+ 14
AUTOCROSS
13.08.19 - 10:000
Aggiornamento : 15:05

L'unico ticinese in gara sale (ancora) sul tetto svizzero e ora vuole... l'Europa!

Roby Ginevri si è laureato per la seconda volta - dopo il 2017 - campione nazionale di autocross e adesso vuole vincere anche il campionato Tre Nazioni: «L'obiettivo? Non mollare...»

GRANCIA - Roby Ginevri si è laureato ancora una volta campione svizzero di Autocross. Dopo essersi imposto nel 2017, il 41enne di Grancia - che è l'unico pilota ticinese a praticare questo sport - ha infatti avuto il merito di ripetersi anche nel 2019 nella categoria "kart cross/buggy".

La particolarità di questo successo sta nel fatto che Ginevri - dopo essere salito due anni fa sul tetto nazionale - aveva deciso di vendere la sua vettura e di non gareggiare più nel 2018. «Da troppi anni ero l'unico rappresentante del Canton Ticino ed ero un po' demoralizzato, per questo motivo avevo deciso di abbandonare le gare», è intervenuto proprio il 41enne di Grancia. «Avevo vinto, ma mi era comunque passata un po' la voglia di "faticare" da solo, per cui ho deciso di vendere la mia monoposto».

Come mai hai cambiato idea? «Quando alla fine del 2017 sono stato premiato dall'associazione svizzera di autocross il presidente, che aveva intuito le mie intenzioni di voler lasciare, mi ha fatto una proposta interessante. Essendo l'unico ticinese a correre in Svizzera ed essendo oltretutto meccanico di professione, mi ha offerto un incarico come verificatore tecnico dell'associazione. Il compito era quello di controllare prima di ogni gara la conformità di ogni auto, le regole di sicurezza e le eventuali modifiche. Per me è stato un onore e ovviamente ho accettato. Questo mi ha inoltre fatto capire che il mio desiderio era continuare a correre».

Quindi nel 2018 ti sei preso un anno sabbatico? «Praticamente si, avevo venduto la mia vettura e quindi non potevo più gareggiare nella stessa categoria. Ho deciso di correre più che altro per divertimento nella "Classe 1" con la macchina di mio fratello, ma non era la stessa cosa. Le automobili avevano molti meno cavalli e molto più peso, mentre io ero abituato a correre con un'auto con prestazioni più alte. Così, a metà stagione ho deciso che nel 2019 sarei tornato a gareggiare con un "kart cross": ho comandato una vettura, l'ho preparata a puntino per essere pronta in tempo per l'inizio del campionato e ho vinto. Inoltre devo proprio dirlo: il gruppo stava iniziando a mancarmi».

Ricordiamo che sono più di 150 i piloti che praticano questa disciplina a livello nazionale e sono suddivisi in 12 categorie. Il campionato si svolge su tre weekend di corse e si disputano in totale nove gare (tre per circuito): Bure, Hoch-Ybrig e Maggiora, in Italia. «Quest'anno la stagione è iniziata male e nei primi tre appuntamenti a Maggiora non ho ottenuto dei grandi risultati, dopodiché ho vinto cinque gare delle sei restanti a Bure e Hoch-Ybrig. Non me l'aspettavo perché prima dell'ultima gara ero in quinta posizione generale. Obiettivi? Non mollare, anche perché sono in corsa per vincere la Coppa Tre Nazioni. Questo campionato "semi" europeo - composto da otto gare - raggruppa piloti provenienti principalmente da Svizzera, Francia e Germania, ma anche da Spagna, Austria e Belgio. Conosco bene tutti i circuiti e posso farcela, anche perché attualmente dopo tre gare sono primo in classifica con 18 punti di vantaggio sul secondo. Ricordo che se qualcuno ha voglia di buttarsi in questo mondo sono disponibile».

In allegato un video di Ginevri in piena gara in cui si può ammirare la sua supremazia.

Il sito ufficiale del campionato svizzero di Autocross: www.autocrossverband.ch

 

Guarda tutte le 18 immagini
Commenti
 
Swiss Motorsport and Transportation Federation 4 mesi fa su fb
Complimenti al nostro sostenitore Roby Ginevri! Sarebbe bello se le Persone si informassero di più su questa Categoria del Motorsport!
gmogi 4 mesi fa su tio
Forza Roby!!
La Titti 4 mesi fa su fb
Bravo Roby 👏🏻👍🏻
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
45 min
Manzato lascerà l'Ambrì: accordo col Ginevra
Il portiere 35enne ha firmato un contratto annuale (più opzione) con le Aquile
HCAP
1 ora
L'Ambrì perde un altro pezzo: Rohrbach out 3 mesi
L'attaccante è alle prese con una lussazione della rotula del ginocchio destro con danno cartilagineo
HCL
2 ore
Futuro a Lugano per Marti?
Il difensore 25enne, in scadenza di contratto col Friborgo, si sarebbe accordato con i bianconeri
EUROPA LEAGUE
5 ore
A Kiev ultimo giro di giostra europeo per il Lugano
Questa sera alle 18.55 il Lugano giocherà sul campo della Dinamo Kiev la sua sesta partita in EL
CHAMPIONS LEAGUE
14 ore
Atletico promosso, Juve vittoriosa in Germania
I ragazzi di Diego Simeone hanno battuto 2-0 la Lokomotiv Mosca, staccando il pass per gli ottavi. Con il medesimo risultato gli italiani hanno sbancato Leverkusen, costringendo i tedeschi all'EL
CHAMPIONS LEAGUE
16 ore
Atalanta, è un grandissimo exploit: ecco gli ottavi
Freuler e compagni si sono imposti per 3-0 in Ucraina contro lo Shakhtar Donetsk, centrando la qualificazione alla fase successiva della Champions
MOTOMONDIALE
17 ore
«Valentino Rossi? Non parlo. Marquez vincerà più di dieci Mondiali»
Max Biaggi ha pronosticato un futuro luminosissimo allo spagnolo. E anche al rampante Quartararo
NATIONAL LEAGUE
20 ore
«Schlegel via? Abbiamo colto l'opportunità»
Perché il Berna ha lasciato partire un portiere giovane e con ancora un anno e mezzo di contratto? Alex Chatelain: «Scelta condivisa e vantaggiosa per tutti»
SERIE A
23 ore
Lacrime per Ancelotti, 750'000 euro (per nemmeno sette mesi) per Gattuso
Il ribaltone di Napoli ha visto Carletto lasciare tra i pianti dei giocatori e Rino arrivare atteso da un lauto compenso
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
1 gior
Behrami l'italiano tra scuse e poca fame: «Non si sputa nel piatto dove si è mangiato»
Via da Nazionale e Sion (dove ha rinunciato a 1,5 milioni), Valon ha vissuto mesi turbolenti. Arno Rossini: «Lui un po' ruffiano. Da ex capitano della Svizzera non puoi tifare Italia»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile