ANA Ducks
2
BUF Sabres
4
fine
(1-0 : 1-2 : 0-2)
ANA Ducks
NHL
2 - 4
fine
1-0
1-2
0-2
BUF Sabres
1-0
1-2
0-2
1-0 MONTOUR
17'
 
 
2-0 SHERWOOD
34'
 
 
 
 
37'
2-1 OKPOSO
 
 
38'
2-2 SKINNER
 
 
44'
2-3 RISTOLAINEN
 
 
60'
2-4 BERGLUND
17' 1-0 MONTOUR
34' 2-0 SHERWOOD
OKPOSO 2-1 37'
SKINNER 2-2 38'
RISTOLAINEN 2-3 44'
BERGLUND 2-4 60'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 22.10.2018 04:41
Keystone
MOTO GP
01.07.18 - 14:590
Aggiornamento 17:15

Tripletta spagnola in Olanda: vince il solito Marquez

Il campione spagnolo ha allungato in vetta alla classifica: sono 41 ora i punti di vantaggio su Rossi, il suo primo inseguitore

ASSEN (Paesi Bassi) - Una lotta serrata fino alla fine, ogni giro corso come se fosse l'ultimo, 5-6 sorpassi a ogni tornata, i leader che si sono alternati in vetta, prima Lorenzo, poi Marquez, poi Dovizioso, poi Vinales, poi si cambia ancora fino all'ultima chicane. Sono stati sette i piloti in gara quasi fino alla bandiera a scacchi, attaccati e pronti a superarsi: da tempo non si vedeva un Gran Premio così spettacolare ed emozionante come quello vissuto ad Assen – che pure non è storicamente una pista che agevola i sorpassi – ed alla fine a gioire è stato Marquez, che a due giri dalla fine si è staccato e nessuno è più riuscito a prenderlo.

Un successo doppiamente pesante (il secondo in assoluto su questa pista, la quarta stagionale dopo quella in Francia), perchè non solo è una bella ipoteca sul titolo (+61 su Dovizioso in classifica, +41 su Valentino Rossi) ma perchè ottenuto quando avrebbe potuto vincere chiunque oggi. Seconda piazza per un sorprendente Rins, terzo Vinales. Si sono illusi a lungo di salire sul podio ma alla fine hanno pagato entrambi il duello diretto Dovizioso, quarto alla fine, e Valentino Rossi (che qui aveva vinto l'anno scorso, ultimo successo Yamaha in assoluto) quinto.

Sesta piazza per Crutchlow davanti a Lorenzo, che frena dopo gli ultimi due successi, Zarco, Bautista e Iannone (retrocesso 11esimo dietro Miller per 2 secondi di penalità). Fuori dal radar anche stavolta Pedrosa, solo 15esimo. Difficile raccontare una corsa così accesa, incerta, che non ha mai dato certezze a nessuno ed ha entusiasmato i 110mila spettatori presenti ad Assen. E il buongiorno s'è visto dal mattino, ovvero dal semaforo verde quando subito si è capito che la giornata sarebbe stata da ricordare.

Partito decimo, Lorenzo infatti in avvio è già secondo e poi primo dopo aver superato tutti, Marquez compreso, già al terzo settore del primo giro. E' l'antipasto di una serie di emozioni infinite, con tanti rischi (al quarto giro Valentino Rossi ha anche tamponato Lorenzo, un miracolo se sono rimasti in piedi, così come Marquez è rimasto in sella con una prodezza delle sue al 15esimo giro quando la caduta sembrava inevitabile) e tanti colpi di scena fino al trionfo finale dello spagnolo della Honda.

Commenti
 
gp46 3 mesi fa su tio
Gara superlativa, ed il detto "chi non risica non rosica" stavolta calza a pennello a Valentino, ha provato ed é andata male....comunque l'ultima gara cosi' appassionante che ho seguito era nelle Superbike...
Tio1949 3 mesi fa su tio
Beta,aquila bianca. Amici di merende.
beta 3 mesi fa su tio
@Tio1949 OROCCO ! Ma l'hai vista la gara o scrivi solo perché disgraziatamente ti hanno fatte anche le dita ? Una delle più belle gare e il ROSSI sempre lì .
Tio1949 3 mesi fa su tio
@beta Buzzurro,partito 3 arrivato 5. Dai che ieri un record l ha fatto,365 giorni che non vince una gara.
Tio1949 3 mesi fa su tio
@Tio1949 Dai,non prendertela che anche quest'anno lo vince l anno prossimo.
Tio1949 3 mesi fa su tio
Commenti?
Potrebbe interessarti anche
Tags
TOP NEWS Sport
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report