Keystone (foto d'archivio)
+2
FORMULA 1
14.12.19 - 14:230
Aggiornamento : 15.12.19 - 09:24

Barrichello inchioda Schumi: «La Ferrari era di Michael, io mai supportato»

Il brasiliano non ha conservato ricordi fantastici dei suoi anni con la Rossa: «È capitato che, finito un meeting tutti insieme, la squadra ne iniziasse poi uno “personale” con il tedesco»

SAN PAOLO (Brasile) – Per anni è stato il fido scudiero di Michael Schumacher, l'uomo che lo ha accompagnato in mille avventure e vittorie in rosso. Ha raccolto applausi, si è tenuto lontano dalle polemiche (pochissime volte ha alzato la voce), ha infilato più di un successo. È insomma stato il secondo perfetto nel quinquennio più vincente della storia della Ferrari.

Chi? Rubens Barrichello, ovviamente. Ad anni di distanza dalla sua avventura con la Rossa, il brasiliano ha però raccontato di ambizioni cancellate e trattamenti poco simpatici. Tutto in nome della grandezza di Michael.

«Il mio rapporto è sempre stato buono con tutti i compagni di squadra avuti, compreso Schumacher – ha raccontato il 47enne a Beyond the grid – Michael però non mi ha mai supportato. E d'altronde io mai gliel'ho chiesto. È capitato tante volte che, finito un meeting tutti insieme, la squadra ne iniziasse poi uno “personale” con il tedesco. La Ferrari era sua, solo sua».

SPORT: Risultati e classifiche

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alan Spongee Galbü 7 mesi fa su fb
Beh i due gran premi d'austria sono solo la punta dell iceberg
Rolf Banz 7 mesi fa su fb
Baricchello , fai solo pietà
Kurt Cattani 7 mesi fa su fb
Ovvio. È sempre stato così anche con Irvine. A pensarci bene non era bello...Bottas ad esempio nella Mercedes ha dimostrato a volte di essere migliore del compagno nonché migliore del primo pilota Hamilton. E non è mai successo che Bottas doveva per forza rallentare per favorire Hamilton o altre storie simili....
Marco Ermeti 7 mesi fa su fb
Nel '99, Michael Schumacher si fece male e dovette saltare diverse gare, piuttosto che fare vincere il mondiale a Eddy Irvine, e poteva vincerli, preferirono arrivare secondi in classifica piloti... pazzesco, chissà che interessi e inciuci ci sono sotto a certi livelli... soldi... soldi... solo soldi che adesso non può nemmeno godersi appieno, strana la vita...
Vito Jovi 7 mesi fa su fb
il pit stop al Nurburgring fu scandaloso
Marco Ermeti 7 mesi fa su fb
Vito Jovi già...
Alessandro Vanossi 7 mesi fa su fb
Cioè dimmi che guadagno possa avere una squadra di F1 a perdere un mondiale?
BlueShark 7 mesi fa su tio
Sempre grande Schumy....
Giovanni Battista Rando 7 mesi fa su fb
Ma va?!
SC71 7 mesi fa su tio
Caro Rubinho, ringrazia il cielo che hai avuto l onore di guidare la rossa e di conseguenza sei diventato quello che sei, altrimenti saresti stato una comparsa come tanti.
Alessandro Sbabo 7 mesi fa su fb
Bisogna parlare quando la controparte può difendersi,per il resto è un poveraccio
Filippo Kami Sama 7 mesi fa su fb
Ovvio, se hai uno che ti fa vincere i mondiali è naturale che si punti su di lui, come honda fa con marquez in moto gp
Stefano Casalinuovo 7 mesi fa su fb
Se Rubens fosse stato più veloce di Michael...
Alessandro Vanossi 7 mesi fa su fb
Stefano Casalinuovo infatti
Zarco 7 mesi fa su tio
Queste uscite tardive le odio
Arminda Armi 7 mesi fa su fb
La verità la conoscono solo in Ferrari . Tutto il resto sono solo ipotesi e speculazioni non supportate da prove . Ma si sà , le polemiche ci son smpre state e sempre ci saranno. E questo vale in ogni sport motoristico . Vedi l esempio in Honda .
Sta Te Briga Ivan 7 mesi fa su fb
Giusto così senza offesa ovviamente. schumi era un altra storia
Andrea Marzini 7 mesi fa su fb
Ahahah
Yuri Lexus 7 mesi fa su fb
Un classico
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
3 ore
«Ora c'è un po' di delusione, ma ci davano già per spacciati»
Simone Rapp affila gli artigli per lo spareggio: «Inutile piangersi addosso: dobbiamo dimostrare di essere più forti».
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
7 ore
Eurocrucci e sorprese: i graffi di Conte e il Basilea
Tra grandi favorite e possibili outsider, l’Europa League torna a incantare.
TENNIS
17 ore
Nadal rinuncia agli US Open: «Casi di Covid ovunque, meglio non viaggiare»
La defezione del mancino di Manacor va ad aggiungersi a quella di altri campioni come Roger Federer e Stan Wawrinka
PREMIER LEAGUE
20 ore
Minacce zittite e accuse respinte: che rivincita per l’odiatissimo Granit
Per settimane parso sul piede di partenza, il centrocampista è tornato a essere un punto fermo dei Gunners.
FORMULA 1
1 gior
Calvario Vettel e dubbi su Leclerc: Marko getta benzina sul fuoco
Parole sibilline del dirigente della Red Bull, che punzecchia la Rossa: «Leclerc ha trovato velocità, Seb no...»
ATLETICA
1 gior
Atleti e gare: il Galà dei Castelli è ricco
Nonostante le limitazioni, la kermesse ticinese è pronta a entusiasmare
HCL
1 gior
«Cerchiamo un difensore straniero che abbia una certa spinta offensiva»
Serge Pelletier è carico: «I quattro giovani della rosa? Ci aspettiamo che portino tanto entusiasmo in pista»
SUPER LEAGUE
1 gior
Tramezzani, missione compiuta: il Sion si salva all'ultimo respiro
La formazione vallesana ha espugnato il campo del Servette 2-1. Nello stesso tempo Zurigo-Thun è finita 3-3
HCAP
1 gior
Nättinen, D'Ago & Co: Ambrì in pista con entusiasmo
I biancoblù sono tornati sul ghiaccio agli ordini di coach Cereda
MOTOMONDIALE
1 gior
«Vale Rossi può vincere il Mondiale»
Il boss della Yamaha Lin Jarvis crede che l'italiano abbia ancora le sue possibilità, ma attenzione ai giovani
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile