LNA
25.03.14 - 07:060
Aggiornamento : 25.11.14 - 02:37

Nodari: "La finale con il Bienne? Non abbiamo paura"

Il difensore del Rapperswil si è espresso sulla finale dei playout che vede coinvolta la sua squadra e il Bienne. Il ticinese spende due parole anche sul Lugano, uscito in cinque partite nei quarti

RAPPERSWIL - Questa sera scatta la finale dei playout che mette di fronte Bienne e Lakers. Anche dopo il girone di sei partite introdotto a partire da quest’anno, bernesi e sangallesi hanno infatti terminato il campionato agli ultimi due posti della graduatoria. Il vantaggio casalingo ce l’ha la formazione di Schläpfer che però in stagione ha battuto soltanto due volte su sei il Rapperswil. Abbiamo tastato il polso in casa Lakers con il difensore ticinese Matteo Nodari.

Matteo, come vedi la finale della paura con il Bienne?
“Non credo si possa parlare di finale della paura. Noi di paura non ne abbiamo. Sappiamo che possiamo battere il Bienne e già quest’anno in quattro occasioni su sei siamo usciti vincitori. Saranno partite fisiche e dunque dovremo dare il 100% per spuntarla”.

Sabato avete vinto 4-2 con il Bienne: conta quel successo a livello mentale?
Presumo sarà tutta un’altra storia. Loro hanno giocato senza due linee e pure noi abbiamo lasciato a riposo diversi elementi. È chiaro però che la vittoria ci ha dato fiducia”.

Il vantaggio casalingo che ha il Bienne vi spaventa?
Non credo che il vantaggio casalingo sarà determinante. In una serie come la finale dei playout, dove si gioca molto sui nervi, credo che il fatto di giocare un’eventuale settima in casa non sia decisivo”.

Come valuti la nuova formula dei playout? Ti piace?
“Non è il massimo in quanto Berna e Zugo erano già quasi salvi. Dunque era quasi inutile giocare e noi e il Bienne abbiamo rischiato inutili infortuni in vista della finale. Fosse per me tornerei alla vecchia formula”.

Cosa dici dei tuoi vecchi compagni del Lugano? Ti ha sorpreso la loro eliminazione?
Sì, mi ha sorpreso perché il Lugano pensavo fosse una candidata per il titolo visto come aveva giocato anche contro di noi. Onestamente pensavo andasse più avanti, ma comunque il Ginevra si è rivelato un avversario tosto”.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
3 ore
«Io non giocherei, noi ultima ruota del carro»
Ripresa difficile per i calciatori: corpo e mente messi alla prova.
LUGANO
6 ore
Convivere con il virus: Lugano, lentamente si riparte
Il gruppo di Super League si è ritrovato agli ordini di mister Jacobacci.
HCAP
9 ore
«Salary cap, licenze e retrocessioni: giusto riflettere a 360°»
Luca Cereda: «Dal 1. giugno comincerà il secondo blocco della preparazione. Flynn e D'Ags? Ci raggiungeranno in luglio»
SVIZZERA
17 ore
Gli spettatori potrebbero tornare allo stadio da luglio
Daniel Koch: «Lo sport è un settore importante e adesso le restrizioni devono essere allentate»
LIGUE 1
18 ore
«Uno scandalo assoluto, siamo degli idioti»
Aulas, patron del Lione, è furioso: «Ripartono anche in Spagna. Qui il protocollo Uefa non è stato nemmeno guardato»
SCI ALPINO
20 ore
Moser dona 300'000 franchi, Wengen si salva?
Swiss-Ski ha deciso di ritirare la richiesta di sostituzione del Lauberhorn dal calendario della FIS
FORMULA 1
1 gior
«Sogno e prego che Schumi possa migliorare»
Felipe Massa, ex compagno di Schumacher ai tempi della Ferrari: «Ho informazioni dirette sul suo stato di salute, ma...»
SERIE A
1 gior
Dubbi su Juve-Inter: aperta un'indagine
Il patron della Lazio è stato subito convocato per fornire chiarimenti e approfondire i suoi sospetti
TENNIS
1 gior
Naomi Osaka da record: più di 37 milioni d'introiti in un anno
Mai nessuno nella storia del tennis femminile era stato in grado di raggiungere un guadagno simile in una sola stagione
TENNIS
1 gior
King Roger: «Non mi sto allenando e non vedo motivi per farlo»
Il campione renano è rilassato: «Era dal 2016 che non stavo a casa per cinque settimane consecutive»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile