Keystone
RUSSIA 2018
10.07.18 - 12:500

Kylian Mbappé, il piccolo Obama sulle tracce di Pelé

Il giovane talento francese è l'unico U20 della storia dei Mondiali - insieme al mitico O'Rey - ad aver realizzato una doppietta in un match della rassegna iridata

SAN PIETROBURGO - Quando nel 1998 la Francia alzava al cielo la sua prima e, finora unica, Coppa del Mondo, lui non era ancora nato.

Nelle cinque partite giocate fin qui in Russia Kylian Mbappé ha già infranto due record: grazie al gol segnato contro il Perù è diventato il più giovane calciatore francese ad aver mai segnato in una competizione internazionale superando il precedente primato di David Trezeguet (risalente proprio al ’98), mentre la doppietta con cui ha trascinato i galletti alla vittoria per 4-3 sull’Argentina lo ha reso il secondo Under 20 della storia ad aver segnato due reti in un match mondiale. L’altro, ormai lo saprete, è un certo Pelé.

Mbappé è un predestinato, tanto esplosivo sul campo quanto pacato e riflessivo fuori. Non è un caso che, fra i tanti suoi soprannomi, vi sia “Le petit Obama”, affibbiatogli dall’ormai ex compagno di squadra Benjamin Mendy per il carisma da lui dimostrato durante la conferenza stampa di presentazione al Psg.

Lo scorso febbraio è stato invitato dal presidente Macron a una colazione all’Eliseo insieme al presidente della Liberia Weah e all’ex calciatore Drogba per discutere del futuro dello sport africano: «Se posso sfruttare la mia fama per aiutare l’Africa lo farò con grande piacere”, è stata la sua risposta.

Una bontà d’animo che Mbappé ha dimostrato anche con la maglia dei Bleus: come rivelato da Le Parisien, infatti, il giocatore ha rinunciato a tutti i guadagni provenienti dall’avventura in Russia con Nazionale (a oggi più di 150mila euro, ma potrebbero diventare 350mila in caso di trionfo finale) affinchè siano devoluti in beneficienza a “Premier de cordée”, un’associazione che attraverso lo sport aiuta i bambini malati e disabili.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
11 min

«Al Canada brucia ancora. Ora tocca a El Nino, Fiala e Hischier»

L'ex attaccante di Lugano e Ambrì degli anni '90 - Stefano Togni - ha parlato del match dei quarti di finale contro i nord-americani: «L'importante è arrivare in fondo, non importa l'avversario»

QATAR
7 ore

Dietrofront FIFA: «In Qatar sarà un Mondiale a 32 squadre»

I Mondiali del 2022, che si giocheranno dal 21 novembre al 18 dicembre, non saranno a 48 squadre

SUPER LEAGUE
9 ore

Il Lugano frena, pari alla Maladière: Xamax condannato allo spareggio

I bianconeri di Celestini, fermati sull'1-1 dai neocastellani, vengono superati in classifica dal Lucerna (terzo). Successi preziosi per San Gallo (4-1 sull’YB) e Sion (3-0 sul GC). Ok il Basilea

HCAP
11 ore

«In Champions l'obiettivo è di non sfigurare. Conz? Cerchiamo un sostituto svizzero, ma...»

Paolo Duca, ds biancoblù, ha parlato del sorteggio di CHL e della ricerca di un nuovo estremo difensore: «Vogliamo giocarcela al massimo delle nostre possibilità»

CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
14 ore

Ambrì con Banska Bystrica, Red Bull Monaco e Färjestad

In Champions League i biancoblù sono stati inseriti nel Gruppo G

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report