Freshfocus, archivio
HCL
04.05.21 - 20:240
Aggiornamento : 05.05.21 - 11:12

«Pelletier? La decisione più difficile da quando sono GM del Lugano»

Hnat Domenichelli: «Scelta fatta per il bene del club. Siamo alla fine di un ciclo, per la società inizia una nuova era»

LUGANO - Serge Peletier non è più l'allenatore del Lugano. Il suo contratto, giunto a naturale scadenza il 30 aprile, non è stato infatti rinnovato.

Dopo quasi due stagioni è dunque terminata l'avventura del 55enne alla Cornèr Arena. L'head-coach canadese era arrivato in Ticino alla fine del mese di dicembre del 2019 – per sostituire Sami Kapanen – rilevando i bianconeri al penultimo posto in classifica. In tutto questo tempo è stato in grado di dare un gioco e un'identità alla sua squadra, cogliendo dapprima un insperato ottavo posto – senza però poter disputare i playoff a causa della pandemia – per poi piazzarsi secondo quest'anno dietro allo Zugo.

Contro la sua permanenza ha sicuramente pesato la deludente eliminazione nei quarti di finale dei playoff per mano del Rapperswil. «Non è stato per niente semplice prendere questa decisione e per quanto mi riguarda è stata la più difficile da quando ricopro questo ruolo», ha analizzato il GM del Lugano Hnat Domenichelli. «Questa scelta è stata fatta soltanto per il bene e per il futuro del Lugano. Vogliamo impostare un nuovo progetto sportivo a medio termine, optando per un profilo diverso di head-coach. Siamo alla fine di un ciclo e per il club inizia una nuova era».

Come giudichi l'operato di Pelletier? «Serge ha svolto un ottimo lavoro e il secondo posto in regular season verrà ricordato a lungo, ma la nostra valutazione è andata oltre rispetto ai risultati che ha ottenuto. Ogni volta che si deve prendere una decisione di questo tipo è necessario analizzare al meglio ogni aspetto e ogni dettaglio. Avevo già vissuto questa situazione con Kapanen e in quel momento ero convinto che Pelletier fosse la figura migliore per aiutare il Lugano. Ho poi pensato la medesima cosa anche alla fine dello scorso campionato, quando ho deciso di riconfermarlo. Questa volta, usando lo stesso metro di giudizio, ho preferito cambiare».

Domenichelli inizierà la terza stagione da quando è General Manager dei bianconeri e la squadra sta prendendo sempre più la sua impronta. «Il mio compito è di mettere il Lugano nelle migliori condizioni possibili per affrontare al meglio ogni campionato e per raggiungere dei traguardi ambiziosi. È un lavoro molto impegnativo, ma gratificante e anno dopo anno la squadra si avvicina sempre di più a quella che è la mia visione dell'hockey».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cle72 1 mese fa su tio
Come già detto più volte l'anno prossimo vedrete Domenichelli e Mc sorley con il sacco in spalla e discuterete dell'ennesimo flop sportivo. Ribadisco spiace per i giocatori, ma finché la dirigenza sarà questa nada...
Evry 1 mese fa su tio
@cle72 Potresti metterti a dfisposizione con il tuo sacco da scalatore magari... buona giornata
pardo54 1 mese fa su tio
Ma è l’allenatore che deve plasmare la squadra o ilGM? A me sembra che qui qualche cosa u ciarloca in dal manic. Ha sicuramente fatto di più il buon Pelletier in un anno e mezzo che il supponentone GM in 3 anni. E lo dico da osservatore esterno, da tifoso biancoblu.
F/A-19 1 mese fa su tio
@pardo54 Mah, ci hai un poco di ragione anche te, è tutta una questione di filing 😅
Tato50 1 mese fa su tio
Paga sempre chi sta in panchina quando magari il problema è altrove ( e qui ci metto lo zampino di qualche "Star"). Se quello che arriverà farà peggio richiamerete Pelletier ?
Evry 1 mese fa su tio
@Tato50 Certo che il Coach paga anche per certi fannulloni a corrente alternata, purtroppo... penso che questa anno qielli che pensano di essere delle "Star" non l'avranno facile, speriamo
vulpus 1 mese fa su tio
Forse per chi è addentro nei misteri dell'hockey, comprende. Ma questo allenatore , durante questa stagione si trovava ben in basso alla classifica e l'ha riportata in cima. Probabilmente per arrivare a tanto, gli atleti sono stati spremuti fino all'osso, per poi ritrovarsi senza energie al momento del rasch finale. E quì il club avrebbe dovuto prevedere un qualche rinforzo. Che questo sia motivo per non rinnovare il contratto sembra piuttosto debole.
Evry 1 mese fa su tio
Hnat, con tutto rispetto ma rifletti perchè "ogni parola è fonte di errore" !!!!!! quindi non starnazzare troppo, auguri
Genchi 67 1 mese fa su tio
Domenichelli non sparare queste s.......e ,hai preso una decisione e portala in avanti,ma per favore non essere falso .Sei solo un pagliaccio
la garita 1 mese fa su tio
Chissà se il prossimo sarà quello giusto ? e quanti mesi durerà !!
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
EURO 2020
14 min
«Eriksen? Mai lontanamente intravisto un problema»
L’Inter si è stretta attorno al centrocampista danese: «Abbiamo passato una brutta ora»
EURO 2020
2 ore
La rivincita della semifinale Mondiale
Nella giornata odierna britannici e croati - appartenenti al Gruppo D - si affronteranno a Londra (ore 15).
EURO 2020
13 ore
«Eriksen respira e riesce a parlare. È fuori pericolo»
L'agente del giocatore - Martin Schoots - ha voluto rassicurare i tifosi.
EURO 2020
14 ore
Sospiro di sollievo per Eriksen: «È stato stabilizzato»
Il centrocampista della Danimarca si è accasciato al suolo in occasione della sfida con la Finlandia.
EURO 2020
15 ore
Massaggio cardiaco per Christian Eriksen: c'è apprensione per lui
È successo in occasione del match fra Danimarca e Finlandia. Disperati i giocatori in campo e partita sospesa.
EURO 2020
17 ore
La Svizzera parte con il freno a mano tirato
La Nazionale elvetica non è andata oltre all'1-1 contro il Galles. Annullata una rete al ticinese Gavranovic nel finale.
MOTOMONDIALE
18 ore
Biaggi non ci sta: «Bisogna dare sanzioni più dure»
Il 49enne italiano sentenzia: «Ci sono gruppi selvaggi, piloti che cambiano direzione sul rettilineo...»
BELLINZONA
21 ore
I nodi dell'ACB: «Non ci hanno permesso di fare i professionisti»
Cambia la proprietà, si punta al top. Rossini: «Nessun dubbio: se Pablo comincia qualcosa poi vuole arrivare in fondo»
EURO 2020
23 ore
Nel nome del padre
Combattente e simbolo: Yussuf Poulsen vuol trascinare la Danimarca
EURO 2020
1 gior
«Questa Italia è una grande squadra, ci ha dominato»
Il ct della Turchia Gunes si è espresso in seguito al netto ko rimediato contro gli azzurri all'esordio europeo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile