Keystone
RUSSIA 2018
11.07.18 - 20:250
Aggiornamento : 23:48

Il Mondiale diventa spettacolo: il rito della partita inaugurale

Il fischio d'inizio della sfida fra Inghilterra-Uruguay - disputatasi l'11 luglio del 1966 - fu preceduto per la prima volta coreografie, coriandoli e musica

LONDRA (GB) - Davanti agli oltre 87 mila spettatori di Wembley va in scena il primo rito inaugurale di una Coppa del Mondo così come lo conosciamo oggi. Il fischio d'inizio di Inghilterra-Uruguay è infatti preceduto da danze, coreografie, coriandoli e musica, una festa diventata sempre più spettacolare e “televisiva” con il passare delle edizioni e con l'aumentare della rilevanza mediatica della competizione.

Alle ore 17, fuso inglese, è la Regina Elisabetta in persona ad aprire il cerimoniale che dà inizio al torneo, mentre l'ingresso in campo delle due squadre è accompagnato dalla banda delle Horse Guards che intona “When the Saints go marching in”. Su cartelloni, manifesti e a bordo campo è inoltre presente il leone Willie, la prima mascotte nella storia dei Mondiali.

L'attenzione sull'evento è massima (anche se il match finirà con uno scialbo 0-0), non solo per la sua svolta mediatica e commerciale, ma soprattutto perchè appena poche settimane prima (il 20 marzo) la Coppa Rimet (oggi semplicemente Coppa del Mondo) era stata rubata dalla teca che la ospitava alla Westminster City Hall: una vera macchia per l'intelligence britannica, che dopo qualche giorno arrestò il colpevole – tale Edward Bletchley – senza tuttavia trovare la Coppa.

Ci volle il fiuto del cane Pickles a scovarla una settimana più tardi, avvolta in un giornale tra i cespugli, durante una passeggiata con il proprio padrone David Corbett. A giocare la partita inaugurale è la squadra ospitante per sole due edizioni, Inghilterra '66 e Messico '70: dal 1974 al 2002 tocca invece alla nazionale campione in carica, mentre a partire dai Mondiali di Germania 2006 si torna alla vecchia formula a seguito di una modifica nel regolamento, che costringe anche la detentrice del titolo a passare dalle qualificazioni per partecipare all'edizione successiva.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SERIE B
36 min

«A Lugano mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Ascoli? È quello che cercavo»

Mario Piccinocchi aveva chiuso la sua avventura in bianconero dopo quattro anni: «Cercavo qualcosa di nuovo»

LIGUE 1
3 ore

Icardi indesiderato a Parigi per colpa di Messi?

L'argentino non sarebbe stato accolto bene dai connazionali Paredes e Di Maria. Su suggerimento di Leo...

L'OSPITE - ARNO ROSSINI
6 ore

«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»

Copenaghen può dare la spinta o affossare il Lugano. Arno Rossini: «L'Europa è una vetrina importantissima. È come esporre la merce sugli Champs-Élysées invece che a Monte Carasso»

HCAP
15 ore

Ambrì, blackout e disattenzioni: a Berna arriva la terza sconfitta

I biancoblù, ancora a secco di punti, hanno perso 4-1 alla PostFinance Arena. Tre reti a inizio secondo tempo (di cui ben due in shorthanded) hanno compromesso la sfida

HCL
15 ore

Lugano ancora al tappeto, fa festa solo il Davos

Bianconeri sconfitti anche nella seconda uscita stagionale. I grigionesi si sono imposti 3-2 alla Cornér Arena, decisivi Wieser e Tedenby

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile