AUTOMOBILISMO
20.11.18 - 15:400
Aggiornamento : 16:01

Pole e prestazioni al vertice non sono bastate per arginare lo strapotere BMW

Il bilancio stagionale di Raffaele Marciello è positivo: il pilota di Caslano si è laureato campione del Blancpain Sprint Series e del Blancpain GT Series

MACAO (Cina) - Dopo una stagione di ben venticinque gare, Raffaele Marciello è giunto all’ultimo appuntamento stagionale: la FIA GT World Cup sul circuito di Macao. In occasione della gara sullo storico e velocissimo tracciato cittadino, Mercedes AMG ha schierato ben tre vetture, guidate dai piloti ufficiali di Stoccarda Marciello, Mortara ed Engel.

Il week-end di gara non è però iniziato nel migliore dei modi per Raffaele: nella prima sessione di prove libere, dalla durata di solamente trenta minuti, è riuscito a completare solamente due giri, a causa di un errore nella regolazione del rapporto di sterzo che impediva al ticinese di compiere adeguatamente lo stretto tornante caratteristico di Macao; ad ogni giro infatti Marciello era costretto a fermarsi, compiere una retromarcia e ripartire, non avendo sufficiente angolo di sterzo sulla propria Mercedes AMG GT3. Nella seconda sessione di prove libere, anch’essa dalla durata di soli trenta minuti, risolto il problema allo sterzo, la sorte è rimasta avversa a Raffaele che dopo due giri è stato costretto nuovamente a fermarsi, a causa di numerose vibrazioni presenti sulla sua vettura per un foro nello splitter anteriore, fondamentale per l’aerodinamica della macchina. Senza praticamente aver mai guidato nel corso delle prove libere, Marciello si è comunque presentato con il coltello tra i denti nelle prove di qualificazione e giro dopo giro è costantemente migliorato, sino a strappare una fantastica pole position all’ultimo istante, piazzandosi con un giro perfetto davanti alla BMW M6 GT3 del Brasiliano Farfus.

Da sottolineare la prestazione di Raffaele che è riuscito a strappare la pole position, non solo senza aver preso parte alle prove libere, ma anche contrastando lo strapotere BMW, vettura estremamente rapida sui lunghi rettilinei del tracciato, che consentivano alla vettura della casa Bavarese di acquisire un notevole vantaggio sulla Mercedes di Marciello.

Sabato ha preso il via la gara di qualificazione che ha visto Raffaele scattare dalla pole-position; nelle fasi di partenza, la grande velocità della BMW si è messa nuovamente in luce, riuscendo a sopravanzare la Mercedes di Marciello sul rettilineo di partenza. Il ticinese ha così mantenuto la seconda piazza sino al termine della gara, potendo così partire dalla prima fila in occasione della gara principale, quella della Domenica.

Il giorno successivo, Raffaele è scattato dalla seconda posizione, mantenendo la piazza per alcuni giri, alle spalle della velocissima BMW che, ad ogni rettilineo, staccava notevolmente la Mercedes di Marciello. Dopo alcuni giri, essendo riuscito quasi ad annullare il distacco con la M6 GT3, Raffaele ha tentato un sorpasso in fondo al rettilineo principale: purtroppo, la staccata al limite non è andata a buon fine, terminando leggermente lungo e dovendo fare manovra per non finire nelle barriere; rientrato in corsa Marciello si è trovato in decima posizione, chiudendo la gara poi in nona posizione assoluta dopo un bel sorpasso sulla Nissan. Di certo Raffaele avrebbe potuto terminare la gara in seconda posizione ma, in una finale mondiale come quella di Macao, l’unico risultato che contava era la vittoria dunque onore a lui per averci provato sino alla fine, nonostante lo strapotere in termini di velocità di punta della BMW.

Termina così una stagione ricca di soddisfazioni per Marciello che ricordiamo si è proclamato campione del Blancpain Sprint Series e del Blancpain GT Series. Tra qualche mese, dopo un meritato riposo, i motori si riaccenderanno per la 12H di Bathrust in Australia per l’Intercontinental GT Challenge.

Commenti
 
TOP NEWS Sport
LIGA
1 ora

Zidane duro su Bale: «Prima se ne va dal Real, meglio è per tutti»

Il tecnico dei Blancos: «Lo stiamo vendendo. Nulla di personale... ma per tutti arriva il momento di cambiare»

CICLISMO
3 ore

Anche i ciclisti peccano di... gola

Il belga Thomas De Gendt ha evidentemente fame quando scende dalla bicicletta

VIDEO
CARAIBI
6 ore

Quando Messi dà spettacolo anche in spiaggia...

Il campione argentino si è divertito con alcuni bambini a bordo mare

SUPER LEAGUE
17 ore

Lo Xamax impatta a Thun

I neocastellani hanno pareggiato 2-2 e nello stesso tempo San Gallo-Lucerna è finita 0-2

VIDEO
SEATTLE
19 ore

Sfidano il Borussia Dortmund con un bambino di otto anni in porta

È successo in occasione della sfida amichevole contro i tedeschi dove i Seattle Sounders hanno messo fra i pali Bheem Goyal, malato di leucemia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile