AUTOMOBILISMO
15.10.17 - 10:480
Aggiornamento : 16:50

Prima epica vittoria di Alex Fontana nel CTCC a Ningbo

Il ticinese ha sbaragliato la concorrenza con la KIA K3 nel diluvio. Sul podio anche il Campione del Mondo Huff e Daniel Lloyd

NINGNBO (Cina) - Adrenalinica trasferta quella cinese di Alex Fontana, che in occasione del suo terzo impegno nel China Touring Car Championship coglie la prima affermazione nella serie di riferimento per vetture turismo in oriente. Per il secondo anno confermato come pilota ufficiale KIA Motors, Alex aveva sviluppato la scorsa stagione in fase embrionale la K3, vettura con la quale ha oggi coronato un successo clamoroso, arrivato in condizioni a dir poco proibitive. Con la pioggia che senza tregua da due giorni colpisce il nuovissimo e magnifico impianto che sorge nella periferia industriale di Ningbo, Alex è scattato dalla pole position grazie all’inversione della griglia prevista da regolamento sull’ordine di arrivo di gara-1. Fontana ha mantenuto il comando al via, dato in regime di safety-car, andando ad aumentare progressivamente il proprio vantaggio sino a 4 secondi. Alex sul podio ha preceduto Rob Huff, protagonista anche nel WTCC (campione nel 2012) che corre al fianco della serie cinese in questa occasione e vincitore di gara-1, oltre a Daniel Lloyd.

«Non penso di riuscire ad esprimere quanto io sia felice in questo momento - ha spiegato Alex Fontana - Ho avuto il privilegio di essere
chiamato da KIA Motors per sviluppare la K3, vettura che quest’anno ha debuttato ufficialmente in campionato, concretizzando il risultato. Non sono mancati i problemi e le sfortune, ma in questo fine settimana sentivo che le cose sarebbero andate bene. Nelle prove libere del venerdì eravamo veloci, ma si sono disputate sull’asciutto, mentre ieri è arrivata la pioggia a scombinare le carte. Nonostante avessi degli ottimi settori, in qualifica non ho messo insieme il tutto cogliendo comunque una buona terza fila. Tuttavia un problema alla frizione ha vanificato la possibilità di rincorrere il podio. A quel punto abbiamo deciso di giocare di strategia e ottenere la pole per oggi grazie all’inversione della griglia. Non è stato facile, perché in pista è arrivato il diluvio, ed essendo il primo non avevo riferimenti dagli altri. Quando dal box mi hanno detto che gli avversari si stavano avvicinando ho aumentato il ritmo e abbiamo visto che restavamo competitivi. Sono molto felice, non solo per me, ma per tutto il team KIA che ha lavorato duramente per questa stagione. Voglio anche ringraziare il numerosissimo pubblico e tutti quelli che dall’Europa non hanno mancato di seguirmi anche con il fuso orario sfavorevole. Adesso festeggiamo per poi buttarci a capofitto verso l’ultimo round, in novembre».

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
9 min

L'ultimo arrivato è carico: «Lugano? Ho trovato una mentalità vincente»

Filip Holender si è espresso in merito al suo esordio con i bianconeri: «Il mio motto è dare il massimo per il club»

TENNIS
3 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
6 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
9 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

SONDAGGIO
UN DISCO PER L'ESTATE
12 ore

Quando Wes Walz fece il fenomeno e schiantò (quasi da solo) l’Ambrì

Il centro canadese fu il grande protagonista dell’unico titolo conquistato dallo Zugo nella stagione 1997/98 con dei playoff semplicemente mostruosi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report