LNA
25.03.14 - 07:060
Aggiornamento : 25.11.14 - 02:37

Nodari: "La finale con il Bienne? Non abbiamo paura"

Il difensore del Rapperswil si è espresso sulla finale dei playout che vede coinvolta la sua squadra e il Bienne. Il ticinese spende due parole anche sul Lugano, uscito in cinque partite nei quarti

RAPPERSWIL - Questa sera scatta la finale dei playout che mette di fronte Bienne e Lakers. Anche dopo il girone di sei partite introdotto a partire da quest’anno, bernesi e sangallesi hanno infatti terminato il campionato agli ultimi due posti della graduatoria. Il vantaggio casalingo ce l’ha la formazione di Schläpfer che però in stagione ha battuto soltanto due volte su sei il Rapperswil. Abbiamo tastato il polso in casa Lakers con il difensore ticinese Matteo Nodari.

Matteo, come vedi la finale della paura con il Bienne?
“Non credo si possa parlare di finale della paura. Noi di paura non ne abbiamo. Sappiamo che possiamo battere il Bienne e già quest’anno in quattro occasioni su sei siamo usciti vincitori. Saranno partite fisiche e dunque dovremo dare il 100% per spuntarla”.

Sabato avete vinto 4-2 con il Bienne: conta quel successo a livello mentale?
Presumo sarà tutta un’altra storia. Loro hanno giocato senza due linee e pure noi abbiamo lasciato a riposo diversi elementi. È chiaro però che la vittoria ci ha dato fiducia”.

Il vantaggio casalingo che ha il Bienne vi spaventa?
Non credo che il vantaggio casalingo sarà determinante. In una serie come la finale dei playout, dove si gioca molto sui nervi, credo che il fatto di giocare un’eventuale settima in casa non sia decisivo”.

Come valuti la nuova formula dei playout? Ti piace?
“Non è il massimo in quanto Berna e Zugo erano già quasi salvi. Dunque era quasi inutile giocare e noi e il Bienne abbiamo rischiato inutili infortuni in vista della finale. Fosse per me tornerei alla vecchia formula”.

Cosa dici dei tuoi vecchi compagni del Lugano? Ti ha sorpreso la loro eliminazione?
Sì, mi ha sorpreso perché il Lugano pensavo fosse una candidata per il titolo visto come aveva giocato anche contro di noi. Onestamente pensavo andasse più avanti, ma comunque il Ginevra si è rivelato un avversario tosto”.

Commenti
 
TOP NEWS Sport
MOTOGP
1 ora
Soldi e ingegneri per continuare, Rossi tra ambizione e ritiro
Il Dottore non correrà oltre il 2020 se non sarà veloce e... «Continuando così non risolveremo mai i nostri guai»
GLAND
4 ore
«Michael Schumacher è grave», ma Corinna risponde
Botta e risposta tra l'ex manager e la moglie dell'ex campione tedesco
HCL
7 ore
«Herburger? Velocità e visione di gioco: risponde alle nostre necessità»
Hnat Domenichelli, GM del Lugano, ha commentato l'ingaggio di Raphael Herburger per la prossima stagione: «Vogliamo un gioco più offensivo, ci aiuterà. Rispetto a Bienne è un giocatore più completo»
PREMIER LEAGUE
8 ore
Multa di 20'000 sterline se in ritardo, di 1'000 se squilla il telefono
Frankie Lampard ha fissato ammende salate per chi, al Chelsea, sgarra su orari, vestiario ed “educazione”
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Jelovac lascerà l'Ambrì: biennale col Rapperswil
I sangallesi hanno comunicato l'ingaggio del difensore 24enne e del giovane attaccante Marco Lehmann. Inoltre Simek, arrivato in prestito dal Ginevra, resterà al Rappi sino a fine stagione
HCL
11 ore
Nuovo attaccante a Lugano: biennale ad Herburger
Il centro austriaco - già visto in Svizzera con la maglia del Bienne - giocherà in bianconero nel 2020/21 e 2021/22
Hockey
14 ore
L'Ambrì è dietro (solo) al Ginevra: gli stranieri delle Aquile hanno più... NHL nelle gambe!
Gli unici tre ad aver vinto la Stanley Cup sono invece Viktor Stalberg del Friborgo, Eric Fehr del Ginevra e Markus Krüger dei Lions (due volte)
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
17 ore
Napoli raso al suolo, «ADL regista occulto, sarà rivoluzione»
La polveriera partenopea è pronta a esplodere. Arno Rossini: «Ancelotti è inattaccabile e comunque non se ne andrà: un allenatore non si dimette mai»
TENNIS
23 ore
Nole cade contro Thiem: con Federer sarà un duello da brividi
Novak Djokovic ha perso l'entusiasmante braccio di ferro con l'austriaco, vittorioso (5)6-7, 6-3, 7-6(5). Giovedì King Roger sfida il serbo per un posto nelle semifinali alle Atp Finals
HCL
1 gior
Lugano senza argomenti: a Zurigo arriva il quarto ko consecutivo
I bianconeri sono stati “suonati” 7-2 da Bodenmann (tripletta) e compagni. Nello stesso tempo il Friborgo ha steso il Ginevra all'overtime (2-1): Sprunger match-winner
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile