Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
+8
HCL
29.10.21 - 22:220
Aggiornamento : 30.10.21 - 15:22

Il Bienne piega il Lugano fra le mura amiche

Con Boedker di nuovo in sovrannumero, i bianconeri sono stati battuti in trasferta dai Seelanders (4-1).

Decisive le reti dell’ex Cunti, Schläpfer, Lööv e Rajala. Per i ticinesi ancora a segno Hudacek.

di Redazione

BIENNE - Non è riuscito a cogliere una seconda vittoria consecutiva il Lugano di McSorley dopo il successo di martedì contro l’Ajoie. In trasferta a Bienne, primo in classifica con 42 punti - una lunghezza di vantaggio sul Friborgo (41), che è però sceso sul ghiaccio una volta in meno - e autore finora di un ottimo campionato, i bianconeri sono sembrati poco ispirati in una partita giocata su ritmi bassi.

I padroni di casa hanno condotto per tutta la partita grazie al gol di Cunti dopo soli cinque minuti di gioco e il Lugano è riuscito solo raramente a rendersi pericoloso. Inutile la rete di Hudacek a fine secondo tempo e il finale più convincente dei ticinesi.

L’entrata in materia è stata pessima per gli uomini di McSorley, colpiti in ripartenza dopo meno di cinque minuti (4’56’’, 1-0). A fare male al Lugano ci hanno pensato i due ex Brunner e Cunti, autori rispettivamente dell’assist e del gol del vantaggio. La reazione dei ticinesi è stata invece praticamente inesistente, a tal punto che gli ospiti hanno chiuso il primo periodo con soli tre tiri tentati. Troppo poco per mettere in pericolo la squadra di Törmanen, andata pure vicina al 2-0 sul finale, di nuovo con Cunti, che per pochi centimetri non ha insaccato.

Al rientro sul ghiaccio la sfida è andata avanti su ritmi bassi fino al 29', momento in cui il Lugano ha sfiorato il pareggio, prima di subire il 2-0 sulla stessa azione. Arcobello non è stato in grado di concludere davanti a Van Pottelberghe e sulla ripartenza Schläpfer ha infilato il disco tra i gambali di Irving (28’59’’, 2-0). Questa seconda rete ha però svegliato gli uomini di McSorley che hanno accorciato le distanze con il cecchino Hudacek, autore di una fucilata sul primo palo che gli è valso il suo sesto gol con i bianconeri (35’40’’, 2-1). Il Bienne ha poi chiuso il periodo centrale con una clamorosa situazione di cinque contro tre non sfruttata, dopo le penalità inflitte a Traber e Chiesa.

Per pareggiare i conti la truppa di McSorley ha avuto a disposizione la sua prima situazione di superiorità numerica dopo cinque minuti trascorsi nel terzo tempo. A essere pericoloso è stato il solito Hudacek, il quale ha però colpito solo il palo esterno. A meno di dieci minuti dal termine, il Lugano ha cercato di aumentare i ritmi per provare un ultimo assalto, andando di nuovo vicino al 2-2 con Thürkauf (53’). Alla fine però non è bastato e il Bienne ha siglato il 3-1 decisivo a tre minuti dal termine con un tiro di Lööv (56’40’’, 3-1), prima di chiudere con un quarto gol di Rajala a porta vuota (58’39’’, 4-1).

Domani sera, sabato, il Lugano tornerà alla Cornèr Arena per affrontare un Ginevra-Servette finora in pessima forma. Un’occasione da cogliere assolutamente per la squadra dell’ex allenatore granata McSorley.

BIENNE - LUGANO 4-1 (1-0, 1-1, 2-0)

Reti: 4’56” Cunti (Brunner) 1-0; 28’59’’ Schläpfer (Karaffa) 2-0, 35’40’’ Hudacek (Thürkauf) 2-1, 56’40’’ Lööv 3-1, 58’39’’ Rajala 4-1.

LUGANO. Irving; Riva, Alatalo; Mirco Müller, Nodari; Wolf, Chiesa; Haussener, Villa; Bertaggia, Arcobello, Fazzini; Josephs, Thürkauf , Hudacek; Morini, Herburger,

Penalità: Bienne 1x2'; Lugano 3x2'.

Note: Tissot Arena 5'293 spettatori. Arbitri: Piechaczek, Fluri; Burgy, Fuchs.

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 6 mesi fa su tio
Troppi falli inutili di Traber e Chesa!!! Difesa 27, 32, 37 e 88 allo sbandoe e in ritardo mentre i 17, 36 e 10 non sono capaci a realizzare i gol !!! auguri e Forza Lugano
Evry 6 mesi fa su tio
Troppi falli inutili di Traber e Chesa!!! Difesa 27, 32, 37 e 88 allo sbandoe e in ritardo mentre i 17, 36 e 10 non sono capaci a realizzare i gol !!!
uriah heep 6 mesi fa su tio
Errore era HCL !!😩😩
uriah heep 6 mesi fa su tio
FCL; gioco oramai sorpassato di Mc Sorley, prevedibile , inconcludente, non mi piace questo giocare e ahimè non si va da nessuna parte così !!😩😩
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
1 ora
Italia, zero illusioni: «Nessuna possibilità di andare al Mondiale»
Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha fatto chiarezza: «Ecuador escluso? Ci andrebbe un'altra sudamericana».
TAMPERE & HELSINKI 2022
10 ore
La Svizzera cala il poker: vinta (anche) la battaglia con la Slovacchia
Match intenso, spezzettato e combattuto a Helsinki, dove i rossocrociati hanno firmato la quarta vittoria filata (5-3).
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Colpo Ginevra: Linus Omark torna a Les Vernets
L'attaccante svedese - la scorsa stagione al Lulea - ha deciso di onorare il suo contratto con le Aquile.
TAMPERE & HELSINKI 2022
14 ore
L'Italia sogna fino al 59'... poi perde all'overtime
La truppa di Ireland si è inchinata 2-1 alla Francia di Bozon. Nello stesso tempo la Norvegia ha steso l'Austria 5-3.
PROMOTION LEAGUE
15 ore
Breitenrain rinuncia alla Challenge League, assist d'oro al Bellinzona
Problemi di infrastrutture insormontabili: i bernesi dicono no al campionato cadetto
FOTOGALLERY
LUGANO
16 ore
"È qui la Coppa": Cornaredo preso d'assalto
Porte aperte a Cornaredo: tifosi, simpatizzanti e curiosi si sono dati appuntamento per ammirare da vicino il trofeo
IL SORPASSO...A QUATTRO RUOTE
21 ore
Si corre al Montmeló: Mercedes, adesso o mai più...
Quanti i motivi d'interesse in vista della gara di domenica: dal 2017 ha sempre vinto Hamilton...
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
«L’Inter lo scudetto lo ha già perso»
Arno Rossini: «Il Milan? Un pescatore che ha in mano un pesce e che è teso perché sa che non può farselo scappare»
TAMPERE & HELSINKI 2022
1 gior
Tre su tre: la Svizzera non brilla, ma supera il Kazakistan
I rossocrociati, nonostante una prova piuttosto opaca, hanno sconfitto 3-2 i kazaki.
HCAP
1 gior
«Lo seguivamo da tempo, si tratta di un difensore completo»
Il direttore sportivo dell'Ambrì si è espresso in merito al nuovo innesto
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile