassiani. Il Davos piega 4-3 il Berna e fa un favore anche all'Ambrì.
SERIE A
3 ore
Vlahovic ha firmato fino al 2026: «La Juve è orgoglio e tradizione»
Alla Viola vanno 70 milioni (+10 di bonus). 15 di commissioni agli agenti. Il bomber prende la maglia numero 7
SWISS LEAGUE
12 ore
«Klasen mi ha chiamato tante volte, l'obiettivo è salire in NL»
Lorenz Kienzle, operatosi in aprile, è ripartito dal Visp: «Ho ricevuto l'ok dai medici, sono pronto all'esordio».
SUPER LEAGUE
16 ore
Lugano, niente paura: è caccia subito al colpaccio
Domani sera riprende il campionato di Super League: i bianconeri affronteranno uno Young Boys indebolito
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Punti pesanti per il Berna, che allunga sull'Ambrì
Gli Orsi hanno sconfitto 4-1 lo Zugo. Ok la capolista Friborgo (4-1 sull'Ajoie). Zurigo padrone all'Hallenstadion.
DERBY
1 gior
Il Lugano si prende anche l'ultimo derby
I bianconeri si sono imposti 4-1 grazie alle doppiette di Josephs e Arcobello.
BERNA
1 gior
Svettano Sommer e Cabral: battuti Shaqiri e Marchesano
Consegnati i premi per il giocatore più rappresentativo della Nazionale e per colui che più si è distinto in campionato.
FORMULA 1
1 gior
Il distacco della Red Bull: «Hamilton? Non sono affari nostri...»
Il team principal della Red Bull ha detto la sua in merito alla permanenza o meno di Hamilton nel mondo della F1.
CALCIO
1 gior
«Il Covid ha colpito duramente Messi»
Il Ct della nazionale Albiceleste Lionel Scaloni si è espresso sulla mancata convocazione della Pulce.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile